giu 30 2012

era facile prevedere 30 06 2012

Published by at 7:27 am under politica internazionale

ERA FACILE PREVEDERE

Stranissimo che sembri, quando noi occidentali portiamo giustizia nel terzo mondo, lo facciamo con la nostra testa, non con la loro, e la Libia è l’ennesimo esempio. Gheddafi s’era redento dal terrorismo, faceva buoni contratti, specie all’Italia, il suo popolo paragonato ai vicini stava benissimo, e noi andiamo ad armare gli angeli della democrazia. Contro di lui, naturalmente. Dopo mesi di silenzio cominciano a trapelare le notizie vere. Riassunte dal titolo della Stampa di ieri:
“Nel caotico dopo-Gheddafi gli islamisti si preparano a prendere il potere in Libia”
E dio sa cosa sta succedendo, se crediamo a questi brani:
Il rischio? Che la Libia diventi una Somalia al confine dell’Italia……
Gli islamisti si sentono i padri e i martiri della Rivoluzione e non sanno cosa sia il rispetto delle regole, delle leggi, dello Stato. Qualsiasi contrasto lo risolvono con l’uso della forza…….
A Derna, regno dei qaedisti e degli integralisti islamici, tutti gli occidentali, anche dei paesi amici come la Francia, sono nemici perché occidentali…..
E ricordiamoci la “spontaneità” della rivoluzione, e da quanti libici era voluta: Gheddafi, poche armi in pugno, ha resistito mesi contro gli altri, armatissimi da noi.

Cremona 30 06 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “era facile prevedere 30 06 2012”

  1. danielaon 01 lug 2012 at 10:59 am

    Occhio agli immigrati che dalla Libia e dagli altri paesi africani sono venuti di qua (anche a Cremona): se è stato negato loro lo stato di “rifugiato” non è detto che stiano sbagliando quelli che hanno il potere di concederlo o meno.

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.