Lug 10 2013

cavalleria appiedata 10 07 2013

Published by at 7:08 am under cronaca cremonese,Giudici

CAVALLERIA APPIEDATA
Capisco la rabbia di Berlusconi, per lui tre gradi di processo in meno di un anno con la condanna finale scritta già nelle prime indagini: ma ha senso pratico battersi contro ciò che formalmente è lecito quindi permesso? Il Sabelli Rodolfo di turno, presidente dell’Associazione nazionale magistrati, ha risposto fin dai primi giorni della sua nomina a lui e a chiunque, me per esempio nel caso Iori: il processo penale italiano ha tanti di quei pesi e contrappesi, vincoli e garanzie, costituzionali si fa senza dire, che l’errore di un giudice, ammesso e non concesso si verifichi, è per forza controllato da un altro giudice, che lo giudica come lui giudicherebbe un qualsiasi Berlusconi. In parole povere, se il dottor Pincopallino supera l’esame del dottor Pincopallone, il carcere è assicurato sia a lui che a Maurizio Iori.
Ma c’è un altro tipo di risposta che certi giudici, quelli che vogliono convincerci di lavorare per noi, temono moltissimo: la pubblica opinione, che però va preparata. Siccome in questione oggi è il processo dei diritti Mediaset, in due parole, per costituire fondi neri all’estero Mediaset comprava a tre volte il costo migliaia di film, e Berlusconi, pur impegnato ormai interamente in politica, non poteva non sapere e comunque il sistema per forza di cose l’aveva inventato lui, dove invece per Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset e gestore più che attento, manca la prova sapesse, e comunque ha sempre criticato l’impegno di B in politica, il suo attacco incessante ai giudici cattivi, ecco, B si dia da fare perché la pubblica opinione, come nel caso Iori, capisca che una tegola Mediaset non può che capitare a lui, ma i tetti son carichi di tegole adatte a ogni cittadino…….

Cremona 10 07 2013 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.