Archive for the 'Politica nazionale' Category

Gen 02 2019

mattarella chiama, orlando e de magistris rispondono 02 01 2019

Published by under costume,Politica nazionale

MATTARELLA CHIAMA, ORLANDO E DE MAGISTRIS RISPONDONO!
Dal discorso del presidente:
—Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee, ma rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore.
Non sono ammissibili zone franche dove la legge non è osservata e si ha talvolta l’impressione di istituzioni inadeguate, con cittadini che si sentono soli e indifesi—
Titolo da Repubblica:
—I sindaci contro il dl sicurezza. Orlando e De Magistris: “Non lo applichiamo”—
Titolo dalla Stampa:
—Il ministro dell’Interno risponde e attacca: «E’ una legge dello Stato che mette ordine e mette regole»—
Il ministro dell’Interno Salvini attacca……………………………

Cremona 02 01 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 02 2019

pensiero lievemente diverso, 02 01 2019

Published by under Politica nazionale

PENSIERO LIEVEMENTE DIVERSO,
diffuso dall’Agenzia Ansa; poi realizzarlo…….
—Giusto tagliare sprechi e spese inutili, è nel contratto di governo e lo faremo. Ma per la Lega le priorità degli Italiani sono cose anche più concrete: avanti con il taglio delle tasse, estensione della Flat Tax e della pace fiscale, taglio della burocrazia e revisione del Codice degli Appalti, cancellazione definitiva della legge Fornero, approvazione dell’Autonomia e finalmente una legge nuova che garantisca il diritto alla legittima difesa”. Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini. Stamani in un video Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista del M5S hanno annunciato di volere, tra l’altro, tagliare gli stipendi dei parlamentari, promuovendo una nuova legge in materia.

Francoforte 02 01 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 23 2018

non disturbare il manovratore 23 12 2018

NON DISTURBARE IL MANOVRATORE
avanzando il diritto di chiacchiera, come pretende da ieri notte il Partito democratico, che minaccia perfino un ricorso alla Corte Costituzionale, non so quanto praticabile: in 70 settanta anni di Repubblica il potere legislativo non ha mai avuto autonomia d’alcun genere, tranne a volte col voto segreto, ma è sempre stato una specie di garçonnière dei governi…….

Francoforte 23 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 20 2018

competenze da valorizzare 20 12 2018

COMPETENZE DA VALORIZZARE
Attilio Fontana, governatore della Lombardia, poteva risparmiarsi la rivelazione che la Lega ha scelto i nuovi direttori degli ospedali in base alla competenza, non lo faceva nemmeno Lorenzo il Magnifico, al motto: prima gli uomini di cui mi fido!
Almeno per non mettere in difficoltà i “competenti”, come il nuovo direttore di Cremona, Giuseppe Rossi, che previene la domanda naturale di Cabrini Mauro, della Provincia fin che c’è:
—E so già cosa mi vuole chiedere eccetera eccetera—
Insomma, tra i titoli, magari non decisivi spiega lui, è il chitarrista della band di Bobo Maroni, titolo che evidentemente mancava al predecessore, Camillo Rossi. Che si presta alla grande foto in testa all’articolo, Bobo al piano, il competente alla chitarra, tanto per far piacere ai resti di Forza Italia: quando c’eravamo noi ste cose non succedevano! Che poteva rispondere il competente all’ultima domanda di Cabrini Mauro, “faccia una promessa a Cremona, allora”?
“Ogni scelta che adotterò, la adotterò valutando prima di tutto le competenze”

Cremona 20 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 20 2018

governo sconfitto 20 12 2018

GOVERNO SCONFITTO Dall’Agenzia Agi; confermo di nuovo: se c’è stata trattativa con l’Unione Europea e, tranne Repubblica con benpensanti al seguito, tutti l’abbiamo colta, vuol dire che materia da discutere ce n’era, come per i migranti di Salvini; se fino a Gentiloni non c’era, questa è la prova sul campo che il Governo del rinnovamento ha compiuto il suo dovere!
—Il premier Giuseppe Conte, in un’intervista al ‘Corriere della Sera’, racconta la trattativa che ha portato al via libera alla Manovra, ringrazia il capo dello Stato Mattarella e dice come ha convinto i suoi vice, Di Maio e Salvini. Spunta poi anche l’ipotesi Tari nella bolletta. “Dovevo portare a casa – spiega – un risultato importante per l’Italia: evitare l’apertura di una procedura di infrazione per debito eccessivo. L’ho fatto e ne sono felice per il mio Paese. Quanto al mio ruolo, in certi passaggi è necessario enfatizzarlo, altre volte preferisco operare sintesi in maniera più discreta”.
“È stata una trattativa con alti e bassi – continua – che ho cercato di affrontare con perseveranza e tenacia. Sapevo di dover raggiungere un obiettivo utile al mio Paese. E ho cercato di perseguirlo sapendo che c’erano condizioni non solo tecniche ma politiche delle quali tenere conto nell’interesse del Paese”. “Con l’Europa bisogna dialogare, sempre – insiste il premier – E questo mi pare di averlo fatto con ostinazione. Ma bisogna anche farlo senza rinunciare al proprio programma politico e ai propri obiettivi”.
“Attraversare una procedura di infrazione – ribadisce a proposito della Manovra – che avrebbe messo sotto controllo i conti dell’Italia per sette anni, inutile negarlo, avrebbe avuto un costo politico molto elevato, e forse non del tutto prevedibile. L’impianto della manovra è rimasto quello iniziale. Ci hanno dato flessibilità e abbiamo introdotto dei meccanismi per reperire le risorse finanziarie. Non abbiamo mai pensato a una manovra-schiaffo, a una ribellione antieuropea. Non avevamo argomenti pregiudiziali per dimostrare qualcosa. Il nostro è un approccio pragmatico: avevamo solo da rispettare gli impegni presi con gli elettori”.

Cremona 20 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 18 2018

ancora una conferma 18 12 2018

Published by under Politica nazionale

ANCORA UNA CONFERMA
da ItaliaOggi: c’era spazio per trattare con l’Unione Europea e il Governo Salvini l’ha usato.
—L’Italia, invece, ha spiegato ancora Moscovici, vuole finanziare in deficit una politica di rilancio dell’economia triennale, “In Francia ci sta che l’emergenza sociale, sia affrontata con misure eccezionali,con uno sforamento temporaneo limitato a un anno e quindi autorizzato dalle regole. Sull’Italia ci sta una politica di rilancio su 3 anni”. Moscovici, comunque, ha ribadito di lavorare affinché “l’Italia non venga sanzionata. Penso che sarebbe una cosa negativa. E’ un grande Paese della zona euro, dove ha il suo posto”

Cremona 18 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 16 2018

schierarsi perché 16 12 2018

Published by under costume,Politica nazionale

SCHIERARSI PERCHE’
Ho preso la tessera 2019 di Forza Italia per un senso di gratitudine verso Berlusconi: non ci fosse stato lui nel 1994 il Partito comunista, che aveva appena cambiato nome in Partito Democratico della Sinistra, Pds, poi Ds e oggi Pd, guidato da Achille Occhetto, alla testa della “gioiosa macchina da guerra” avrebbe sinistrato l’Italia per anni e anni. Riconoscenza e nulla più, e molta tristezza nel vedere come s’è ridotto oggi il partito nato liberale: lotta di onorevoli capi e capetti per le poltrone, che spariranno appena spariscono i voti che le sorreggono; noi elettori siamo lì per caso. Ma dovessi prendere una tessera con la ragione non avrei dubbi: Lega e Salvini!

Cremona 16 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 14 2018

il bicchiere a metà 14 12 2018

IL BICCHIERE A META’
I benpensanti uniti, preti, sinistri e orbi, contro il Governo. Ma se l’Unione Europea tratta, è la prima volta; se il Governo, misure economiche, migranti, qualcosa ottiene, vuol dire che il margine per un pur minimo braccio di ferro c’era.

Cremona 14 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 13 2018

giusta o sbagliata, 13 12 2018

GIUSTA O SBAGLIATA,
è il nostro premier, han risposto i conservatori, come succede sempre in Italia……..
—Theresa May ce l’ha fatta. La sua leadership vacilla ma non cade. La premier ha superato indenne la prova della ribellione interna. La mozione di sfiducia promossa dai falchi Tories contro la prima ministra è stata respinta. La fiducia nella May è stata confermata con voto segreto da 200 deputati su 317: uno in più dei 199 con cui ha conquistato la guida del partito nel 2016, a seguito delle dimissioni di David Cameron, per la sconfitta al referendum sulla Brexit. I dissidenti conservatori non sono riusciti a raggiungere la maggioranza assoluta di 159 voti per abbattere la tanto odiata premier. Eccetera eccetera, dall’Opinione delle Libertà.

Cremona 13 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Dic 13 2018

il movimento qualunque 13 12 2018

IL MOVIMENTO QUALUNQUE
E adesso, finalmente inchinati alle regole dell’Unione Europea, come “traducono” i 5 Stelle le promesse agli elettori, specie del Sud?

Cremona 13 12 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »