Archive for the 'Censura' Category

nov 24 2012

l’ira di achille 24 11 2012

Published by under Censura,cronaca nazionale

L’IRA DI ACHILLE
Che infiniti addusse lutti agli Achei, inizia Omero, e non vorrei succedesse lo stesso coi giornalisti incazzati nerissimi perché la riforma sulla diffamazione non produce ciò che vogliono: la quasi totale impunità che, da artigiani della parola, trasformano in “Libertà di opinione”. Che ovviamente in Italia, un pochettino anche prima, ma è assoluta e senza conseguenze dal 26 aprile 1945: non dico la galera, neanche una multa di dieci euro per chi dice e scrive ciò che pensa.
Ma i giornalisti son molto peggio dei politici, che si limitano nel peggiore dei casi a profittare del reale: pretendono di creare il mondo!
Mi ha colpito la sfuriata di Cesare Martinetti sulla Stampa di ieri, a cominciare dal titolo: L’ultima brutta legge ad personam.
E’ ad personam perché nei casi più gravi vorrebbe il carcere per i diffamatori, non lo sarebbe se lo togliesse!
E, continua, è un’assurdità il carcere per i giornalisti! Notate bene, per i giornalisti, non per il cittadino comune che potrebbe commettere lo stesso reato, del cittadino comune la casta se ne sbatte ampiamente le palle!
Bastano un paio di estratti per inquadrare il signorino: “come se le leggi, che devono essere fatte nell’interesse di tutti, dovessero invece rispondere a bisogni e contingenze particolari, su comando, ad personam, appunto.”
Più che “interesse di tutti”, che è impossibile, parlerei di diritti, molto più esatto e raggiungibile, ma il signorino naturalmente, quando accenna agli interessi, mira solo ai suoi, non a quelli del diffamato, da liquidare eventualmente a suon di spiccioli.
Ecco la difesa: “Ma anche per i giornalisti la minaccia del carcere appare anacronistica, vessatoria, sbagliata. E sia chiaro che non lo diciamo per una banale difesa corporativa. Noi riteniamo che i giornalisti che diffamano per superficialità o mancanza di professionalità o, peggio, per scelta editoriale, devono essere sanzionati. Ci sono molti modi, a cominciare dal risarcimento civile accanto alla condanna penale. Ma la minaccia del carcere, dove poi non ci finisce mai nessuno, è soltanto un’inutile, arrogante e retorica prova di forza simbolica detta dalla frustrazione dei politici.”
Lo so, vi ho annoiato. Spero di farvi sorridere con Filaminta, Les femmes savantes, atto quinto, ultima scena: a me “Condanna”? Ah, questa poi! “Condanna” lo si applica soltanto ai criminali.

Cremona 24 11 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

ago 24 2012

sinistra come insulto 24 08 2012

Published by under Censura,costume

SINISTRA COME INSULTO
Strabiliante notizia da Londra, appena dopo quella di voler invadere l’ambasciata dell’Ecuador, non protetta dalle Convenzioni internazionali perché di Paese inerme: George Orwell era troppo di sinistra e non merita una statua davanti alla sede della Bbc, per cui lavorò nei terribili anni della guerra, sotto le bombe di Hitler. Il suo libro più noto, La fattoria degli animali: tutti gli animali sono eguali, ma qualcuno (il maiale Napoleon incarnazione di Stalin) è più eguale degli altri, era così di sinistra che non venne pubblicato in GB fin che l’Unione Sovietica fu alleata contro i tedeschi.
Il monito è, non ci sono altri motivi, Orwell era sì della parte giusta, e lo sarebbe anche oggi, ma noto “per la sua integrità priva di compromessi e per la sua onestà”: non basta essere alleati, bisogna anche dire sempre di sì.
Monito antico quanto la Storia dell’uomo.
Divertente, per me, e chiedo scusa agli amici di sinistra, che essere di sinistra sia un insulto; fino a ieri ero convinto che insultante fosse solo “comunista”……

Cremona 24 08 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

feb 28 2012

corano 28 02 2012

Published by under Censura,costume

CORANO

Perbenismo occidentale. Pur criticando gli eccessi della reazione, tutti a sentenziare: non si brucia un libro sacro. Rispetto: spontaneo eh…. non paura, per le altre religioni. Sberleffi invece d’ogni tipo al nostro Dio, Gesù, Madonna (provate a chiamare una donna di spettacolo Allah) etc, i santi hanno quel “San” davanti al nome che li rende poco maneggevoli, prova della nostra libertà di pensiero!

Cremona 28 02 2012 ww.flaminiocozzaglio.info

p.s. niente accuse di partigianeria, sono un agnostico rispettoso di tutte le divinità, Giove compreso.

No responses yet

dic 07 2011

questione di scelte 07 12 2011

Published by under Censura,cronaca cremonese

QUESTIONE DI SCELTE

Titolo di www.cremonaoggi.it:
“Bufera discarica, nelle intercettazioni anche Rossoni, l’assessore provinciale Pinotti e il sindaco di Cappella Cantone”
Titolo irriguardoso, perché sembra voler dire che i tre siano implicati nelle indagini, mentre leggendo l’articolo è chiaro che il loro nome è stato fatto in chiacchierate tra altri, per motivi tutti da accertare.
Titolo pericoloso, perché i tre potrebbero anche chiedere congrue riparazioni al giornale.
Giorni fa ho spedito al direttore e alla redazione il post con la sentenza della causa che il direttore della Provincia, Zanolli, mi ha intentato, perché a suo parere lo diffamavo, e ha perso, chiedendo lo pubblicassero tra le lettere: silenzio. Accusa che in genere viene rivolta alla sola Provincia: pubblica ciò che vuole.
Evidentemente non è la sola. Pare più comodo lamentarsi in generale di una Cremona chiusa e bigotta, che dar voce a chi chiuso e bigotto non vuole essere.

Cremona 07 12 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

nov 15 2011

censura 15 11 2011

Published by under barzellette,Censura

CENSURA

A Cremona è sempre di moda irridere la Provincia, oggi Piva e Zanolli, che a ben guardare a casa loro, sul loro giornale, hanno il diritto di scrivere ciò che piace, e se sbagliano, pagano di tasca propria.
Silenzio invece da quei democratici che ogni minuto starnazzano sulla libertà di espressione del pensiero, difesa dalla Costituzione etc etc, non sto a ripetere le lagne che leggete ogni giorno in ogni luogo, e di sottecchi, io sono fastidioso, lo so, si sentono autorizzati a chiedere ai giornali degli altri di non farmi scrivere, o almeno sforbiciare per la dovuta censura…..autentici democratici di sinistra!!

Cremona 15 11 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

set 25 2011

prenderlo nel culo 25 09 2011

Published by under Censura,costume

PRENDERLO NEL CULO

Golosissimo, pubblicato ripetutamente negli ultimi anni di vita da Luigi Veronelli, non riesco a sopportare nulla del pesce, base di tanti piatti della grande cucina: mi dà fastidio tutto, la forma, l’odore crudo e cotto, una puzza insopportabile, per me, la sensazione sotto i denti quando mi son sforzato di assaggiarlo, non parliamo del sapore. Insomma, mi esprimo grossolanamente, nel mio corpo ci deve essere una composizione chimica diversa, in questo caso peggiore, dagli altri uomini. Non è scelta, son fatto così.
Per spiegare, cari membruti figaioli, che non avete questo gran merito se vi piacciono le donne: siete, siamo nati così, come la maggior parte, quindi poche arie, non avete/abbiamo scelto nulla, un altro ha disposto per noi. Provate a pensare dove mettereste la vostra spocchia, se avesse disposto il contrario.
E come è messa male, questa spocchia, contro tutti i principi di libertà e rispetto che hanno creato nei secoli la nostra civiltà, prova ne sia, attacco gli uomini, sono i più feroci, che avete l’abitudine di infierire contro gli omo maschi, non le femmine, che per voi resterebbero sempre graziosi ninnoli da conquistare. Che trionfo scopare una bella lesbicona! Che prova di virilità!
Quanto è malmesso il nostro mondo: se mi rinfacciate di non mangiare il pesce e confermo, nulla succede. Se mi rinfacciate di prenderlo nel culo ho l’obbligo morale di querelarvi.
Riflessione che ho deciso di scrivere sulla notizia della lista, vera o falsa non cambia, di gay; per dire quanto è radicato il brutto sentimento di derisione, addirittura l’indagine della Procura di Roma.
Libero e felice il tempo in cui a nessuno salterà in mente di chiedere al vicino cosa fa tra le sue lenzuola, in cui non sarà un unico Vendola a spiegare, se vuole, cosa fa, in cui se vien chiesto sarà normale rispondere: a lei, alla società, cosa interessa?

Cremona 25 09 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

set 10 2011

boffare 10 09 2011

Published by under Censura,costume

BOFFARE

Premessa l’ovvietà che qualsiasi forma di scandalismo è buona solo se rivolta contro B, mi incuriosiscono la nascita e l’uso continuo di un neologismo: il caso Boffo. Che consisterebbe (sempre a opera dei B e assimilabili) nell’inventare calunnie per togliere di mezzo una persona fastidiosa. Se così fosse, non lasciamo il merito a B: è una pratica vecchia quanto il mondo. Ma vediamo i fatti. Dino Boffo, direttore dell’Avvenire, il giornale dei vescovi, prende a criticare la vita privata di B, che, figuriamoci, pratica sesso a gogò, anche con ragazzine spinte nel suo letto da madri provette investitrici. Ricordiamoci sempre: le critiche, c’è chi può e chi non può. I vescovi possono, gli altri sono maldicenti.
Vittorio Feltri, direttore del Giornale, proprietà B, pubblica una specie di comparsa difensiva: Boffo è stato condannato per molestie telefoniche alla moglie di un ragazzo suo amico e, da un documento che risulta in seguito non originale, sconfessato, senza paternità, falso, come più aggrada, è un noto omosessuale. Non donnaiolo impenitente: omosessuale, cioè la “deviazione” che, quando scoperta, dagli altri, negli ambienti di chiesa, viene, come si può dire? “minimizzata” , anche nelle forme più subdole, del tipo, non lo sapevamo, ma adesso lo mettiamo in castigo etc etc ….
Da mettere in evidenza la classe di Boffo: per telefono lui non ha mai seccato nessuno, ha accettato la condanna per coprire il vero colpevole, nel frattempo morto, comportamento che in diritto penale si chiama autocalunnia, come se Previti tra cent’anni dicesse, ho accettato le condanne per coprire B.
Secondo tempo. Boffo presenta le dimissioni, l’Avvenire le rifiuta, lui le ripresenta, l’Avvenire le accetta, proprio come prevede il minuetto. Perché è stato diffamato dal giornale di B? Certo, se la tesi è presentata a un popolo di fessi creduloni.

Cremona 10 09 2011 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

lug 21 2011

parole mai dette 22 07 2011

Published by under Censura,costume

PAROLE MAI DETTE

Impegnati a mettere le toppe sui guai della Grecia, gli economisti dell’Unione Europea danno un’occhiata in giro, e plaudono la manovra finanziaria dell’Italia, targata Berlusconi.
Repubblica e Corriere, al solito, dedicano quattro pagine all’argomento.

Cremona 22 07 2011 www.flaminocozzaglio.info

No responses yet

lug 21 2011

napolitano censurato 22 07 2011

Published by under Censura

NAPOLITANO CENSURATO

Da neodemocratici in divisa e non, per le sue dichiarazioni troppo ardite sui rapporti tra politica e magistratura. Titoli dei maggiori quotidiani on line, esclusi gli eretici Libero e Giornale: il Presidente Napolitano dice basta agli scontri tra politici e giudici. Uno si ferma al titolo e pensa al solito pistolotto di parte. Gli viene il dubbio, legge l’articolo e scopre che Repubblica, Corriere, Stampa etc non hanno avuto il coraggio di andare fino in fondo imbrogliando anche nel testo. Sintesi, ricevendo gli ultimi vincitori di concorso a giudice, Napolitano ha ripetuto la predica di mesi fa’: basta protagonismi, basta eccesso di intercettazioni, basta passarle alla stampa, rispettate la legge in ogni punto. Detto pubblicamente da uno che è anche il presidente del Consiglio superiore della magistratura….
Per finire l’invito, condiviso da chi crede nelle Istituzioni: riforma della Giurisdizione, sì, è indispensabile, ma la facciano d’accordo maggioranza e opposizione.

Cremona 22 07 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

mar 22 2011

il crocifisso non è innocuo 22 03 2011

Published by under Censura,costume

IL CROCIFISSO NON E’ INNOCUO

Non ho l’abilità di Gian Enrico Rusconi , fondista principe della Stampa , sono un uomo semplice e rozzo , che ha letto in vita sua cento libri , compresi quelli di scuola , per cui non riuscirei a scrivere un lungo articolo che termina così : l’esito finale della lunga appassionata controversia sul crocifisso in aula è stato il più impegnativo che si potesse immaginare , nessuna imposizione di legge , ma ragionevole intesa tra tutti gli interessati , in nome dell’universalismo e del rispetto reciproco .
Se ho capito bene , in mancanza di ragionevole intesa , via da tutti gli uffici pubblici le rituali foto del Presidente della Repubblica in carica , potrebbero offendere la sensibilità di chi non lo voleva .

Cremona 22 03 2011 www.flaminiocozzaglio.info

3 responses so far

« Prev - Next »