Ott 24 2021

siamo e mangiamo 24 10 2021

Published by at 10:50 am under Pubblica Amm.ne

SPECIALE – CORRETTA ALIMENTAZIONE, SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

Il 16 ottobre si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione come ogni anno dal 1979 per ricordare l’anniversario della data di fondazione della FAO

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI IN FONDO ALLA PAGINA

In questa giornata dell’alimentazione 2021, vi invitiamo a riflettere nuovamente su quanto le nostre abitudini alimentari possano influenzare i nostri destini. Sicuramente è il caso di ripensare ai meccanismi di produzione e distribuzione del cibo valorizzando le produzioni locali, tradizionali e rispettose dell’ambiente e delle sue risorse. Km zero, filiera corta, biodiversità è la ricetta che la rete di Campagna Amica mette in campo ogni giorno per rispondere a un’esigenza costante di cibo giusto.

Quando Feuerbach a inizio 800 diceva “siamo quello che mangiamo” si riferiva senz’altro all’aspetto prettamente biologico, ma anche a quello spirituale. Certamente il filosofo non poteva immaginare quanto sarebbe divenuta profetica la sua espressione. Oggi dire “siamo quello che mangiamo” significa prendere coscienza su come mangiare non solo da un punto di vista nutrizionale, ma anche e forse soprattutto, da un punto di vista etico. Siamo quelli della deforestazione per il consumo massiccio di carni estere? Siamo quelli dei prodotti industriali a base di olio di palma che provoca la devastazione di intere foreste e territori (vd. Borneo)? Siamo quelli delle fragole “chilometriche” a dicembre?

Oggi trovare una sana e corretta alimentazione che sia anche propedeutica al rispetto dell’ambiente è realtà grazie alla vendita diretta, alla filiera corta, al concetto di consumo locale (km zero). Vorremmo da questo punto di vista portare alla vostra attenzione una riflessione che ha alcuni tratti scientifici.

È indubbio il valore della dieta mediterranea. Questo regime alimentare e stile di vita, garantisce una maggiore aspettativa di vita e contrasta, se correttamente interpretato, l’insorgenza di numerose patologie a carico del sistema digerente, cardiocircolatorio ed escretore.

La base della cosiddetta piramide alimentare in questo regime dietetico prevede molta frutta e verdura, una buona presenza di cereali e legumi, un paio di volte a settimana carne, pesce, formaggi e uova e pochi “stravizi” con dolci e piatti elaborati. Vino e olio compaiono giornalmente in quantità ragionevoli. Se ci mettiamo a riflettere su come “soddisfare” questi requisiti, utilizzando prodotti italiani e meglio ancora della nostra regione, tutto sommato troviamo risposte facili. Dopotutto in ogni regione italiana è possibile trovare una grande diversità di prodotti. Questa è la meravigliosa condizione del BelPaese: una nazione che si allunga dal centro Europa sino praticamente all’Africa, circondato da mare e ricco ovunque di montagne che nella stragrande maggioranza delle regioni arrivano e superano i 2.000 metri di quota. Ecco quindi che la ricchezza di prodotti è frutto della varietà di ambienti che si succedono dagli ecosistemi alpestri fino alle pianure e al mare. Una pubblicità recita “ti piace vincere facile”. Ecco l’Italia si trova in questa condizione. In ogni regione italiana è possibile avere un regime alimentare diversificato, sano e gustoso. Quale altro Paese del mondo può vantare tutto questo in ogni singola regione?

E allora non possiamo lasciarci sfuggire questa opportunità unica: mangiare bene con i prodotti della nostra agricoltura.

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI

SPECIALE – Cibo, km zero e filiera corta contro lo spreco alimentare

SPECIALE – Un’alimentazione sana per la tutela della biodiversità

SPECIALE – Alimentazione, impariamo a non sprecare

VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO? ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

FONDAZIONE CAMPAGNA AMICA È IL LUOGO IDEALE DI INCONTRO TRA GLI INTERESSI DEI PRODUTTORI E QUELLI DEI CONSUMATORI.

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.