Apr 03 2015

j’accuse-quattrocentotrentotto 03 04 2015

Published by at 11:39 am under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – QUATTROCENTOTRENTOTTO
Sempre la Cassazione Amanda/Sollecito che m’ha fatto gioire e amareggiare nello stesso tempo, sapendo quanti giudici di merito sentenzino “alla mia maniera”: “il complesso probatorio era talmente contraddittorio da rendere impossibile il superamento dei dubbi e delle incongruità.”
Impossibile? Impossibile solo per il burocrate che si limiti ai fatti e alla legge; al diritto inventivo, accompagnato dal potere quanto basti, non si oppongono confini. Massa Pio, tutto da solo, senza sfera di cristallo:
“Si tratta veramente di una condotta omicidiaria con irraggiungibile grado di efferatezza, molto superiore a quella tenuta da chi, per fare un esempio, spara e uccide con una pistola o con il fendente di un coltello. Maurizio Iori non solo ha perfidamente ingannato persone che gli volevano bene, ma ha visto morire lentamente, davanti a sé, l’innocente sangue del suo sangue e la povera Claudia. Aveva tutto il tempo per fermarsi, per tornare indietro ma non l’ha fatto ed è rimasto imperturbabile davanti all’agonia di due esseri umani che morivano per mano sua.”
Non si parla di corda in casa dell’impiccato, dice il proverbio; Massa Pio lo ignora e mette a fianco, come nulla fosse, un omicidio a colpi di pistola o coltello con uno supposto a base di 95 confetti Xanax, senza nemmeno essere sfiorato dal dubbio che se per il primo puoi dare scontato tanto, il secondo lo devi dimostrare bene, al di là di ogni ragionevole dubbio: da solo, senza consiglieri al fianco, nemmeno vestiti da sfera di cristallo. E il suo impaccio, da venire il dubbio voglia convincere sé prima dei lettori, è l’eccesso di inutili aggettivi e avverbi tesi a creare sostantivi che non esistono. Ha “visto morire lentamente davanti a sé” e che vuol dire, mi domanderete? Ecco la spiegazione, di una fantasia che farebbe inorridire la Cassazione di sopra:
“E’ evidente che se Iori non fosse l’assassino e fosse uscito effettivamente da via Dogali dopo un litigio con Claudia, ancora viva, egli se ne sarebbe tornato a casa con una certa rapidità (magari dopo aver preso un gelato o una bibita in un esercizio pubblico) per prepararsi alla faticosa giornata che lo aspettava (partenza per Milano e sveglia alle sei). Ma se Iori è invece la persona responsabile dell’omicidio di Claudia e Livia, operazione che ha richiesto la sua presenza per lungo tempo in via Dogali per la eliminazione delle prove, il controllo dell’agonia delle vittime e del funzionamento svuotamento delle 4 bombolette (durata che si aggira appunto di 3-4 ore) deve aver pronto un alibi per le ore in cui si compiva l’omicidio.”
L’impaccio di Massa Pio è sempre più evidente: a chi/cosa interessa se Iori abbia preso un gelato o una bibita, ma bisogna riempire la pagina con effetti speciali che possano illudere di una realtà; che Iori dorma poco, ha bisogno di 4/5 ore, per un motivo o per l’altro, nulla cambia per l’esito dell’operazione a Milano, riuscita benissimo e anche questo è uno dei numerosi dati a favore di Iori; ma il botto da Olimpiadi è che Maurizio Iori sia rimasto 3-4 ore sul “luogo del delitto”, un appartamento in un condominio di trenta unità, col gas che esce e puzza e potrebbe richiamare i vicini nonché far danni a lui, con i familiari di Claudia che abitano a due passi e potrebbero telefonare o venire: ma quale rispettabile assassino si comporta così?
Per non dire del resto: 3-4 ore per cancellare le prove che poi sono le tracce su bombole fornelli blister, e secondo Massa Pio se ne dimentica pure qualcuna? Sarà che secondo Massa Pio a un certo punto Iori, per non correre rischi, ha staccato la corrente…..controllare l’agonia e lo svuotamento delle bombolette? Ma se lui stesso ha scritto, a pagina 43, che Iori ha avvolto il capo di Claudia e Livia coi famosi sacchetti che puzzano da un piano all’altro, ma chieda a qualsiasi medico, se non si fida della propria scienza: anche senza gas, se chiudi la testa in un sacchetto di plastica muori in due minuti, altro che 3-4 ore…..
Il mio regno, il mio regno per un indizio, che sia buono però!

Cremona 03 04 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.