Nov 01 2021

diario di un covid 01 11 2021

Published by at 3:56 pm under Pubblica Amm.ne

Blando. Blando. Meno male che trova la forza di scrivere, il Pirondini, utile sia al mio blog che a Blitz Quotidiano di Marco Benedetto! Flaminio Cozzaglio.

Covid, diario di un malato: Enrico Pirondini racconta il suo ricovero a Reggio Emilia, in barella, tac, mascherina

di Enrico Pirondini
Pubblicato il 31 Ottobre 2021 18:04

Covid, l’ho preso. Blando ma l’ho preso. Nonostante i due vaccini fatti per tempo. Succede, mi dicono. Il tampone è stato chiaro.

Arriva a casa il 118, tre palombari mi scortano al Pronto Soccorso più vicino (Reggio Emilia), entro in barella e sono accolto con un ruvido rimprovero: tenga su la mascherina. Mi era scivolata.

Arriva un medico,mi interroga perché deve assegnarmi un codice di ingresso. Poi ne arriva un altro. È perentorio: ”Prima dobbiamo farle gli esami del covid“.

E mi parcheggia in un angolo, circondato da un nugolo di barelle. Un assedio. Nessuna informazione. Passano le ore. La pazienza vacilla. Oltretutto un vecchio ictus mi ha tolto la parola. Non posso nemmeno protestare.

Una giovane infermiera indiana, impietosita dal mio disagio (eufemismo) mi  conforta assicurandomi il lieto fine. E dopo sette ore mi portano a fare una Tac. Si è fatta sera. Ma nel frattempo si è liberato un letto nel vicino padiglione degli Infettivi.

Arrivo nel reparto Covid che è buio pesto. Mi offrono un the riparatore mentre sanificano il letto 14 che mi è stato destinato. Altri esami, l’ennesimo prelievo, le vene che si ribellano. Hanno già dato, mi implorano una misericordiosa tregua. Le accontento.

Mi corico in pace e subito mi addormento. A mezzanotte entra uno scafandro azzurro con cappuccio. Sono talmente stanco che non riesco neppure a spaventarmi. È l’infermiera della notte. Si ripresenterà all’alba per controllare i parametri.

Questa storia va avanti da giorni .  Il Covid fa paura. La circolazione del virus aumenta. Dicono che gli ospedali sono pronti a reggere un’altra ondata. Sarà . Ma il mio padiglione è già ai limiti. L’ultimo letto l’ho occupato io. Il ponte di Ognissanti è blindato dagli scafandri azzurri. Eroici. Dico sul serio. Se mollano loro siamo fritti.

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.