mar 31 2015

j’accuse-quattrocentotrentacinque 31 03 2015

Published by at 6:34 pm under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – QUATTROCENTOTRENTACINQUE
Se esatta, l’indiscrezione riportata sul Corriere di due giorni fa da Fiorenza Sarzanini sul processo Amanda/Sollecito è una bomba sul modo di procedere di alcuni giudici di merito, atomica sulle due Corti del caso Iori; la ripeto, la Cassazione quasi sarebbe entrata nel merito, senza rinviare, perché “il complesso probatorio era talmente contraddittorio da rendere impossibile il superamento dei dubbi e delle incongruità…..assurdo, questa la linea condivisa, sarebbe stato disporre un nuovo dibattimento potendo contare su indizi così labili.”
Ma chi ha seguito anche a sprazzi ciò che scrivo da quasi tre anni su Iori, siccome tenendo un blog devo ripetermi, avrà a mente tutti, altro che “indizi labili”, i colpi di genio che hanno seppellito una verità evidente, il suicidio allargato, per farne nascere una che dire virtuale è complimento agli autori!
La più immediata, altro che “indizi labili”, è scrivere che Maurizio Iori ha “propinato” 95 pastiglie di Xanax alle due “vittime”, senza quattro righe a spiegare come sia possibile, e questo è il primo botto, che lor Eccellenze pretendono di farci bere con un “sbriciolate o in gocce”, nell’aperitivo o in tre bocconi di sushi; una quantità che spedisce per direttissima in stato di intossicazione acuta le due “vittime”; non una riga, che dico: mezza, neanche la salvifica sfera di cristallo, a spiegare la successione con cui Iori avrebbe “propinato”, poiché da escludere, lo scrivono perfino lor Eccellenze, che madre e figlia abbiano mangiato/bevuto le stesse cose nel medesimo tempo, e ovviamente non c’è bisogno della Cassazione per capire che non è problema da poco, anche una bambina di due anni lancia strilli da svegliare un condominio se vede la madre svenire eccetera; ma l’assenza che più esprime la difficoltà delle Corti, che han voluto egualmente la condanna, è la descrizione accettabile di come sia possibile far mangiare/bere un intruglio amarissimo a un bimbo di due anni: non ci hanno neanche provato, due Corti d’Assise consecutive!
Non parliamo delle prove scientifiche, che una dopo l’altra fanno a gara a scagionare Maurizio Iori, che non è ingegnere ma medico chirurgo; la prima, gigantesca, è che fino a questo caso nella letteratura scientifica si ignorava che le modeste quantità di Xanax e gas trovate nel corpo delle due “vittime” potessero causare la morte, ed è solo per questo motivo, conosciuto fin dai banchi delle Aule dei due giudizi, che i consulenti autoptici ci misero 5 dicesi cinque mesi a consegnare il loro parere: non capivano le cause, e allora scrissero all’incirca, nei corpi non c’è altro, dunque saranno morte per questo! E un Maurizio Iori medico chirurgo, di valore, da vent’anni, va a scegliere strumenti del genere!
Tracce varie, Dna compreso, su blister, bombole eccetera; premessa, che risulta dai verbali perché detto dai consulenti uniti in Aula ma dio sa perché ignorato nelle due motivazioni, non è come nei gialli, sul volante e sul cambio della mia auto può non restare, e non provoca scandalo, il mio Dna! Bene, per fare un esempio, siccome sui dieci blister risultano solo due impronte Dna di Claudia, Iori le aveva cancellate tutte, se sono lì, è perché il giorno dopo il medico prima ha toccato il suo corpo, poi i blister, sempre coi guanti da pronto soccorso che non trasmettono nulla, e contro la volontà della scienza le ha trasportate lo stesso! Su una bombola trovano il Dna di Iori? Ha dimenticato di cancellarlo!
Forza Cassazione!

Cremona 31 03 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.