Archive for the 'Politica nazionale' Category

nov 19 2018

parola di salvini! 19 11 2018

Published by under costume,Politica nazionale

PAROLA DI SALVINI!
Al Corriere della Sera:
—«Se non mi fanno “saltare”, io vado fino in fondo» alle questioni economiche italiane perché ci «hanno votato per rimettere al centro le trasparenze, il denaro pubblico speso bene, e l’interesse dei cittadini». Secondo Salvini, «ci sono enormi interessi economici in ballo. Ovunque tu ti muova vai a toccare interessi economici stratificati da anni» perché si toccano «degli interessi sulle multinazionali, sulle lobby dei grandi settori come i tabacchi e i giochi».
Il vicepremier difende l’azione del governo in campo economico e punta il dito contro le «grandi multinazionali» e i commissari europei che avrebbero interessi particolari sull’Italia: «Hanno fatto il tentativo con la piccola Grecia — ha sottolineato, evocando il dissesto finanziario che colpì Atene nel 2010 e che portò all’arrivo della «troika» per gestire di fatto l’economia greca — e ora vogliono provare a fare il colpo grosso. Ma con noi non ci riescono». Per Salvini «l’economia italiana è sana» e altrettanto lo è il sistema creditizio. «Abbiamo uno dei risparmi privati più elevati al mondo — ha rimarcato — ed è lì che vogliono arrivare. E io vi do la mia parola d’onore che mai e poi mai metterò mano ai risparmi con una patrimoniale o con una tassazione di nessun genere».
Salvini ha risposto ironicamente a chi gli chiedeva del possibile arrivo di commissari Ue in Italia: «Li vado a prendere a Fiumicino con cappuccio e brioche». «L’Onu manderà i suoi commissari e l’Europa ce li manda per vedere come spendiamo i soldi degli italiani – aggiunge – ma ricordatevi bene che noi mandiamo a Bruxelles miliardi che non tornano indietro». Per poi aggiungere: «Quello che abbiamo fatto sull’immigrazione lo faremo anche in economia l’immigrazione è un fenomeno epocale. Eppure abbiamo ridotto gli arrivi: volere è potere»

Cremona 19 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 08 2018

spostato l’inizio della lite 08 11 2018

SPOSTATO L’INIZIO DELLA LITE
Digrignando i denti, per opposti motivi, lo annunciano al Corriere Lega e 5 Stelle……
—L’accordo sulla prescrizione è stato trovato: anche se Matteo Salvini, nell’annunciarlo, mette subito sull’avviso gli alleati: «Va bene riformare la prescrizione, ma solo con tempi certi». E quei tempi sono, innanzitutto, quelli dell’entrata in vigore della riforma: «Entrerà in vigore in modo posticipato, nell’ambito della riforma epocale della giustizia penale, l’anno prossimo», spiega il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, secondo il quale, però, «l’emendamento non cambia». Insomma, precisa Salvini: «La norma entrerà in vigore dal gennaio 2020». Un accordo che fa tutti contenti — il M5S che può scandire lo slogan «Ottime notizie! #BastaImpuniti e la Lega che rinvia di un anno decisioni scomode —, ma che ha il sapore di un compromesso di facciata.

Cremona 08 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

nov 03 2018

il segreto di pulcinella 03 11 2018

Published by under costume,Politica nazionale

IL SEGRETO DI PULCINELLA Basta capire cosa chiedono gli elettori, invece di imporre il proprio volere; dal Corriere della Sera:
IL SONDAGGIO
La Lega sale al 34,7 e ruba voti al M5S
Crollo Cinquestelle nelle regioni del Nord

Cremona 03 11 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 30 2018

i primi passi 30 10 2018

I PRIMI PASSI
per abbattere i 2400 miliardi del debito pubblico; da HuffPost
—Danilo Toninelli, in un’intervista concessa per il nuovo libro di Bruno Vespa, assicura che ci metteremo d’accordo con la Francia per non fare la Tav.

Cremona 30 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 18 2018

ci sarà la corsa e, 18 10 2018

CI SARA’ LA CORSA E,
in caso di numeri eccessivi, il sorteggio tra il meglio della società italiana, indipendente e autonomo, pronto ad offrirsi al Partito democratico; dal Corriere della Sera, la voce suadente di Walter Veltroni:
—Se è una lista europeista aperta, guidata da personalità indipendenti e autonome, che raccolga insieme con il Pd tante energie della società, la mia risposta è sì. I capilista non devono essere divisi tra le correnti del Pd, ma scelti nel meglio della società italiana.

Francoforte 18 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 05 2018

chi è di scena 05 10 2018

CHI E’ DI SCENA
Dall’Agi; Berlusconi si preoccupa se a comandare sono gli altri e vorrebbe nuove elezioni, in fretta, per un nuovo centrodestra: chi prende meno voti, dirige!
—Silvio Berlusconi si è detto “preoccupato dalla deriva autoritaria” dei 5 stelle e che questo governo porti al “baratro” non solo economico ma anche sul fronte delle ?libertà. “Auspichiamo la fine prossima di questo governo – ha aggiunto -e il centrodestra si ripresenterà agli elettori”.?

Cremona 05 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 05 2018

notizie vere e inventate 05 10 2018

NOTIZIE VERE E INVENTATE
Bisogna impegnarsi per trovare l’inventata, ops, volevo dire: la fake news!
-Mattarella firma il decreto Salvini sulla sicurezza, ma ricorda al premier Conte gli obblighi della Costituzione.
-Mattarella presiede il Consiglio superiore della magistratura e ricorda ai giudici di non invadere le funzioni costituzionali del Governo e del Parlamento.

Cremona 05 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 03 2018

se non cambiamo testa, 03 10 2018

Published by under costume,Politica nazionale

SE NON CAMBIAMO TESTA, noi di Forza Italia, siam destinati a sparire, e in fretta. Qui è Anna Maria Bernini, capogruppo al Senato, su l’Opinione delle Libertà; gli elettori il 4 marzo ci hanno premiato, sì, però manca il seguito: con un calcio nel culo; siamo secondi nel centrodestra, su tre, e ogni giorno che passa diventiamo sempre più secondi; il presidente Berlusconi ha permesso eccetera: sì cara, certo cara, hai ragione cara……. —Il direttore Arturo Diaconale, che conosco e stimo come autorevole giornalista e come liberale a tutto tondo, ci suggerisce di entrare nella maggioranza pur senza entrare nel governo. In pratica, dando un appoggio esterno. Decisione che sarebbe coerente, secondo lui, con la scelta di essere alleati della Lega in periferia, a livello locale, anche non essendolo più, o non ancora, a livello nazionale. Condivido in buona parte l’analisi di Diaconale, dissento però dalla ricetta: entrare nella maggioranza aumenterebbe l’ambiguità, invece di superarla. Noi di Forza Italia restiamo fedeli al programma sul quale gli elettori ci hanno premiato il 4 marzo con la maggioranza relativa. Troppo spesso si dimentica che il centrodestra è la coalizione uscita vincente dalle Politiche e che il gruppo di Forza Italia, che ho l’onore di presiedere al Senato, è il secondo per numero di componenti. Sappiamo tutti che solo per senso di responsabilità il presidente Berlusconi ha permesso la nascita di un governo Lega-5 stelle, riservandosi di dare il sostegno a tutte le misure che corrispondano al programma sottoscritto con Lega e Fratelli d’Italia. Senza pregiudizi, senza preclusioni. Quindi, quello che in parte Diaconale ci consiglia di fare lo facciamo già— Eccetera eccetera
Cremona 03 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 02 2018

estrarre i principi esatti 02 10 2018

ESTRARRE I PRINCIPI ESATTI
Da Repubblica, che gongola del bisticcio; anche Salvini è impreciso: il buon vino va amato, senza se e senza ma; però ricordiamoci, destri o sinistri che si sia: finanza internazionale e Unione Europea nel 2011, eliminato Berlusconi, hanno messo al suo posto il professor Monti e la Fornero
—Tutta colpa dell’Europa. Da Salvini e Di Maio, a metà pomeriggio, parte l’atto d’accusa nei confronti di Bruxelles per le reazioni dei mercati al Def italiano. Il più duro è Matteo Salvini, che sceglie un bersaglio in particolare: il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. “Parlo con persone sobrie, che non fanno paragoni che non stanno né in cielo né in terra”, ha risposto alla cronista di Tagadà di La7 che gli chiedeva di commentare le dichiarazioni di “chi nella Commissione europea ha paragonato l’Italia alla Grecia”, come fatto dal presidente della commissione, Jean Claude Juncker. Il vicepremier ritorna dunque sulla polemica già accesa ieri, quando, con un chiaro richiamo al presunto amore per il vino del presidente della commissione Ue, aveva detto: “In Italia nessuno si beve le minacce di Juncker, che ora associa il nostro Paese alla Grecia”.

Cremona 02 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

set 30 2018

i maestri cantori 30 09 2018

I MAESTRI CANTORI
Da Repubblica; il presidente Mattarella impartisce un severa lezione al Governo:
—La Costituzione chiede equilibrio di bilancio. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella interviene nel dibattito sulla manovra con un monito che lascia pochi dubbi. La Carta fondamentale “rappresenta la base e la garanzia della nostra libertà, della nostra democrazia” e all’articolo 97 “dispone che occorre assicurare l’equilibrio di bilancio e la sostenibilità del debito pubblico”—
I maestri cantori, Mattarella 2017 compreso, mai hanno cantato tanto bene, prima; Salvini e Di Maio scavezzacolli sì, ma non son certo responsabili dei 2300 miliardi di debito pubblico, venuti su come funghi negli ultimi 40 anni, destri e sinistri che fossero i Governi; o Mattarella 2018 esige che i due provvedano al riassetto dei conti?

Cremona 30 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »