Lug 15 2021

i più eguali-centonove 15 07 2021

Published by at 3:16 pm under Pubblica Amm.ne

I PIU’ EGUALI – centonove

Dalle mie 70 cartelle sui processi senza editore, perchè l’unico a farmelo sapere non voleva inimicarsi i giudici, con Maurizio Iori che il 14 ottobre spegne le candeline del decimo anno di galera, con le prove che abbiamo visto.

—Questo particolare rapporto – sicuramente vieppiù rafforzatosi dopo la morte del padre di Iori – questa assoluta esigenza di tutelare la tranquillità della madre, può spiegare un dato altamente anomalo (ma anche assolutamente pacifico in quanto confermato da Iori e dalla madre stessa) e cioè che la Caroselli non aveva mai saputo nulla nè della relazione del figlio con la Ornesi né della nascita di una sua nipotina (che aveva già due anni e mezzo) e che analogamente la Caroselli ignorava che suo figlio si fosse risposato a marzo 2011 con la Arcaini” Finalmente una prova! dirà ancora il lettore più scettico: vieppiù rafforzatosi dopo la morte del padre di Iori, l’onniscienza del giudice italiano non ha limiti, da dove abbia preso il vieppiù rafforzatosi, oltre a Dio, lo sa solo lui! “Iori aveva dunque imposto la riservatezza soprattutto per proteggere la madre da notizie (relative alla sua non commendevole condotta di vita) che ella non doveva mai sapere (ne sarebbe morta di dolore, diceva Iori a Claudia, come riferisce la madre), e si rende conto che vi è la concreta possibilità che Claudia si presenti con Livia a casa della madre e che tutto ciò che non doveva essere svelato venga alla luce da un momento all’altro” L’ultimo colpo di mazza di Michelangelo al Mosè: Iori uccide perché la madre, benpensante e legata alla famiglia tradizionale, non sappia, uccidendo, invece, non saprà mai!

Francoforte 15 07 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.