Mag 26 2021

i più eguali-cinquantanove 26 05 2021

Published by at 5:34 pm under Pubblica Amm.ne

I PIU’ EGUALI – cinquantanove

Dalle mie 70 cartelle sui processi Iori, senza editore, adesso ho davvero finito con la pastiglia una o due…

—Così si formano le prove, anche quelle “pesanti”, e il cittadino, se non ha seguito il processo come ho fatto io, udienza su udienza, atto su atto, manco se ne accorge: legge solo il risultato finale scritto nella sentenza, una pastiglia integra, appoggiata ad arte da Iori ai piedi della bambina! Attenti lettori, quando siete invitati in Tv ai talk show col Davigo di turno che insiste: tutti imputabili, via la prescrizione! a non applaudire con troppa facilità solo perché il segnalatore ve lo ordina; l’imputato che si immagina, quando non è un Berlusconi è un Alberto Stasi, cioè uno su cento: ma gli altri 99, nei processi reali, siamo noi. E se ci va, la sintesi del capitolo può essere: il giudice italiano non esamina, crea, se vuole! Che poi, come vedremo, è la differenza fondamentale del caso Iori con gli altri famosi, dove un morto ammazzato c’è sempre, qualche prova anche: qui un suicidio evidente, le prove, più o meno, tutte senza eccezione “alla pastiglia che si sposta”.

Francoforte 26 05 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.