Nov 09 2014

i soldatini 09 11 2014

Published by at 10:48 am under cronaca cremonese

I SOLDATINI
Confesso. Ogni tanto sono invidioso. Mi piacerebbe essere l’uomo che non sono, vorrei esser l’altro. Venerdì al gran consiglio della Sec, editore della Provincia fin che c’è, essere Francesco Stroppa o Mauro Begatti e vedere gli otto colleghi che manco si siedono, appoggiano sul tavolo la lettera di dimissioni in modo che, essendo maggioranza, il consiglio decade sull’atto come vuole il presidente decaduto, il dottor Pivantonio, il Gran Trombato del 16 ottobre. Perché decadano gli oppositori, in modo non abbiano il tempo di esporre la verità: il gruppo La Provincia è gonfio di debiti incredibili e di conseguenza la Libera stessa deve fare i salti mortali per sopravvivere.
Gli otto soldatini non battono ciglio: credere, obbedire, obbedire!
Combattere è un verbo impegnativo, fosse anche per i loro beni, per i tremila soci che han creduto in loro.
Poi mi piacerebbe trasformarmi in ciascuno degli otto quando tornano alle loro case, alle loro aziende, mentre dicono ai loro figli, alle loro mogli, ai loro dipendenti: io sono un capofamiglia, io sono l’imprenditore!
Il sacrificio, anche della vita, in certe dolorose circostanze ha un significato, anche un obbligo: per tagliarsi i bargigli è solo ridicolo!

Cremona 09 11 2014 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.