ott 11 2017

sono i polverosi che abbattono la democrazia 11 10 2017

Published by at 7:12 pm under barzellette,costume,cronaca nazionale

SONO I POLVEROSI CHE ABBATTONO LA DEMOCRAZIA Altro che il povero Mussolini, finalmente riabilitato, in parte; certo gli mancava solo l’estremo oltraggio, finire nella stessa vasca dei quattro sotto; dal blog dell’unico Maestro d’oggi, Grillo Beppe: —Era il 1923 quando per la prima volta nella storia d’Italia venne apposta la fiducia su una legge elettorale. C’era il Fascismo e si trattava della legge Acerbo, fortemente voluta da Benito Mussolini per assicurare al Partito Nazionale Fascista una solida maggioranza parlamentare. Allora si opposero i deputati dei gruppi socialisti, i comunisti, la sinistra liberale e quei popolari che facevano riferimento a don Sturzo. Oggi chi sostiene di ispirarsi ai principi della sinistra, invece, non solo accetta questo sistema ma addirittura lo propone. La stessa pseudo-sinistra da palazzo che crede di potersi fregiare di un titolo solo perché inventa una goffa legge per togliere di mezzo i palazzi e le strutture architettoniche costruite nel Ventennio. Sono semplicemente ridicoli e ipocriti. Apologia del fascismo è fare quel che ha fatto il fascismo quasi cento anni fa. Apologia del fascismo è ignorare la volontà popolare, impedendo agli italiani di esprimersi democraticamente. Questa è una legge voluta non dai partiti, ma da quattro persone che pensano solo alla propria polverosa poltrona, si chiamano Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Angelino Alfano. Sono i polverosi che abbattono la democrazia. Fare questa legge ora significa andare contro alle regole che ci ricordano anche organismi terzi, per cui non si deve cambiare la legge elettorale nei dodici mesi precedenti il voto. A questi quattro delinquenti non interessa affatto.
Cremona 11 10 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.