Mar 13 2015

agli amici della destra cremonese 13 03 2015

Published by at 9:55 am under costume,cronaca cremonese

AGLI AMICI DELLA DESTRA CREMONESE
Temo non vogliano capire il problema vero del caso Le Corde dell’Anima, se arrivano a scrivere, www.artventuno.it, una robaccia del genere:
—si potrebbe attingere da quel famoso fondo di solidarietà di 100.000 Euro istituito per calmierare la Tari ai commercianti del quale, dopo la scoperta dell’errore di inversione delle percentuali non si è saputo più niente… sarebbero comunque soldi investiti in una manifestazione importante per il commercio.—
Non si tratta di frugare in un bilancio che supera abbondantemente i cento milioni, fosse questo, altro che i 60mila euro chiesti dalle signore di casa Folli, se ne trovano anche 600mila, e del resto lo stesso ragionamento si deve fare per il bilancio Libera, cui PubliA organizzatore dell’evento appartiene: si tratta di stabilire se è giusto togliere soldi a tutti i cittadini per darli, abbondantemente, ai soliti pochi ricchi, che non hanno intenzione alcuna di rinunciarci, a costo di non fare Le Corde. Errore commesso da Oreste, che ha contribuito a fargli perdere la rielezione, che più in piccolo stava per commettere il Galimba, che non deve offrire 30mila euro, non deve offrire nulla e pubblicare invece per sommi capi il bilancio Corde del 2014, così chi vuole capisce tutto. Qui sotto, per capire più di “tutto”, la risposta di Agostino Melega alla mia citazione di ieri:
—Flaminio, ti ringrazio per le parole di stima e di fiducia nei miei confronti, io però non sarei disponibile ad organizzare nessun evento per il Comune, nemmeno se mi pagassero a peso d’oro. Se un amministratore serio, mi chiedesse invece un parere su quanto dovrebbe essere pagato un consulente esterno per coordinare e gestire un progetto finanziato dal Comune, direi che il parametro di riferimento e di rispetto massimo è quello dei dirigenti dello stesso Municipio.  Certo, se in tale impegno fosse prevista anche la ricerca di sponsorizzazioni, potrei capire pure un premio proporzionale ai finanziamenti stessi, una volta che questi fossero arrivati nelle casse del Comune. Ma ora vedo che si parla di buoi già usciti dalla stalla, come in tanti altri casi della vita pubblica italiana, nella quale per consuetudine viene data la caccia alle formiche per lasciare indisturbati gli elefanti. Ciao, Agostino.—
Amici della destra, Galimba, politici e interessati in genere, fate leggere la nota di Melega alle signore di casa Folli.

Cremona 13 03 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.