Dic 03 2014

preoccuparsi bene, preoccuparsi tutti 03 12 2014

Published by at 9:26 am under cronaca cremonese

PREOCCUPARSI BENE, PREOCCUPARSI TUTTI
In mezzo al guado, tremendo, della relazione PubliA:
“Motivo di preoccupazione il calo di fatturato ad agosto (-9%) e a settembre (-18%) rispetto al 2013.”
Poi in ottobre Pivantonio ha provveduto ad allontanare Mauro Begatti dalla stanza dei bottoni, damigel Filippini pensa ad altro, e i dati da ottobre a oggi si possono solo immaginare e racchiudere in un: siamo ancora vivi!
“Sono in corso valutazioni circa le reali motivazioni di tale riduzione. Dal mese di settembre, è stato posto un blocco alla fatturazione a clienti “cattivi pagatori” e alle fatturazioni anticipate; la riduzione del fatturato potrebbe dipendere da tale procedura e non dal perdurare dalla crisi.”
La solita robettina da niente, come si vede, di cui Pivantonio s’è mai accorto, ha dovuto chiedere la cortesia al consigliere Mauro Begatti che gliel’ha scritta tanto nuda e cruda che s’è pentito subito e ha dovuto, complici gli altri consiglieri della Sec, rimetterlo tra i ranghi: magari il disastro PubliA dipende solo dalla mancanza d’ordine, si vende a clienti che non pagano e per completare l’opera si paga la provvigione all’agente che ha venduto al cliente che non ha pagato! Non ci vuole tanto, io, inesperto di bilanci, se Bill Gates mi dà il permesso, in due anni conduco Microsoft sul lastrico.
A ogni riga della relazione la mia sorpresa aumenta; su Pivantonio e damigel Filippini ho scritto tutto il possibile, basandomi sui fatti, e la conclusione è una sola: non si rendono conto di ciò che fanno e non fanno, forse si appoggiano alle ultime parole di Cristo: Padre, perdona loro perché eccetera, ma sono veramente stupito del silenzio del collegio sindacale in tutti questi anni, collegio composto dai primi professionisti di Cremona; abbiano dimenticato il fondamentale 2403cc: il collegio sindacale vigila……sul rispetto dei principi di corretta amministrazione ed in particolare sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile adottato dalla società e sul suo concreto funzionamento?
Dal sito ufficiale: “PubliA, fondata nel 1996, è la concessionaria di pubblicità del Gruppo Editoriale Sec”. Dunque ha il compito di vendere. E i sindaci vigilano e non si accorgono che PubliA vende a clienti che non pagano e ciò nonostante paga gli agenti che vendono a clienti che eccetera? È allora naturale che la relazione continui con:
“La situazione contabile al 30 09 2014 evidenzia una perdita di 250mila euro, la proiezione al 31 12 2014 segna un risultato negativo di 352mila al quale vanno ancora aggiunti l’ammontare della svalutazione crediti e l’ammontare delle tasse.”

Cremona 03 12 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.