mar 31 2014

diritti e rovesci 31 03 2014

Published by at 10:03 am under costume,cronaca cremonese

DIRITTI E ROVESCI
A Casalmaggiore i sinistri son più tolleranti che a Cremona: si limitano a anticipare di sei ore le Sentinelle in piedi, e seduti, non sdraiati come in piazza Stradivari. Per il resto, identici. Anche Papa Francesco, a difesa del matrimonio strano, ha detto: chi sono io per giudicare?
Risposta in sintesi: noi liberali manco pensiamo a comprimere il loro diritto di prenderlo nel culo. Facciano a piacere.
Ma il matrimonio è altra faccenda e noi abbiamo tutto il diritto di difenderlo com’è oggi senza passare per persecutori; se in migliaia di anni di Storia conosciuta è grossomodo sempre stato l’unione di uomo/donna, come nel genere animale cui i sinistri si richiamano tanto quando fa comodo, ci sarà più di un motivo, che va oltre i cinque minuti di modernità impellente. Anche nei tempi in cui il sesso era vasto, Grecia e Roma antiche, il matrimonio si fermava lì. Mi piace spesso citare Orazio, elegantissimo pene, secondo l’imperatore Augusto, che nella satira due, libro primo: La donna d’altri, spiega così il suo diletto, vv114/6: “Così, quando il sesso si sveglia e hai sottomano la serva o lo schiavetto di casa, da sistemarli senz’altro, preferisci crepare di voglia?”
Però quando ci si sposava, anche allora, sempre uomo/donna.
Ma noi siamo liberali sempre: consegniamo in piena fiducia alla sinistra il progetto di riforma. Completo però, non solo quel tanto che interessa per grattare qualche voto anche lì. Diritto del maschio mussulmano, anzitutto, a sposare quattro femmine; triangoli o più anziché limitarsi alla coppia; unioni affettuose anche senza sesso come tra fratelli, zii e nipoti eccetera. Tanto per fare qualcuno dei tantissimi esempi che la realtà, completa mi raccomando, nel rispetto dei diritti di tutti, presenta.

Cremona 31 03 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.