Mag 15 2015

un giudice davvero scomodo-trentadue 15 05 2015

Published by at 11:36 am under cronaca nazionale,Giudici

UN GIUDICE DAVVERO SCOMODO – TRENTADUE
E andiamo avanti con la tesi di Guido Salvini, che condivido: la diffamazione non è tra gli atti più gravi, ma una società che voglia mantenersi viva e rispettosa non deve limitarsi a punirla con un: non farlo più!
“Non si può confinare l’offesa all’onore solo ad un processo civile. Un tempo nelle classi alte l’offesa all’onore si risolveva addirittura con il duello e lo scontro virtuale in aula fa parte quindi del processo di civilizzazione. Spesso i processi per diffamazione hanno significati e conseguenze su più piani. Emile Zola infatti scrivendo il suo famoso J’accuse si fece processare proprio per poter far riaprire, con quello che avrebbe detto in aula, il processo Dreyfuss. In un processo civile mancherebbe buona parte del significato pubblico e simbolicamente diretto all’intera collettività di una sentenza penale e tra l’altro le stesse ragioni della difesa, per motivi intrinseci all’accertamento del danno civile, manca infatti il fair trial, rischierebbero di trovare meno spazio.”

Cremona 15 05 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.