Ott 11 2021

il radicchio selvatico 11 10 2021

Published by at 12:04 pm under Pubblica Amm.ne

RADICCHIO SELVATICO ALLA CONQUISTA DELLA CARNIA

Cicerbita alpina, nome scientifico del Radic di Mont, è una pianta protetta che viene raccolta con modalità conservativa e limitata, garantendone la sopravvivenza della specie. Scopri questo “Sigillo” di Campagna Amica

Leggi cosa sono “I Sigilli di Campagna Amica”

Come molto spesso scritto, alcuni dei Sigilli di Campagna Amica sono dei veri e propri regali che la natura ci fa. Alcuni prodotti, quindi, non sono coltivati, ma raccolti in forma spontanea nei campi. A volte addirittura le chiamiamo erbacce, ma diverse di queste sono molto di più di semplici erbe da sfalciare o ignorare. Alcune possono davvero contenere la risoluzione di malattie o disturbi di vario genere. Si pensi allo stramonio, pianta velenosa, ma che se utilizzata con criterio funziona contro i tremori o la belladonna utilizzata prima degli interventi chirurgici per rilassare la muscolatura. Ovviamente i raccoglitori devono assolutamente essere esperti riconosciuti.

Molte di queste piante spontanee mostrano pochi effetti collaterali e quindi sono meno pericolose. D’altronde sono ottime in cucina e legate spesso a tradizione centenarie se non millenarie.

Tra di esse, la Cicerbita alpina, nome scientifico del Radic di Mont o radicchio selvatico, molto apprezzato in Friuli Venezia Giulia. Questa pianta, protetta, viene raccolta con modalità conservative e limitate. Ogni giorno un raccoglitore può portarsi a casa al massimo un chilogrammo di radicchi. Questo garantisce la sopravvivenza della specie. Si tratta di una pianta con germogli filiformi che una volta raccolti sono preparati per la scottatura in olio, aceto, vino bianco, aromi, sale e zucchero. Il prodotto viene così invasettato con liquido di cottura per dar vita a una delle conserve più famose della Carnia. Il radìc di mont è un ottimo accompagnamento per carni e salumi: in particolare per la carne salada, i prosciutti di capriolo, lo speck e il prosciutto di Sauris affumicato al ginepro.

Il produttore che custodisce la pianta spontanea è Luigi Faleschini di Pontebba e propone questa conserva ai cittadini nei mercati di Campagna Amica della regione e nel suo punto vendita aziendale. Andiamo a gustare questo regalo della montagna!

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.