Nov 25 2014

j’accuse-trecentonove 25 11 2014

Published by at 10:42 am under cronaca cremonese,Giudici

J’ACCUSE – TRECENTONOVE
Prosegue la sculacciatura dei difensori: decisivo, come sempre, avere l’esclusiva del battipanni in mano. Pagina 152:
“Va, infatti, osservato come le contestazioni formulate dai difensori dell’appellante siano state sostanzialmente finalizzate ad acclarare la semplice ‘possibilità’ che ad azionare i 4 fornelletti sia stata Claudia, sul presupposto che la situazione di quiete di tali utensili (tutti intorno ai letti delle due vittime), così come ricostruita dagli inquirenti, sarebbe stata idonea a determinare (sia pur mediante una inalazione lenta e prolungata) la loro morte, senza che dunque fosse stata necessaria una manovra di avvicinamento del fornelletto alla vittima tale da far ipotizzare l’intervento di un terzo.”
Non è proprio solo così limitata la contestazione della Difesa, che fa notare come dalle analisi dei consulenti della Procura risultino con certezza Dna di Claudia Ornesi sulle bombole, cui Massa Pio, quello della sfera di cristallo, rispose che le aveva messe, per distrazione, il medico di pronto soccorso; ma Fischetti&Vacchiano decidono per la via breve: non ne parlano!
“Non vi è dubbio che trattasi di una tesi difensiva sterile di risultati a discarico (ci credo sterile, basta non rispondere, n.d.r.), dal momento che prescinde da quell’impressionante (avrà impressionato loro, n.d.r.) mole di indizi, la quale induce obiettivamente (il sindacato avverbi è pronto a far querela, n.d.r.) a ritenere che sia stato Iori a somministrare lo Xanax a Claudia e Livia, per modo che, l’attribuzione all’opera di Iori dell’inalazione del gas alle due vittime non è certo ostacolata da quella statica posizione dei fornelletti che la difesa dell’appellante vorrebbe prospettare, potendo essa esser senz’altro compatibile anche con l’azionamento delle bombolette da parte dell’imputato.”
Atlante che regge il mondo: una volta accertato, al loro modo, ch’è stato Maurizio Iori a propinare le 95 Xanax, tutto ciò che ne segue è necessariamente compatibile!
Solo che, come nelle 95, anche nelle 4 bombolette le domande senza risposta abbondano, se le si voglia attribuire all’opera di un assassino: in parole povere, il gas non basta nemmeno per il gatto, ripetiamo tutti in coro fin da Cremona.
Vediamo i due di Brescia:
“Senonché, pur volendo prescindere da tali puntualizzazioni, rileva questa Corte come anche il tema dell’inalazione del gas contenga autonomi e preziosi elementi individualizzanti a carico di Iori. Riducendo all’essenziale le risultanze emerse nel corso dell’esame in contraddittorio dei consulenti, si deve preliminarmente ricordare come la causa della morte di Claudia e Livia di certo non sia stata l’intossicazione acuta da Xanax, ma l’inalazione di butano e propano in soggetti in stato di intossicazione acuta da tale sostanza farmaceutica.”
Anche se il giudizio dei consulenti è indicato in nota 148 come avvenuto nell’udienza del 05 12 2012, sfido chiunque a indicare le righe del verbale dove essi dicono che la concausa della morte non sia di certo l’intossicazione acuta da Xanax, ma va bene, imprecisione più, imprecisione meno, tutto fa brodo: ricordo ancora una volta che i consulenti della Procura ci misero cinque mesi a dare il parere perché nella letteratura scientifica non esistevano precedenti di morte a causa di Xanax e butano/propano.

Cremona 25 11 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.