Apr 22 2015

osservazioni di un associato-centotrentacinque 23 04 2015

Published by at 11:21 pm under cronaca cremonese

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – CENTOTRENTACINQUE
Le previsioni sul voto del Consorzio Agrario erano queste: a Crema vince la lista biogas/latte di Guidi Mario perché lì i pivantonini ciechi e sordi a qualsiasi ragionamento abbondano; gli agricoltori veri con Voltini recuperano qualcosa sia a Cremona che Casalmaggiore; chi vince, alla fine, ce la fa per poche deleghe.
A Crema invece il biogas/latte di Guidi Mario ha vinto solo 19 a 10, mentre a Cremona ha subito un tracollo, 24 deleghe contro le 34 degli agricoltori veri con Voltini, e adesso facciamo due conti per capire cos’è successo.
Sulla carta, le sessanta deleghe di Cremona erano oltre quaranta della lista biogas/latte di Guidi Mario, meno di venti degli agricoltori veri di Voltini: evidente che dai e dai, scrivi tutti i giorni che ti combinano Pivantonio&Folli, gli agricoltori veri a Cremona abbondano rispetto ai pivantonini ciechi e sordi di Crema, non per caso il damigello viene da quelle parti, e scelgono con la loro testa, per il bene delle loro aziende!
Che succede oggi a Casalmaggiore? Che posso rispondere, amici agricoltori veri, a voto corretto vincete, ma anche i muri sanno le abitudini dei pivantonini, l’incetta delle deleghe dei segretari di zona e dei funzionari di Cremona, che subito dopo lo spoglio di ieri han lasciato gli uffici per battere tutto il Casalasco, cascina per cascina: fin che permettete ai pivantonini di violare leggi, regolamenti, correttezza, buon gusto, quelli non se lo fan dire due volte. Due giorni fa ho dovuto avvisarli di non far votare i morti, ma la loro arroganza non ha limiti, basta dare un’occhiata alla lista che han presentato, solo grandi allevatori e impianti biogas, la stragrande maggioranza dei soci Libera completamente ignorata, così come larga parte della provincia!
Il diritto delle vacche da latte, il diritto del biogas: tutti gli altri agricoltori hanno un solo dirittto, pagare la quota e i servizi! Vi racconto un fatto, piccolo ma molto significativo. Ieri a Cremona per votare c’era da far la coda, anche un’ora; tutti in fila educatamente, e mi dicono, a loro onore che si deve riconoscere, perfino la moglie e il figlio di Antonio Piva; a un certo punto arrivano donna Reverberi e la madre scortate da don Ernesto Folli e saltano la fila per votare subito: non avendo donna Reverberi biogas, per il diritto delle vacche da latte, immagino!
Tanta arroganza da non capire quanti voti può essere costato il gesto, ma loro, a partire dal presidente nazionale Guidi Mario, son fatti così: chi è più grosso, è più intelligente e ha sempre ragione!
Per questo, amici agricoltori veri del Casalasco, vi dico che il più è fatto ma bisogna egualmente stare in guardia: oggi votate e ditelo agli amici. A quelli come voi che quando si deve vivono più sul trattore che in casa, che se guadagnano non è certo raccattando indennità di cariche alle spalle dei colleghi, che se han bisogno di vendere subito, se han pomodori gli va bene perché li consegnano al Consorzio di Voltini, se hanno mais/trinciato son presi per il collo dai briatore braccio corto, guarda caso nella lista biogas/latte di Guidi Mario.
La vittoria è a un passo, ma dipende da voi e dai vostri vicini!

Cremona 23 04 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.