Ago 12 2013

aspettando giustizia pulita-trentacinque 12 08 2013

Published by at 12:03 pm under cronaca cremonese,Giudici

ASPETTANDO GIUSTIZIA PULITA – TRENTACINQUE
La motivazione stesa da Massa Pio, prima che in nome del popolo italiano, per conto dei colleghi Beluzzi Pier Paolo e popolari aggiunti, mi ricorda il gioco del Barcelona dei tempi d’oro, trenta passaggi precisi da far perdere la testa e poi la estocada de la muerte! Le sole differenze, i giocatori del Barcelona i passaggi li sanno fare, i gol pure, ma soprattutto, difficile che sia, una porta dove sbattere il pallone esiste, mentre a spiegare come da adulto a adulto invece che una palla si passino 95 novantacinque pillole o un che per esse, in fretta e di nascosto, non basta un Messi, tant’è vero che Massa dovrà nascondersi, come vedremo tra poco, dietro la mancanza di una sfera di cristallo, di cui, essendo gentiluomo, si guarda bene dall’incolpare il ministro!
Ecco i suoi passaggi, da pagina 33: “Lo stesso Iori e i suoi difensori concordano con quanto sopra esposto affermando che Iori, in quanto medico, non poteva ignorare che lo Xanax è commercializzato anche in forma liquida che ne avrebbe facilitato la somministrazione clandestina. Ed in effetti non vi sono soverchi problemi per immaginare o prefigurare (non perdere, caro lettore, l’importanza della sottile distinzione tra i due verbi, che ti richiamerà immediatamente l’esame severo cui vengon sottoposte le prove nell’intera motivazione, n.d.r.) i tanti modi in cui poteva avvenire la somministrazione clandestina. Si pensi, a solo titolo di esempio, ad una parziale irrorazione, anche mediante siringa, del sushi portato in casa su cui potevano essere messe delle salse dal sapore deciso (come le salse di soia e SuzieWon acquistate da Iori il 19 luglio insieme all’ultimo fornelletto); alla introduzione, già a casa propria o, al momento, a casa di Claudia, del liquido in bottiglie o bicchieri d’acqua o di altre bevande prima del loro uso.”
Il trionfo del tentativo della serie di passaggi, che sotto i piedi di Massa finiscono regolarmente dall’altra parte: lui dà già per scontato che il lettore, il popolo italiano, ma è evidente che spera siano solo colleghi e avvocati, si sia convinto che le 95 pastiglie siano sparite, perché ha scritto prima: potrebbero, mentre l’intero codice, il suo breviario, gli impone di trasformare le ipotesi in fatti, e crede anche di farsi aiutare dagli avvocati di Iori, che ammettono che il loro difeso, medico, sappia che lo Xanax esiste anche in gocce, ma sapere che esista, qui il pallone va in tribuna! non è la prova che cancella le pastiglie, anche se in tutte le 97 pagine Massa, guarda un po’, dimentica il parere dei consulenti, lo Xanax era davvero tanto, ma impossibile scientificamente stabilire se pastiglie o gocce; stabilito comunque, guai dubitarne, parola di giudice! che gocce sono, il lettore per far piacere a Massa deve credere sia facile spacciarle, per esempio con “una parziale irrorazione mediante siringa, sul sushi”.
Siccome nella sua pretesa d’aver ragione è tutto ovvio, rimangono oscuri piccoli dettagli; Livia ad esempio non ha mangiato il sushi; quando Iori l’ha “irrorato” con la siringa? a casa sua, sapendo già i bocconcini che Claudia avrebbe scelto, o da Claudia, magari nascondendosi in bagno durante l’operazione? comunque abbia risolto il problema, nello stomaco di Claudia c’era pochissimo cibo, per ficcar dentro tutto lo Xanax ha reso liquido il cibo solido e lei non se n’è accorta, sapori a parte?
Nonostante il pallone lo giochino solo gli avversari, nel suo caso la logica, Massa procede convinto d’esser lui a prenderlo a calci, ed ecco come può essere passato lo Xanax da Iori a Claudia, Livia in tutta la descrizione non esiste, anche se lei, pur piccola , avrebbe diritto alla sua parte di spiegazione del mistero: “Va ricordato che Iori comprò (vi risparmio tempi, luoghi e negozi, n.d.r) quattro bottiglie di Bacardi Breezer, gusti Lime e Grapefruit, succo di frutta al mirtillo Zuegg (6 bottigliette da 125cc), succo di pompelmo San Benedetto (4 bottigliette da 25cl), in parte rinvenute nel frigo di Claudia eccetera, può anche ipotizzarsi che due bottigliette di Bacardi siano state portate dall’imputato in casa di Claudia con la scusa di berle insieme, ed una di queste utilizzata per l’occulto propinamento, facilitato dall’avere il Bacardi un gusto proprio ed un contenuto alcolico, anche se non elevato, che può ben nascondere l’eventuale sapore del medicinale.”
Come avete letto, la parte della piccola Livia è disperatamente assente, dei 95mg liquidi, secondo gli esperti 5-6 flaconcini, che, pagina 33, avrebbe diviso con la madre, nessun cenno: passi, nonostante il 533cpp, la prova incerta, ma che non ci sia del tutto mi sembra troppo anche per il giudice più disordinato!
Ed ecco la tremenda conclusione, degna di incastonare i motivi di questa sentenza nella Storia della Giurisdizione almeno italiana, pagina 34: “Si precisa e ribadisce che quelli testé fatti sono solo alcuni (dei molti) esempi del modo concreto con cui, nell’ipotesi omicidiaria, il responsabile poteva far assumere lo Xanax liquido (sottolineo ancora, liquido per comodità di sentenza, non per prova, n.d.r.) alle vittime. Non avendo la sfera di cristallo non è possibile indicare con precisione quale fu l’espediente usato (uno di quelli descritti, un altro ancora) per riuscire nell’intento, né è necessario.”
“Sfera di cristallo” “né è necessario”: fate voi, cari lettori, ma ricordatevi sempre, oggi a Iori, ma se nessuno reagisce, nessuno saprà su quali altre case la sfera di cristallo potrà abbattersi.
E per chiudere oggi, in queste pagine Massa, se ne accorge? ha toccato uno dei punti nevralgici di qualsiasi giurisdizione abbia a cuore il rispetto di sé e della società cui si rivolge, se cioè l’unico rimedio a una sentenza che non sta in piedi nemmeno con gli spilli, sia il ricorso, e non anche il processo quanto meno disciplinare a chi l’ha decisa e la spiega in questi modi. Perché se è vero che lo Stato italiano ha deciso di risarcire coi soldi pubblici le vittime della mala giustizia, è anche difficile da accettare che non ne rispondano le persone che l’hanno provocata!

Ceriana 12 08 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.