Ago 14 2020

la legge del più forte-milleseicentonovantasei 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – milleseicentonovantasei

Il caso Tortora è il più famoso degli ultimi decenni, e vien da pensare che se i giudici si son comportati così con un personaggio famoso, ben sapendo che sarebbe stato loro esaminato ogni minimo atto, figuriamoci con le persone sconosciute, tipo quelle elencate in maggioranza da www.errorigiudiziari.com; ma non basta il caso Tortora: e tutti i politici alla Berlusconi, assaliti con processi campati per aria, nell’indifferenza dei colleghi, specie di sinistra? La scusa è apparentemente buona: si difenda nel processo! Chè tanto finisce sui giornali, ma quando, mi ripeto, la persona è sconosciuta, come succede nella maggior parte dei casi, la sinistra la lascia in balia, e lo dimostra l’archivio di www.errorigiudiziari.com, del giudice che potrebbe anche esser negligente, indaffarato, distratto, eccetera, come qualsiasi professionista.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

qui cremona-settecentoventiquattro 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

QUI CREMONA – settecentoventiquattro

Alla Giunta Palimberti non ne va bene una sulle ciclabili: o non si accorge di qualche palo, o dove han disegnato le strisce il terreno smotta! www.cremonaoggi.it

—Una vera e propria voragine si è aperta nell’asfalto lungo la pista ciclabile di via Brescia, un paio di chilometri dopo Cremona Solidale: il tratto è interrotto con delle transenne, per evitare che qualche ciclista disattento possa farsi male. La situazione, fa sapere il vice presidente della Provincia, Rosolino Azzali, si è creata a causa del collegamento del depuratore di Pozzaglio a quello di Cremona, che si trova proprio a quell’altezza. “Sembra che lo smottamento sia dovuto a un problema di assestamento legato alla presenza dell’impianto” spiega. A questo proposito in mattinata i tecnici dell’amministrazione provinciale sono intervenuti, in coordinamento con i colleghi di Padania Acque, per cercare di trovare la causa del problema—

Prima pagina di riguardo della Provincia fin che c’è, titolo principale:

—Scuole anti – covid: 6 milioni—

Più sotto la foto dell’incendio all’Acciaieria, con l’Arpa che assicura: zero rischi!

Anche il Giorno si occupa dell’incendio, con una versione meno edulcorata:

—Allarme per un’alta colonna di fumo sviluppata da un incendio che ieri mattina alle 8.30 è scoppiato all’interno dell’Accieria Arvedi di Spinadesco. Le fiamme – innescate da cause da accertare – hanno interessato una torre di raffreddamento, in particolare la copertura da cui si è alzata la colonna visibile anche a grande distanza, tanto che alcuni comuni del Piacentino hanno invitato le persone a non uscire di casa nell’immediato. Il pronto intervento delle squadre antincendio dell’azienda e dei vigili del fuoco ha consentito in meno di un’ora di spegnere le fiamme prima di procedere allo smassamento. Un operaio è stato portato per controlli precauzionali al Pronto soccorso. Chiuse alcune strade per non far avvicinare nessuno alla zona. L’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia, Raffaele Cattaneo ha poi rassicurato: «Arpa e Vigili del fuoco sono intervenuti prontamente. La situazione è sotto controllo anche dal punto di vista delle emissioni in aria. Non ci sono state conseguenze e Arpa ha ritenuto di non dover effettuare il campionamento dell’aria nella zona interessata»—

Dal sito della Diocesi, quasi una poesia:

—Rimasta nascosta fino ad oggi e custodita nella Sala Capitolare della Cattedrale di Cremona, la Madonna del Popolo presto potrà ritornare ad essere ammirata da tutti nel Museo Diocesano. Eseguita intorno agli anni ottanta del Trecento, in origine era collocata sopra l’altare maggiore della Cattedrale. Alterne vicende la depodestarono dal suo trono, fino a sottrarla per disposizioni vescovili alla devozione popolare, come la maggior parte delle statue vestite. Una piccola conquista per la statua lignea sacrificata e scarnificata da improvvidi interventi: raspata, tagliata, anzi scuoiata nei secoli, abrasa e mutilata, forse per adattarla alla moda dei tempi che furono, vestita con paramenti di tessuti pregiati, broccati, stoffe ricamate, gioielli e corone dorate. La Madonna del Popolo ha conservato un volto materno, rassicurante, ma allo stesso tempo severo e solenne. I lunghi capelli raccolti in una treccia che scende dalle spalle sino alla fine della schiena, ricordano la femminilità delle migliori opere lombarde, veronesi e toscane del Trecento. Vezzosa e arguta raffinatezza delle migliori acconciature. Purtroppo cromie e dorature sono irrimediabilmente perse, la consistenza del dolce legno dal quale è stata scolpita si è trasformata in un delicatissimo materiale spugnoso.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

paolo cirino pomicino 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

PAOLO CIRINO POMICINO

dice a Repubblica: noi eravamo onesti, questi sono zero.

Mani Pulite è stata una tragedia per i partiti che avevano governato tanto, e fu condotta per sbarazzarsi di essi, ma fossero stati onesti sarebbero ancora in sella, con buona pace di Lega e Berlusconi.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

informazione senza garanzia 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

INFORMAZIONE SENZA GARANZIA

I titoli dei quotidiani e dei siti internet di ieri offrono l’occasione di parlare di una delle tante deviazioni del processo penale. Il Presidente del Consiglio Conte e cinque ministri hanno ricevuto dalla Procura di Roma, in relazione all’epidemia da Covid e ai provvedimenti che hanno di conseguenza adottato, un’informazione di garanzia che prospetta i reati di epidemia colposa ed omicidio colposo e addirittura quelli di attentato alla Costituzione e attentato ai diritti politici del cittadino. Si è trattato di un caso un po’ particolare in quanto la notizia è stata data direttamente dalla Presidenza del Consiglio e, a quanto si legge, la Procura avrebbe prudentemente già lasciato intendere che l’iniziativa era un “atto dovuto” e che le accuse, che dovrebbero essere in teoria valutate dal Tribunale dei Ministri, sarebbero poco convincenti.

Tuttavia non accade sempre così, in modo così soft ed elegante. Nella maggior parte dei casi l’iscrizione avviene quando le indagini sono appena iniziate e sono ancora informi ed è percepita dall’opinione pubblica come una sorta di condanna anticipata. Del resto viene puntualmente passata alla stampa, certo non dal cancelliere, e spesso proprio dalla stampa gli interessati ne vengono a conoscenza. La sua sola esistenza può diventare una variabile incontrollabile degli equilibri politici del paese o di una Regione. Pensiamo all’informazione di garanzia nel 2008 per concussione all’on. Mastella che ha contribuito all’immediata caduta del governo Prodi sulla base di una prospettazione di accusa poi finita nel nulla. Da qualche settimana, come sappiamo, è stato iscritto nel registro degli indagati il governatore della Lombardia, senza entrare minimamente nella vicenda ma solo per dire che sono argomenti attuali.

Dovrebbe essere un istituto a tutela degli indagati ma in realtà l’unica garanzia che l’informazione di garanzia dà è quella di essere sbattuti sui giornali.

Proprio per frenare questa stortura l’ ex Procuratore capo di Roma Pignatone nel 2017 aveva adottato una circolare ricordando che l’iscrizione non è un atto meramente burocratico e che può essere spesso strumentalizzata per fini diversi da quelli dell’accertamento processuale, soprattutto nei contesti di contrapposizione politica, economica, professionale. Lo stesso vale ovviamente per il cittadino comune. Aveva quindi raccomandato ai suoi sostituti di non procedervi in modo affrettato ma solo quando a carico di una persona emergessero specifici elementi indizianti ed un quadro cognitivo tale da individuare a suo carico gli elementi essenziali di un fatto qualificabile come reato e potessero già essere individuate significative fonti di prova.

In sostanza raccomandava di non scrivere sul registro semplicemente un nome e un cognome accanto a uno o più articoli del Codice penale ma di procedere solo quando a carico di qualcuno si fossero condensati elementi di accusa significativi, quelli che, per spiegarsi, con il vecchio Codice, legittimavano un dettagliato mandato di comparizione. Accusare prima e pubblicamente è invece una forzatura salvo i casi, ma non sono molti, in cui c’è effettivamente la necessità di invitare la persona coinvolta a partecipare ad un determinato atto, ad esempio una perizia.

Altrimenti vi è il rischio che la garanzia diventi una gogna e uno strumento di pubblicizzazione della qualità di indagato grazie ai rapporti che intercorrono tra molti uffici giudiziari e i mezzi di comunicazione. Con danni non riparabili sul piano pubblico e privato soprattutto quando, magari molto tempo, dopo l’indagine si concluda con una completa archiviazione, relegata, come spesso succede, in un trafiletto sui giornali.

E’ a questa interpretazione che bisognerebbe sempre attenersi. Non ci dovrebbero essere nel sistema “atti dovuti” ma solo atti motivati e ragionati. Per evitare anche il pericolo, sempre in agguato, che magari il “dovere” diventi il “piacere” di abbellire le proprie indagini.

Guido Salvini

magistrato

No responses yet

Ago 14 2020

magari responsabile era lei, 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

MAGARI RESPONSABILE ERA LEI, ma il vigile, cortese, ha consegnato il verbale a lui; da Blitz Quotidiano. —Matrimonio a Lecce, poco prima che una coppia di sposi entrasse in chiesa, arriva il vigile urbano irreprensibile e multa la coppia di sposi per troppo rumore. Stando al verbale dell’ufficiale, il clacson dell’auto d’epoca noleggiata per l’occasione avrebbe superato i decibel consentiti nel centro storico di Lecce. Troppo rumore. E così il vigile urbano ha messo mano al taccuino prendendo nota dei nomi dei trasgressori nonostante l’animata contestazione di sposini e invitati alla cerimonia. La sposa ha urlato al vigile: “Stai rovinando il giorno più bello della mia vita” ma l’agente ha continuato nel suo servizio consegnando al neo marito una contravvenzione da 85 euro.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

titoli ansa 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

TITOLI ANSA e a seguire il lungo articolo, che non mi convince: coi piedi nudi la miglior presa sui pedali. —Alla guida in ciabatte o a piedi nudi? Si può ma si rischia In caso d’incidente assicurazione può rivalersi su automobilista

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

in attesa del processo giusto 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

IN ATTESA DEL PROCESSO GIUSTO

Da www.ilriformista.it; ma la colpa è di tutti i governi, nessuno escluso, degli ultimi 75 settantacinque anni…..

—Lo dice anche l’Europa. Nel più recente quadro di valutazione Ue della giustizia, l’Italia non esce bene dal confronto con gli altri Stati membri sui temi della efficienza, della qualità e dell’indipendenza dei sistemi giudiziari. Eppure l’Italia è la patria del diritto, terra di cultura e tradizioni. Ma non basta più. Secondo l’Europa, il nostro Paese deve migliorare l’efficienza della giustizia e il funzionamento della pubblica amministrazione. Troppe leggi, troppi processi, procedure troppo lunghe, una scarsa capacità amministrativa e un basso livello di digitalizzazione: eccoli, secondo il quadro di valutazione Ue della giustizia 2020, i motivi delle inefficienze del nostro sistema giudiziario.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

il crollo del morandi 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

IL CROLLO DEL MORANDI

E’ la gara per dire: i responsabili pagheranno. Intanto i Benetton, quelli del: non abbiamo controllato i manager, han preso un mare di soldi dal Governo.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

erano un movimento, 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

ERANO UN MOVIMENTO,

i 5 Stelle, ma da oggi indossano gli abiti del partito: sì all’alleanza col Pd, sì al terzo mandato.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Ago 14 2020

renato crotti non ha distratto nulla, 14 08 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

RENATO CROTTI NON HA DISTRATTO NULLA,

dichiara l’azienda a www.cremonaoggi.it!

—Questa mattina presso lo stabilimento cremonese di Acciaieria Arvedi c’è stato un incendio alla torre di raffreddamento dell’impianto acque, per cause che sono in corso di accertamento, chiarisce l’azienda in una nota. “Grazie alle rigide misure di sicurezza e alle procedure di emergenza, che sono immediatamente scattate, l’incendio è stato domato in meno di un’ora, per il pronto intervento della squadra antincendio di Acciaieria Arvedi e dei Vigili del Fuoco. Nessuna persona è stata coinvolta nell’incendio e non ci sono feriti. Nessuna sostanza pericolosa o nociva è stata toccata dall’incendio e, dai risultati ad ora disponibili – in attesa di quelli definitivi, i cui esiti saranno confermati nella giornata di domani – le centraline non hanno evidenziato nessun problema o criticità sia per la qualità dell’aria, sia da un punto di vista ambientale. Tutti i sistemi di presidio ambientale sono prontamente entrati in funzione e intervenuti in maniera efficace e le acque utilizzate nello spegnimento dell’incendio sono state convogliate in un punto di raccolta”.

Francoforte 14 08 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Next »