Archive for maggio, 2013

mag 30 2013

l’apparente 30 05 2013

Published by under barzellette,cronaca nazionale

L’APPARENTE SEMPLICITA’ DELLA LEGGE
E parlo della Costituzione, figuratevi lettori cari che avete studiato altro, le speciali. Sapete quante volte i Giudici della Corte han preso decisioni che sembravano incredibili appoggiandosi sul famoso articolo tre?
Quello del: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali di fronte alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”
Condizioni personali e sociali. Ecco, proprio in questi giorni Michele Vietti, gentiluomo di Corte e vice presidente del Consiglio superiore della magistratura, in nome del popolo italiano, ben s’intende: far deporre come testimone il presidente Napolitano in un processo che vede come imputati i più feroci macellai della storia della mafia, è una mancanza di rispetto per il ruolo che riveste e per la sua storia!
L’altro ieri Mancino Nicola per gli stessi motivi chiedeva un “processo stralcio”…..
E usurpano entrambi, ricordiamocelo tutti, il ruolo di Berlusconi, l’unico nella storia della Repubblica italiana a difendersi “dai” processi!

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

mag 30 2013

l’insensibilità 30 05 2013

Published by under barzellette,Giudici

L’INSENSIBILITA’ DI CERTI GIUDICI
Io mi dico, come si fa ad arrestare uno come Ciancimino per evasione fiscale, manco fosse un ragionier vattelapesca? Appena esce l’onorata società lo fa sciogliere nell’acido, vivo, per lo sgarro all’immagine…….

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

mag 30 2013

vederci chiaro 30 05 2013

Published by under cronaca nazionale

VEDERCI CHIARO
Mi meraviglia davvero tanto lo stupore dei media davanti ai grillini che si insultano al primo scorno elettorale: si guardano in faccia e trovano immediatamente l’ispirazione, se poi pensano al loro Maestro hanno il compito già pronto….

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

mag 30 2013

la forza della semplicità 30 05 2013

Published by under cronaca cremonese

LA FORZA DELLA SEMPLICITA’
Non va più bene il nome Marconi? Invece di cominciare la solita storia delle proposte, tutte sono buone, perché non tagliare la testa al toro e darle il nome del Cavaliere, che l’ha fatta rinascere dal buco che era e diventare quasi bella, compatibilmente con i palazzi che la circondano? Sì, ma è ancora vivo eccetera, d’accordo, piazza Arvedi e basta, dato che il Cavaliere avrà pur avuto un padre. Quando muore, tra dieci o vent’anni, piazza Giovanni Arvedi, industriale e benefattore.

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

3 responses so far

mag 30 2013

si parte sempre da lì 30 05 2013

Published by under barzellette,sport

SI PARTE SEMPRE DA LI’
Rifondazione Real, battuto in Liga e uscito in semifinale in Champion’s. Non basta un grande allenatore come Ancelotti, strappato al Paris Saint-Germain, serve anche uno che sappia usare bene la testa: preso Zidane!

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

mag 30 2013

maurizio iori 30 05 2013

Published by under cronaca cremonese

MAURIZIO IORI Se credete a quanto scrivo sul suo processo e se giocate come me su facebook, dategli un grande aiuto: l’amicizia. E’ un modo per farlo sentire meno solo.

Cremona 30 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

mag 29 2013

giustizia di ferro-centoventotto 29 05 2013

Published by under cronaca cremonese,Giudici

GIUSTIZIA DI FERRO – CENTOVENTOTTO
Ancora ieri spiego il processo Iori a un amico che ha letto solo i titoli della Provincia, quotidiano eccetera di Cremona eccetera, confezionati dalla Benemerita, la Morandi Francesca, e comincio come sempre dal clou: capisci perché il presidente Massa ha giocato quella manfrina con la Corte di Brescia, ottenendo altri 90 novanta giorni per spiegare la condanna, dura convincere i suoi senz’altro durissimi futuri critici che Iori, in un quarto d’ora al massimo, ha fatto ingoiare di nascosto a Claudia 95 novantacinque pastiglie di Xanax, quasi a digiuno per giunta, come dice l’autopsia. Ciò che non capisco è come Massa speri, allungando i tempi, di trovare la soluzione.
Intanto, a furia di permettere all’Accusa e alla Parte civile di sventolare bandiere che non solo non aiutavano la comprensione del successo, un’evidente suicidio, ma nemmeno rinforzavano la tesi dell’omicidio, tanto cara per motivi di vendetta e di soldi, molti, record processuale italiano credo, otto milioni che a detta della Parte civile, sempre attenta agli aspetti morali, contribuiscono a ristabilire la verità e la giustizia, ha obbligato per tutto il processo la Difesa a rispondere coi fatti alle invenzioni, compito perfettamente riuscito, se non fosse che, la battuta non è mia ma è troppo bella per nasconderla, la Difesa ha vinto alla grande in Aula, sotto gli occhi di tutti, quelli che intendevano usarli, è chiaro, ma ha perso nel segreto della Camera di Consiglio!
E allora riprendiamo la memoria della Difesa, che ha convinto, guarda un po’, la Cassazione, perchè in questo caso ha valutato i fatti, non le opinioni: “a) La tragedia nel contesto della quale è avvenuto il decesso di Ornesi Claudia e della piccola Iori Livia, figlia naturale riconosciuta dall’attuale indagato, è avvenuta nella notte tra il 20 ed il 21 luglio 2011 b) I corpi delle due vittime sono stati scoperti intorno alle 8.30 del mattino di detto secondo giorno c) Il Dr. Iori, informato telefonicamente dell’accaduto mentre si trovava a Milano intento ad eseguire un delicato intervento operatorio (è infatti un oculista famoso ed è primario presso l’Ospedale di Crema), rientrato precipitosamente in detta città, veniva subito interrogato dalla Polizia giudiziaria quale “persona informata” d) Sconvolto dal dolore ed allarmato dal tenore delle domande miranti, secondo la sua percezione del momento, ad ottenere da lui non informazioni sui motivi ispiratori del suicidio della Ornesi, ma notizie sui suoi movimenti nella serata appena trascorsa e, addirittura, nei giorni precedenti nell’evidente intento di trovare una ragione per coinvolgerlo configurando una qualche responsabilità a suo carico quantomeno come possibile istigatore, ha reagito in una situazione di fortissimo stress, prendendo le distanze dalle vittime e negando di aver trascorso la prima parte della serata in casa loro e) Nello stesso giorno del 21/7 è stata iscritta dalla Procura di Crema la notizia di reato, qualificato come istigazione al suicidio, a carico di ignoti; è stata disposta l’autopsia, ma non è stato ordinato alcun altro esame di carattere scientifico f) Come si è appreso a posteriori le indagini sono continuate a carico del Dr. Iori accertando: 1) che egli non aveva trascorso al cinema, come da lui affermato, la serata del 20/7/2011 2) che i quattro fornelletti da campeggio con relative bombole, utilizzati come strumenti di morte nella tragica vicenda, erano stati acquistati da lui.”
Bene, qui ci sono di fronte due bugie, la prima, tanto comprensibile quanto ingenua, di un cittadino, Iori, che la pagherà carissima, la seconda degli Inquisitori che a fatica verrà stralciata dal processo, senza alcun seguito a loro carico.
Quando Iori si rende conto che vogliono incastrarlo, a nessun testimone si chiede: lei dov’era al momento del delitto et similia? reagisce come un bambino, chiede l’avvocato, gli rispondono no perché non è indagato (!), e allora nega l’inverosimile, anche se con un minimo di lucidità, conosce la famiglia Ornesi da quattro anni, sa che si dicono tutto e ci penseranno loro a raccontarlo, e infatti la Polizia l’ha richiamato da Milano perchè l’avevano già raccontato! Se voi leggeste, cari lettori, cos’han montato gli Inquisitori su questa bugia completamente inutile, capireste tutto senza bisogno d’altro; se poi cercaste la buona fede di chi rappresenta lo Stato, prima ingannano il cittadino battezzandolo testimone invece di colpevole, poi, sentite la finezza, iscrivono immediatamente la notizia di reato di istigazione al suicidio contro ignoti, quando sanno benissimo che l’ignoto si chiama Iori Maurizio e in una maniera o nell’altra vogliono fargliela pagare!

Cremona 29 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

mag 29 2013

sodoma diciannove 29 05 2013

SODOMA DICIANNOVE
Bentornato Vascello! Pian piano lo storico on line di Antonio Leoni, di parte come sempre, a volte anche la nostra, rimette su carne e recupera i suoi grandi conversatori.
Ieri Michele de Crecchio, anche lui grande interprete della nostra storia, dice la sua, opinabile fin che si vuole, ma per fortuna nulla in comune con il cloroformio del Quarto Lato di Piazza Duomo.

Cremona 29 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

mag 29 2013

ombre e sospetti 29 05 2013

OMBRE E SOSPETTI
Spero di sbagliarmi, ma che nessun giornale di Cremona, carta e on line, nell’elencare gli interventi della Polizia municipale faccia cenno, anche solo sfumato, ai palloncini stracciapatenti, mi fa temere un eccesso di delicatezza verso un collega un po’ troppo in vista……

Cremona 29 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

mag 29 2013

violenza continua 29 05 2013

Published by under barzellette,cronaca nazionale

VIOLENZA CONTINUA
Bisogna far titoli, che per i giornali vuol dire cassa, e siccome il tema è alla moda, ecco pronta Repubblica on line con un:
Roma violenta, tre omicidi in un giorno.
Tre omicidi son tre assassini, la violenza peggiore, ma un’intera città che al voto del 27 maggio incula di nuovo il povero Fini Gianfranco con uno 0,2%, non è da meno……

Cremona 29 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

« Prev - Next »