Ago 23 2018

la legge del più forte-novecentosettantasette 23 08 2018

Published by at 5:35 pm under costume,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – NOVECENTOSETTANTASETTE
Francesco Minisci continua a parlare all’Avvenire da tutore del Governo: le intercettazioni devono esser come l’Anm comanda, e se il processo dura a lungo, non si sa bene per scelta di chi, i mafiosi tornano liberi!
—Intercettazioni: la riforma Orlando, da voi criticata, è stata congelata.
Il nostro grido d’allarme è stato ascoltato. Il governo l’ha sospesa fino al 31 marzo 2019. Ma quella riforma non andrà bene neppure fra 7 mesi, è dannosa per le indagini e pregiudizievole per il diritto di difesa, deve essere accantonata o ripensata radicalmente.
Come valuta l’ipotesi di eliminare il ricorso al rito abbreviato per i reati di criminalità organizzata?
Attenzione a lanciare temi che possono generare danni gravissimi. Nei processi ai mafiosi il rito abbreviato ha funzionato bene, consentendo sentenze rapide e – nonostante lo sconto di pena – condanne pesanti, fino a 20 anni. Se si elimina quella possibilità, si rischiano numerose scarcerazioni di mafiosi: perché se un processo dura a lungo, scadono i termini di custodia cautelare. E questo non lo possiamo permettere, sarebbe un favore alle mafie.

Ceriana 23 08 2018 www.flaminiocozzaglio@gmail.com

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.