Mag 16 2015

osservazioni di un associato-centocinquantotto 16 05 2015

Published by at 7:33 am under cronaca cremonese,Striscia La Provincia

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – CENTOCINQUANTOTTO
Finita la pacchia su tutti i fronti per i pivantonini in Libera: han già all’interno guai finanziari, temo irrisolvibili, di cui scrivo da mesi, incredibile un meno 30 milioni dal 2008, quando Mario Maestroni lasciò il Gruppo in piena salute; la fontanella dei soldi, ma di troppo tempo fa, la Provincia fin che c’è, macina ogni anno debiti su debiti, garantisce Zanolli Pennadoro Vittoriano direttore; perlomeno, fino a ieri, la Libera era di fatto l’unico sindacato tra gli agricoltori cremonesi, visto che Coldiretti alternava presidenti e commissari come bere un caffè e alcuni addirittura, una volta messi da parte, cambiavano sponda.
Da un anno, con l’arrivo di capitan Voltini ai comandi, perso anche questo vantaggio: né Pivantonio prima, ancor meno damigel Filippini poi, possono vantare d’esser gli unici a tener la scena, e s’è visto anche di recente all’Expo dove la presentazione dell’Agricoltura cremonese allo stand Coldiretti ha attirato l’attenzione di tutti i media italiani e stranieri, tranne la Provincia fin che c’è, impegnata nel concorso della pizza che ottiene più tagliandi…..
Grosso guaio l’arrivo di capitan Voltini: se ai debiti in teoria, molto in teoria, moltissimo in teoria, possono rimediare, se ci sono ancora, ricchi agricoltori storici, alla fuga dei soci Libera non c’è rimedio. Quando scrivo tremila è per far cifra tonda: oggi non arrivano a 2400; quanti ne restano alla proposta ufficiale dell’ultimo consiglio, che i servizi 2015 aumenteranno in media di 300/500 euro l’anno per azienda?
E quando capitan Voltini, che ha già mostrato tutto il suo valore al Consorzio del pomodoro, imposta dei buoni programmi con buoni prezzi a garanzia della vendita del prodotto anche al Consorzio Agrario, che succede? Se riesce a render meno “dolorosi” latte e mais? Cos’han fatto, a oggi, oltre piangere sulle pagine della Provincia fin che c’è, damigello e pivantonini?
In parole povere, Pivantonio ha costruito la sua “fortuna” solo sull’assenza di un competitore vero, ma oggi le parti si sono invertite, e tra l’altro capitan Voltini oltre a essere l’unico leader, in Libera è più leader Criniera Ardigò di damigel Filippini, è pure bravo manager, altro che Pivantonio, e le ragazze Pomì non vincono per caso.
Ultima nota, le cariche al Consorzio Agrario: i comandi ai Coldiretti, che hanno vinto, ai Folli, Lanzoni, damigello eccetera la bava alla bocca, che aumenterà man mano che capitan Voltini esaminerà i conti; ma nel comitato esecutivo, sei consiglieri, due sono della minoranza. Lo prevede lo statuto, molto più generoso e democratico che in Libera, dove la minoranza non ha nemmeno posti di controllo, come si usa nelle società civili di qualsiasi tipo. Il comico, ma ci sono io a spiegare le faccende ai soci, è che i vari Guidimario, damigello, don Ernesto in genere, fanno regolarmente scrivere sulla Provincia fin che c’è di liste e decisioni concordate con tutti!

Cremona 16 05 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.