giu 30 2017

la legge del più forte-cinquecentosessantotto 30 06 2017

Published by at 12:18 pm under costume,cronaca cremonese,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – CINQUECENTOSESSANTOTTO Dal Dubbio on line: —Un’anziana costretta a salire in macchina e rapinata. La difficoltà di individuare gli autori del reato. Fino alla soluzione trovata dai giudici: puntare tutto sulla profonda fede cristiana della vittima, garanzia indubitabile della sua attendibilità. È in virtù di questo principio che la prima sezione penale del Tribunale di Messina ha stabilito la condanna del presunto rapinatore a 7 anni e 7 mesi di carcere. Nelle scorse settimane difensore di quest’ultimo, Bonaventura Candido, ha presentato ricorso in appello, e ha segnalato l’inusuale rilievo attribuito dalla sentenza di primo grado alle convinzioni religiose dell’anziana rapinata. Una fede che il collegio presieduto da Silvana Grasso ha ritenuto potesse giustificare le contraddizioni dell’impianto probatorio. All’atto di sporgere denuncia infatti la donna non aveva riconosciuto il presunto rapinatore. Ma, come si legge nella sentenza, «non può escludersi che, pur avendolo riconosciuto, proprio per spirito cristiano, essendo profondamente credente, non l’abbia spontaneamente denunciato». E come giustificare allora che, richiamata in Procura, la vittima individuava infine nell’indagato uno dei due responsabili? I giudici risolvono così: «La donna, posta innanzi all’alternativa di dire la verità, ( e di non commettere oltre che reato anche peccato per violazione dell’ottavo comandamento) decideva di collaborare», riconoscendo appunto il presunto colpevole. Nella pronuncia dei giudici di Messina c’è un dato ritenuto decisivo: in dibattimento l’anziana rapinata ha iniziato così: «Dico la verità, se no u signuri mi castiga ». Un fatto che di giuridico, secondo il difensore, non ha nulla— E’ tanto grossa che stento a credere sia vera, anche se i tre processi Iori mi hanno abituato a tutto; e comunque una prova ulteriore alla mia tesi: se vogliamo elevare la qualità generale dei nostri giudici, come tutti i professionisti si dividono in: buoni, medi, scadenti, pubblichiamo sui media più diffusi le prodezze tipo questa sopra e le sfere di cristallo dei processi Iori. Ci penseranno i buoni a spiegare ai meno buoni cos’è una prova, se non gradiscono che il ridicolo copra l’intera categoria……
Cremona 30 06 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.