Set 14 2019

la legge del più forte-milletrecentosessantatre 13 09 2019

Published by at 8:56 am under Pubblica Amm.ne

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – MILLETRECENTOSESSANTATRE Dal Dubbio, tratto da un articolo di Valter Vecellio: —“Cinico mercante di morte”, definisce Enzo Tortora il Pubblico Ministero Diego Marmo; e aggiunge: “Più cercavamo le prove della sua innocenza, più emergevano elementi di colpevolezza”. Le “prove” erano la parola di Giovanni Pandico, un camorrista schizofrenico, sedicente braccio destro di Cutolo: lo ascoltano diciotto volte, solo al quinto interrogatorio si ricorda che Tortora è un camorrista. Pasquale Barra detto “o nimale”: in carcere uccide il gangster Francis Turatello e ne mangia l’intestino… Con le loro dichiarazioni, Pandico e Barra danno il via a una valanga di altre accuse da parte di altri quindici sedicenti “pentiti”: curiosamente, si ricordano di Tortora solo dopo che la notizia del suo arresto è diffusa da televisioni e giornali— Le prove dei processi Iori; il trionfo del libero convincimento dei giudici sull’ultimo ritrovato della scienza, il Dna; motivazione di primo grado, che però dimentica la dichiarazione, non contraddetta dai colleghi, del perito della difesa, il Dna resta nel 10% dei casi, potrebbe anche non restare sul volante della propria auto; da pagina 51 in avanti; domani le conclusioni dei giudici: —4.2 DNA I consulenti del P.M. che hanno effettuato le indagini biologiche hanno confermato, anche all’esito del contraddittorio dibattimentale, le conclusioni riportate negli atti, che qui si trascrivono in relazione agli oggetti di interesse: 1- le analisi del DNA svolte sulla campionatura biologica realizzata sulla manopola di una bombola hanno permesso di estrapolare un profilo genetico di tipo misto perfettamente compatibile con l’ipotesi di commistione tra le sostanze biologiche delle vittime ORNESI Claudia e IORI Livia; – le analisi eseguite sulle campionature realizzate sulle restanti bombole hanno invece avuto esito negativo; 2- le analisi dei polimorfismi del DNA effettuate sulla campionatura biologica realizzata sul lato inferiore di un blister di farmaco Xanax hanno permesso di estrapolare un profilo genetico parziale identico a quello della vittima ORNESI Claudia; – sui restanti blister le analisi hanno avuto esito negativo; 3- le analisi del DNA eseguite sulla campionatura biologica compiuta su un tappo in plastica di colore verde delle bombole, hanno permesso di estrapolare un profilo genetico di tipo misto parziale compatibile con l’ipotesi di commistione tra le sostanze biologiche della vittima ORNESI Claudia e IORI Maurizio; – sui restanti tappi le analisi hanno avuto esito negativo;

4- le analisi dei polimorfismi del DNA eseguite sulle campionature biologiche realizzate sui fazzolettini hanno permesso di ottenere un profilo genetico identico a quello della vittima IORI Livia;

5-le analisi del DNA eseguite sulla campionatura biologica realizzata sul collo della bottiglia di acqua “Maniva”, hanno permesso di estrapolare un profilo genetico identico a quello della vittima ORNESI Claudia;

– sui restanti colli delle bottiglie le analisi hanno avuto esito negativo;

6- hanno inoltre avuto esito negativo le analisi del DNA svolte sullo sportello del quadro elettrico, sugli interruttori del quadro elettrico e sui tasti della caldaia. 7-le analisi dei polimorfismi del DNA effettuate sulla campionatura biologica realizzata sulla campionatura di presunta saliva realizzata sulla compressa di Xanax reperto 42 hanno consentito di ricavare un profilo genetico parziale identico a quello della vittima IORI Livia.

Cremona 13 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.