giu 09 2018

fatti e commenti 09 06 2018

Published by at 3:37 pm under barzellette,costume,cronaca nazionale

FATTI E COMMENTI
O attacchi e difese, si scelga a preferenza; www.affaritaliani.it ricorda un fatto spiacevole per la sinistra: domani si vota, e tanto!
—Elezioni comunali 2018. Domenica 10 giugno i cittadini di 761 comuni italiani sono chiamati alle urne per eleggere i sindaci e i consigli comunali. Le elezioni amministrative 2018 coinvolgono 6.749.654 cittadini. In caso di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci, si voterà domenica 24 giugno.
Elezioni amministrative 2018 sono un importante banco di prova dopo la nascita del governo Lega-M5S guidato da Giuseppe Conte. Stando ai pochi sondaggi usciti in campagna elettorale, alcuni pubblici e molti riservati, l’impressione della vigilia è quella di un’affermazione del Centrodestra grazie all’exploit della Lega che eccetera eccetera— Il Sistema Italia, simile a una piovra, risponde in tanti modi al Nuovo che avanza, ne scelgo due a caso; sul Corriere, il tecnico, Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia: —«Non si può tacere che ci sono dei vincoli che dobbiamo tenere presenti» come «l’equilibrio nei conti pubblici» e quindi « non fare il passo più lungo della gamba e quando lo si fa bisogna farlo misurato per non cadere nel burrone». Lo ha detto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, a Milano presso la sede della banca centrale in piazza Cordusio per la presentazione dell’iniziativa «Incontri con la Banca d’Italia» , una iniziativa che mira a far conoscere ai cittadini funzioni e obiettivi dell’istituto centrale. «L’incertezza che vi è in attesa delle misure che si metteranno effettivamente in atto e di capire dove si va a finire, blocca gli investimenti», ha continuato Visco parlando a braccio con riferimento alle iniziative annunciate dal governo Conte e dalla maggioranza Lega-M5S. Un messaggio che arriva in una giornata di tensione sulle borse, con lo spread volato sopra i 260 punti e rendimenti dei Btp decennali oltre il 3%— E’ l’esperto di soldi che parla: smettiamo di votare Lega e 5 Stelle perché il mondo ce la fa pagare, ma coi nostri soldi! Quasi religiosa, invece, la spiegazione di Repubblica: —sottolinea l’ex premier Paolo Gentiloni, e la platea lo sostiene con una ovazione. “Ora abbiamo bisogno di tutto, tranne che di un paese aggressivo verso i vicini, verso altre comunità religiose e le nostre comunità di stranieri, di una maggioranza che non si accorge della gravità dell’omicidio di Sacko a San Ferdinando. Agli elettori di sinistra lancio un appello: sì, abbiamo fatto anche tanti errori ma chi il 4 marzo non ci ha votato per dispetto ora si trova Salvini al governo. La sinistra è quella che dice di no e noi lo abbiamo fatto poco. La sinistra non può essere una carriera. Siamo sempre accusati di essere un paese ballerino ma in fondo in settant’anni siamo rimasti un paese profondamente europeista e alleato degli Usa che ci hanno liberato dal nazi-fascismo— Va bene, siamo barbari e votiamo per dispetto, così ci troviamo Salvini al governo invece di Piero Grasso, che non ha fatto carriera, come ogni buon sinistro che si rispetti. Certo che ricordare son stati gli Usa e non la Resistenza a liberarci dal nazi-fascismo vuol dire cercar rogne, e non con noi di Destra…….
Rivolta 09 06 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.