feb 28 2017

carnevale coldiretti 28 02 2017

Published by at 9:16 am under barzellette,cronaca cremonese

AMICI CREMONESI, LEGGETE SEMPRE, CON FIDUCIA, I MESSAGGI COLDIRETTI. MA IL CARNEVALE VERO, TUTTO L’ANNO, SENZA PERDERE UN SOLO GIORNO, LO RECITA LA LIBERA! p.s. da domenica la Provincia fin che c’è, quatta quatta, ha incollato i due dorsi, e finalmente ha raggiunto l’obiettivo: il giornale unico!

COLDIRETTI CREMONA: CARNEVALE AL MERCATO DI CAMPAGNA AMICA
TRA MASCHERE E DOLCI DELLA TRADIZIONE

Stelle filanti, carri, sfilate e maschere. Ma anche chili di dolci tipici gustati da grandi e bambini, che riscoprono le tradizioni locali. E’ “il carnevale secondo Coldiretti Cremona”, alla vigilia del martedì grasso, con i dolci della tradizione contadina e le antiche ricette che sono protagonisti nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica. E’ avvenuto ieri nel mercato degli agricoltori di Coldiretti a Rivolta d’Adda, con la degustazione gratuita di lattughe, tortelli e frittelle, occasione per richiamare l’attenzione sui dolci più allegri dell’anno.
Secondo l’indagine condotta dal sito www.coldiretti.it, quasi un italiano su tre (31%) prepara i dolci di carnevale rigorosamente in casa – sottolinea Coldiretti Cremona – mentre il 41% li acquista dal fornaio o dal pasticcere di fiducia, mentre solo il 2% dichiara di acquistare prodotti commerciali già confezionati. Va segnalato peraltro che, anche per la crescente attenzione alla forma fisica e alla dieta, ben il 26% degli italiani si vede costretto a privarsi delle golosità della festa.
Berlingozzi e cenci in Toscana, cicerchiata in Abruzzo, brugnolus e orillettas in Sardegna, galani in Veneto, sfrappole in Emilia Romagna, bugie in Liguria, chiacchiere in Basilicata, struffoli e sanguinaccio in Campania, crostoli in Friuli, frappe e castagnole nel Lazio, pignolata in bianco e nero in Sicilia e grostoi in Trentino, sono solo alcune delle specialità gastronomiche censite a livello regionale che gli italiani riscoprono nei giorni di carnevale.
E se sono numerose le panetterie e le pasticcerie che offrono la possibilità di acquisto, non manca chi si dedica alla preparazione casalinga per risparmiare ma anche – sottolinea la Coldiretti – per il piacere di esprimere la propria creatività personale nella realizzazione di dolci da offrire in famiglia o a parenti ed amici. Partendo da ricette regionali che utilizzano soprattutto ingredienti semplici come farina, zucchero, burro, miele e uova è possibile fare un’ottima figura spendendo meno di cinque euro al chilo facendo anche fronte ai consumi energetici per la cottura. La preparazione casalinga offre anche la possibilità di assicurarsi la qualità e la freschezza degli ingredienti, che fanno la differenza sul risultato finale, a partire dalle uova e dal miele che – continua la Coldiretti – possono essere acquistati anche nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica dove sono offerti a volte anche dolci della tradizione contadina che nulla hanno a che fare con i prodotti industriali low cost.
Il Carnevale – ricorda la Coldiretti – prende le mosse dalla tradizione della campagna, dove segnava il passaggio tra la stagione invernale e quella primaverile e l’inizio della semina nei campi che doveva essere festeggiata con dovizia. I banchetti carnevaleschi sono molto ricchi di portate perché una volta, in questo periodo, si usava consumare tutti i prodotti della terra, non conservabili, in vista del digiuno quaresimale.

carnevale

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.