Apr 23 2015

j’accuse-quattrocentocinquantotto 23 04 2015

Published by at 3:52 pm under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – QUATTROCENTOCINQUANTOTTO
Per chi non avesse mai seguito un processo d’Assise, anche per me era il primo, e spero ultimo, ecco il tocco leggero in area che impedisce all’attaccante di tirare. Solo che qui è il presidente di una Corte d’Assise, che manca poco si sostituisca al teste, la signora Pasqua Facchi, madre di Claudia Ornesi. Giudicate voi, cari lettori.
Avv. Difensore, Giusto – Approvavate la relazione tra sua figlia ed il Dottor Iori?
Testimone, Facchi P. – Guardi, lei voleva così ed a noi andava bene così, dovevamo accettare, cosa vuole!
Avv. Difensore, Giusto – Ecco, però la mia domanda era leggermente diversa, signora?
Testimone, Facchi P. – No, no, tanto per la situazione proprio delicata, ingarbugliata, no. Però, come sempre accettavamo, non dovevamo essere in casa, non dovevamo…
Presidente – Mi sembra che abbia risposto chiaramente.
Avv. Difensore, Giusto – Certo, certo. Ecco, su questa questione signora del non dover essere in casa, lei ci ha detto prima che sostanzialmente il Dottor Iori pretendeva che lei e suo marito vi allontanaste quando lui veniva a trovare sua figlia a casa sua?
Testimone, Facchi P. – Sì, sì.
Avv. Difensore, Giusto – E questa pretesa come si estrinsecava in concreto?
Testimone, Facchi P. – Lui ha telefonato la prima volta da quando è nata Livia che è venuta in casa nostra fa: “Claudia però dobbiamo esserci solo noi non deve esserci nessuno”. Mica noi eravamo contenti di uscire, faceva anche freddo in quel momento. Però, Claudia non voleva, per il bene suo, non voleva scontentare lui, noi non volevamo scontentare lei, eravamo costretti ad uscire.
Avv. Difensore, Giusto – La richiesta ovviamente, era stata fatta quindi da sua figlia, non dal Dottor Iori?
Testimone, Facchi P. – No, era il Dottor Iori che ha detto di uscire da casa.
Presidente – L’Avvocato voleva…
Avv. Difensore, Giusto – Grazie, Presidente.
Presidente – … sapere quello che era già implicito, cioè, nel senso che siccome sua figlia riceveva la telefonata del Dottor Iori diceva: “adesso arrivo” poi era lei che diceva: “mamma dovete andare… mamma e papà dovete andare”…
Testimone, Facchi P. – E certo, arriva lui era implicito, certo.
Presidente – … era lei che diceva a voi “per piacere andate perché”…
Testimone, Facchi P. – “Per piacere andate perché lui non vuole”…
Presidente – … è così?
Testimone, Facchi P. – … “perché lui non vuole trovarvi qui”. Eravamo costretti!
Avv. Difensore, Giusto – Grazie, Presidente.
Presidente – Avanti!——————–

Cremona 23 04 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.