Ott 06 2021

nascere a soncino 06 10 2021

Published by at 4:23 pm under Pubblica Amm.ne

NASCERE A SONCINO

e fare cultura è semplice, basta crederci, e sotto la Rocca lo pensano tanti, risponde a Stefano Mauri di www.cremonasera.it la figlia del calciatore della grande Inter.

Francoforte 06 10 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

—Cristina Cappellini, un romanzo e una raccolta di poesie dopo la politica

La poetessa, scrittrice e opinionista (mai banali e squarcianti i suoi post aprono scenari illuminanti e fuori dagli schemi via social) Cristina Cappellini, ex assessore alla Cultura della Lombardia (durante il passato quinquennio con Roberto Maroni governatore), attualmente è in prima linea nella promozione culturale del territorio lombardo nelle vesti di organizzatrice di eventi culturali – artistici. E a novembre uscirà finalmente la sua nuova raccolta poetica “In ogni mio tempo”.

-Cosa bolle nella tua pentola culturale?

“Ho finito il mio romanzo, una storia particolare, a tratti noir, ambientato in parte a Soncino. E a novembre uscirà la mia ultima raccolta poetica intitolata “In ogni mio tempo”: 43 poesie importanti, in un modo o nell’altro per me. E che rappresentano a modo loro, una sintesi di me”.

-Ma c’è ancora voglia di poesia?

““Per il verso giusto”, la rassegna poetica che abbiamo lanciato anni fa a Soncino ci ha detto di sì. La cosa giusta è proporre la poesia senza inquadrarla quale strumento didattico, ma al contrario … osservarla nelle vesti comunicative di ambasciatrice di emozioni. E’ insomma e innanzitutto comunicare l’arte poetica, ed è bello vedere ragazzi impegnati a scrivere poesie. E qualcuno ha scritto versi speciali.

-La politica non ti manca?

“No sono troppo impegnata a fare tante cose. L’unico rammarico è quello di non essere riuscita a portare avanti in presa diretta i discorsi avviati col mio assessorato culturale”.

-E da fuori che ne pensi della politica italica?

“Mah … regna il caos, la situazione è fluida e il panorama nazionale è precario assai. Ed è antipatico constatare e digerire il fatto che la cultura non è considerata come meriterebbe e non è al centro del villaggio”.

-Cosa ti è rimasto del tuo quinquennio in Regione Lombardia?

“Tante tantissime cose: collaborazioni, iniziative e conoscenze allacciate durante il mio assessorato. Ho avuto la bella opportunità di girare per grandi e piccoli centri lombardi scoprendo tesori e mi fa piacere che tanta gente, pur non ricoprendo alcuna carica istituzionale, continui a ricordarsi della sottoscritta. Lanciammo tra le altre cose la cosiddetta riforma, con Maroni presidente, del sistema culturale lombardo”.

-Soncino è una bella realtà italiana vivace e molto attiva in ambito culturale. Il cosiddetto “Modello Soncinese” è esportabile in altre città e cittadine del Belpaese?

“Sì ma occorre crederci e remare tutti nella stessa direzione. A Soncino sono stati davvero bravi a creare il giusto mix tra bellezze artistiche storiche del passato e arte contemporanea e … il cartello delle proposte artistico e culturali è denso, ricco di proposte. Il recupero della Filanda, complesso restituito alla comunità e centro espositivo permanente si è rivelato una geniale intuizione. Il settore culturale e artistico dovrebbe diventare uno snodo strategico, abbinato al turismo e all’enogastronomia, per rilanciare la nostra stupenda penisola. Ma affinché ciò avvenga, ripeto, occorre fare sistema e credere in quel che si fa”.

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.