Mag 22 2015

osservazioni di un associato-centosessantaquattro 22 05 2014

Published by at 7:49 am under cronaca cremonese,Striscia La Provincia

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – CENTOSESSANTAQUATTRO
Non si hanno ancora notizie delle dimissioni di don Ernesto Folli, detto celestino dagli ammiratori, in stretta discendenza dal Celeste Formigoni, dal consiglio della Fiera, in cui appoggia il sedere sulla poltrona in qualità di: ex presidente del Consorzio Agrario! A questa stregua capitan Voltini, che del Consorzio è presidente in carica, a quante poltrone avrebbe diritto, se non fosse gli manca il tempo perché lo usa per lavorare?
Ancora oggi i pivantonini dan la caccia ai 211 traditori che avrebbero consegnato il Consorzio ai Coldiretti, incapaci come sono di una delle operazioni più semplici: specchiarsi e trovare le risposte. Per quale motivo l’agricoltore vero di Cremona, quello che la sera è tanto stanco che non esce di casa e si addormenta davanti alla Tv, avrebbe dovuto scegliere la loro lista, zeppa di copie alla don Ernesto? Ma chi cazzo è don Ernesto per aver la pretesa che a lui una poltrona sia sempre dovuta? Pevché ha la evve moscia e la giusta abbvonzatuva presa a Forte dei Marmi, contro i calli e l’abbronzatura dai campi dei Paolo Voltini? Prima o poi gli agricoltori veri, se han le giuste informazioni, decidon di testa loro, non di Guidimario.
Dopo la smargiassata della News letter 19 del 15 maggio, pubblicata sul sito della Libera, bisogna trovare i soldi e damigel Filippini non osa far richieste imbarazzanti al dottor Pivantonio: invece di far finta di non sentire, quello è capace di urlare e sbattere le porte, e il damigello ha una parentela non alla lontana con don Abbondio. Ma i soldi, più che servire, sono indispensabili. Un noto commercialista, che come me segue i conti Libera, proprio ieri mi diceva che al Quarto Lato di Piazza Duomo devono aver dei maghi nella scrittura dei bilanci: nei fatti, le società editoriali dovrebbero essere ricapitalizzate (il che vuol dire: i 2400 soci tirano fuori un bel pacchetto di euro a testa) da un po’, a norma di legge, a meno che le scritture dimostrino, al di là di ogni ragionevole dubbio, che il patrimonio sociale è ampio e ben difeso. I soldi da sborsare, tanti, per la causa con Guido Vezzoni, saranno a bilancio? Tutti gli amministratori 2014 son stati pagati? Qualche fornitore pesta i piedi? Eccetera, sperando infine non ci siano imprevisti per irregolarità in cui ogni buon imprenditore può cadere, senza accorgersene.
Ma forse son pessimista io, la Libera i debiti li paga, bene e puntuale. Ieri, sulla Provincia fin che c’è, gran servizio sulle imprese dei nostri a Milano, Rivoltini Massimo in testa, in foto e in cronaca: come noto, dopo il cavaliere di latta, Rivoltini Massimo è stato il maggior sponsor di Pivantonio in Fiera, e adesso manca solo la foto del Buon Ricordo mentre beve il caffè in centro, cui provvederà Pennadoro, ne sono certo, nei prossimi giorni. Nella stessa pagina, poco più sotto: Expo, un’esposizione che parla anche cremonese, ricordato quasi tutto, tranne il trionfo dei Coldiretti di capitan Voltini, l’altro giovedì, trionfo ripreso da Tv e giornali nazionali.
Ma la più bella, il consueto segno di Zorro, inconfondibile, di Zanolli Pennadoro Vittoriano, è al centro del giornale, nell’inserto: 2015 Cremona verde.
Noblesse oblige, la parola per primo a Pierluigi Filippini, presidente della Libera, il damigello insomma, che spiega subito coi titoli: Agricoltura e zootecnia ancora in grande sofferenza; Prospettive? Nel breve periodo le previsioni non sembrano interessanti. Poi una lunga via crucis tutto l’articolo: destino cinico e baro!
La pagina appena dopo, mettilo almeno in fondo, distratto d’un Pennadoro, il volto sorridente di Costantino Vaia, uno dei migliori manager della grande Agricoltura padana, che spiega i successi internazionali del Consorzio casalasco del pomodoro che lui dirige, presidente capitan Voltini, e mi fa venire un dubbio, visto che Filippini, che è imbeccato da Pivantonio e Guidimario non può sbagliare: la coltura del pomodoro, per caso, fa parte della siderurgia?

Cremona 22 05 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.