Ago 14 2021

i più eguali-14 08 2021

Published by at 4:39 pm under Pubblica Amm.ne

I PIU’ EGUALI – centotrentanove

E qui finisce il cellulare simbolo di tante superficialità, dalle mie 70 cartelle sui processi senza editore, mentre Iori il 14 ottobre festeggia, lo devo ripetere? i 10 anni di galera.

—Non che ci contassi, ma pensavo la Cassazione avrebbe almeno ammonito i colleghi ehm, inesperti, che bisogna porre molta attenzione alle novità; ricordo ancora un mio professore: ragazzi, attenti, se la sparo un po’ grossa io, è un’idea, se voi, rischiate la bocciatura; invece della Cassazione posso solo elogiare l’eleganza con cui decide di affrontare e risolvere la grana: “In particolare, con riferimento alla ‘cosiddetta telefonata della buonanotte’ che lo Iori aveva promesso di effettuare alla Arcaini la sera del delitto e che avrebbe potuto (in tesi) intralciarne l’esecuzione, la doglianza del ricorrente omette di confrontarsi col dato di fatto, pacificamente accertato, che l’imputato non aveva portato con sé il telefono cellulare nell’appartamento delle vittime, ma lo aveva lasciato – intenzionalmente e al fine di inibire un elemento di riscontro del suo allontanamento da casa, secondo la sentenza di primo grado; per verosimile dimenticanza, invece, secondo la sentenza d’appello – nella sua abitazione; così che, anche nella seconda delle due ipotesi, la motivazione con cui la sentenza impugnata ha giudicato del tutto neutrale e irrilevante la circostanza allegata dalla difesa si rivela ineccepibile”. Abile, la Corte: omettere il telefonino alibi, diciamolo, era una brutta figura; lo cita come fosse bere un caffè, mentre nelle sentenze di merito, specie la prima, era ben più. Poi da duemila anni si parla male di un tale Pilato Ponzio…..

Francoforte 14 08 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.