Feb 12 2015

osservazioni di un associato-sessantacinque 12 02 2015

Published by at 9:25 am under cronaca cremonese

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – SESSANTACINQUE
Certo che quando leggo sulla pagina facebook di un importante agricoltore: “Piva, che come uomo rispetto, e sono orgoglioso che ci sia tra di noi un rapporto di stima e di amicizia”, tralascio cosa penso di uno che si presenta così, non mi stupisco di sapere di un tavolo a tre, l’appetito aguzza le idee, il compagno senatore Pizzetti Luciano, quello di CastelPizzetti, il presidente dell’Amministrazione provinciale Vezzini Carlo, e Pivantonio, discussione in tutta e completa amicizia, d’uso tra simili: i progetti per ottenere la riconferma del dottor Pivantonio alla presidenza di CremonaFiere!
Non mi stupisco naturalmente che certe cose succedano, siano sempre successe eccetera eccetera; nemmeno che all’interno di associazioni private come la Libera menti luminose continuino a sperare nel gran ritorno del loro amato ex presidente, ora costretto a comandare con la voce dell’accucciato damigel Filippini; mi scandalizzo invece, e spero tanti mi seguano non solo con le parole, che uomini politici, di una parte per giunta che ogni giorno salta sullo sgabello per farsi sentire: noi vogliamo il bene della gente! infischiandosene della rovinosa gestione economica e d’immagine, a cura del loro amico, della un tempo ricca e gloriosa Libera, si impegnino a confermarlo in una carica pubblica, dove siede ininterrottamente dal 2003, uno dei pochi errori di Mario Maestroni, senza nemmeno darsi il fastidio di controllare se per caso anche lì abbia commesso “errori simili” o gemelli del Quarto Lato di piazza Duomo; conferma poi non in un momento qualsiasi, in uno storico, che capiterà ancora fra trecento anni: l’Expo a Milano!
E il compagno senatore Pizzetti Luciano, già comunista quando era vantoso dirlo, ironia della parole, è quello che a Roma si occuperebbe da sottosegretario delle: Riforme Istituzionali!
Ah! ah! Pivantonio è una “riforma istituzionale”: ancora una volta il già perito industriale Pizzetti conferma le sue incertezze di lessico! Libro dei sogni: si porta Pivantonio in Parlamento col cartello: riforma istituzionale del sottosegretario Pizzetti! Che i colleghi sappiano cosa dice a Roma, cosa fa a Cremona! Ovviamente la cosa grave non è l’incertezza in italiano del compagno Pizzetti, peraltro nota da che continua a inondare Cremona dei suoi scritti: il grave dichiari senza lasciare ombra di dubbi che in tutta la città e la provincia non ci sia miglior ambasciatore per ricevere i quattro turisti Expo che avessero voglia di passare mezza giornata da noi. Non le chiacchiere, tipo Tamoil che si vede dove han portato, i fatti dimostrano perché Cremona rimane sempre Cremona, fin che permetteremo di presentarci al mondo a quella gente lì!
Non ci resta che sperare in Mario Guidi, che ancor prima di perdere a fine aprile il Consorzio si dovrebbe incazzare di brutto alla diaspora continua dei soci Libera verso altri lidi; che diventerà un terremoto quando i rimasti saranno chiamati alla ricapitalizzazione, per evitare la chiusura, e non ci saranno chiacchiericci delle Reverberi a convincerli ch’è cosa buona e giusta, e fonte di salvezza per chi ha combinato i guai, tirar fuori migliaia di euro a testa. Sempre che non intervengano prima i sindaci, o peggio ancora, a far chiarezza.

Cremona 12 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.