Mag 17 2015

un giudice davvero scomodo-trentaquattro 17 05 2015

Published by at 9:25 am under cronaca nazionale,Giudici

UN GIUDICE DAVVERO SCOMODO – TRENTAQUATTRO
Ecco la chiusura del capitolo: “La diffamazione, i giudici, i giornalisti e altre cose”, apparso su “gettalarete.it” il 24 giugno 2013 e compreso in Office at night, seconda edizione, del nostro Guido Salvini:
“Ma le pene detentive e senza sospensione per diffamazione, riapparse quando il querelante è un magistrato che, a differenza dell’imputato, “gioca in casa”, legittimano il sospetto di autoreferenzialità e della presenza di qualcosa che, con una brutta parola oggi in voga, si chiama casta e che può esprimere il suo potere con l’Anm e le correnti per le quali “la magistratura ha sempre ragione”. Due sentenze sono ancora un indizio, direbbe un investigatore, una terza sarebbe una prova. La “guerra civile” tra giustizia e parte della politica è aperta da quasi vent’anni. Sono guerre che alla fine nessuno vince. Non condannare al carcere i giornalisti del campo opposto sarebbe forse un primo passo per iniziare a chiuderla. E forse in casi simili vince davvero solo chi fa il primo gesto.”

Cremona 17 05 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.