Feb 05 2015

osservazioni di un associato-cinquantotto 05 02 2015

Published by at 7:07 am under cronaca cremonese

OSSERVAZIONI DI UN ASSOCIATO – CINQUANTOTTO
Quando gli amici agricoltori mi avvertivano: Pivantonio, pur di non cedere, pur di fronte all’evidenza del voto, è disposto a tutto, anche a mandare all’aria la Libera, faticavo a credere; oggi, giorno dopo giorno, mi rendo conto che gli amici eran fin troppo buoni. E’ pronto perfino a far entrare la Procura nel Quarto Lato di piazza Duomo, pur di dar fastidio a chi non lo sopporta più. Con il seguito che chiunque sia al corrente delle “segrete cose” può immaginare.
Ma l’ultima ha dell’incredibile. Coldiretti si muove, e se pur alternativa a Confagricoltura, qualsiasi cosa faccia va a favore degli agricoltori, di cui non ho bisogno di dire, qui, la situazione d’oggi, disperata. Uno dei tanti segni; Conad, grande distribuzione, tremila punti vendita, si accorda per pagare il latte 0,38, e compra pagine di giornale per spiegare:
-Il latte si fa mungendo le vacche, non spremendo gli allevatori-
E aggiunge: Conad è vicina ai tanti allevatori che venerdì saranno in tante piazze a difendere i valori del latte italiano.
Paolo Voltini, che non ho bisogno di presentare ai cremonesi, venerdì sarà a Milano, ma preferisco cedergli la parola:
—Abbiamo chiesto al quotidiano LA PROVINCIA un preventivo per una pagina a pagamento per far conoscere a tutti la nostra mobilitazione del 6 febbraio a Milano sul latte. Ci hanno risposto che non ci manderanno alcun preventivo perché il Presidente della LIBERA ha dato disposizione di non pubblicizzare la manifestazione di Coldiretti, anche se questa manifestazione riguarda il destino di tutti gli allevatori.— Voltini non indica il nome del presidente, e allora lo faccio io: è Pivantonio il Grosso e damigel Filippini è la sua trombetta! Nella tremenda situazione finanziaria del gruppo Libera, dove, non è una barzelletta, son lì a sperare che muoia uno importante così ci son tanti necrologi e si riesce a tirare la fin del mese, per puro dispetto rifiutano una pubblicità da 4/5mila euro! Il trombetta è stato chiaro: Coldiretti non deve apparire, mai, sul mio giornale! Il Collegio sindacale è d’accordo? Mario Guidi da Roma non dice nulla? E se Voltini s’incazza e toglie alla Provincia fin che c’è tutta la pubblicità del Consorzio casalasco del pomodoro, di cui è presidente? E se Voltini s’incazza ancora di più e decide di aprire a Cremona un quotidiano suo, per esempio dando una mano a Cronaca, che ha già ricominciato a Piacenza? Quando damigel Filippini, accucciato, fa il giro delle zone, oggi è a Cremona, per ripetervi che tutto va ben, Madama la Marchesa, tranne i conti, fategli domande precise, insistete fin che non risponde, accettate pure al suo posto Criniera Ardigò, ma non fatevi prendere in giro, cari tremila soci della Serva, un tempo Libera: la situazione è gravissima, ne va della sopravvivenza dell’Associazione, di cui lor signori se ne fregano, pur di restare sulla poltrona, fin che c’è anche quella…. E coi soldi, vostri, cari tremila soci della Serva, un tempo Libera, lor signori continuano a fare i grandi; domani, oltre alla faccenda sopra, fatevi dare le risposte che vi devono, anche da Criniera, se damigel non se la sente; è vero che continuano, accucciati, a cercar di vendere la Provincia al Cavaliere? E se ci riescono con cosa pagano i milioni di debiti? È vero che PubliA, dove insistono col 30% di insoluti, come se voi invece di 0,36 del latte prendeste 0,24 circa, ha 15 quindici dipendenti? È vero che Pennadoro ha solo per lui due segretarie che non riescono nemmeno a correggergli gli strafalcioni continui? È vero che certi giornalisti cercano di gonfiarsi la busta paga sostenendo di lavorare quattordici ore al giorno, pur scrivendo, in trenta ch sono, dieci pagine quando son tante? Fatele queste domande, cari tremila soci, è roba vostra, non di lor signori, che tra l’altro beccano un mare di soldi, vostri, a cominciare da Pennadoro. Damigel Filippini, accucciato, si lamenta d’esser nuovo e di dover far pratica? Balle anche qui, e se poi uno non se la sente non accetta cariche; damigel è consigliere al Consorzio, lo è stato della Libera sotto Maestroni eccetera: se non ha capito come si lavora è un problema suo, non vostro, cari tremila soci della Serva, un tempo Libera.
Cremona 05 02 2015 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.