Mag 07 2013

andato anche lui 07 05 2013

Published by at 9:34 am under cronaca nazionale

ANDATO ANCHE LUI
Fu vera gloria? Angelo o diavolo? Si può dir tutto di me, figuriamoci di Andreotti. Vediamo il peccatore. Assolto, altro non si poteva, dall’accusa di mafia. A ogni incontro svelato dai pentiti del momento, imperturbabile, tirava fuori l’agenda che l’aveva accompagnato tutta la vita: quel giorno ero là, a mille km di distanza, provate a interrogare i testimoni veri. Un altro senza la sua accortezza sarebbe andato sotto, a dover giustificarsi, badate bene l’inversione del ruolo, di ciò che non aveva commesso. E allora, per giudici e critici in genere che non san distinguere la rersponsabilità politica da quella processuale, mafioso sì, ma in un periodo ormai prescritto. Che nella mentalità cattolica degli italiani non significa ciò che realmente significa, i giudici non son riusciti a fare il loro lavoro in un tempo così lungo che nessun italiano accetterebbe, fosse in un altro settore: accusato, dunque colpevole!
E il livore della categoria, si allenava per Berlusconi, si vide ancor più nel caso Pecorelli, per i più giovani: un giornalista particolare che grazie alle sue indagini finì ucciso a pistolettate. Il mandante non poteva essere che lui, perché Pecorelli gli scriveva contro! Tre processi, tra cui una condanna, e il proscioglimento definitivo della Cassazione.
Grande politico rispetto ai nani di oggi. Bah, non mi sembrano così nani, lo svantaggio rispetto all’epoca Andreotti è che oggi, diciamo così, son molto più seguiti dalla stampa, allora più rispettosa. Un suo coetaneo, Colombo Emilio, senatore a vita con scorta eterna per essere stato presidente del consiglio, la ficca nei guai per averla mandata a comprar la cocaina, coi nostri soldi del suo vitalizio, immagino.
Questo è un pettegolezzo, certo, uno dei tanti mai raccontati, ma se l’Italia è nella crisi che è, deve ringraziare i politici che hanno inventato il debito pubblico senza freni, a pagare si vedrà; e se l’Italia è il mal paese mal diviso, Nord ricco e attivo, Sud straccione e sonnolento, deve ringraziare i politici che hanno investito i risparmi del Nord nelle clientele del Sud, invece di aiutarlo con lo sviluppo. Non ho voglia di cercare su internet i miliardi, traducibili anche in euro, per arricchire i ricchi notabili invece di affiancare chi era costretto all’espatrio, se voleva mangiare. Senza distruggere il territorio, un Sud con strade, alberghi, areoporti, sarebbe stato le Maldive d’Europa e la malavita non avrebbe trovato il terreno fertile di oggi.
1945/1992, anni di grande politica perché i governi, durata media dieci mesi, parlavano politichese davanti e te lo mettevano in quel posto di dietro? Cento volte meglio le barzellette stantie di Berlusconi….

Cremona 07 05 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “andato anche lui 07 05 2013”

  1. danielaon 07 Mag 2013 at 3:15 pm

    Tra le “uscite” di Andreotti, quella che per me verrà ricordata di più è “a pensar male si fa peccato ma si indovina”.
    Il giornale scrive che ha intrattenuto rapporti amichevoli anche con personaggi scomodi e controversi, tra i quali Gheddafi: non è stato certo l’unico! Mi chiedo se anche lui era piegato al punto tale da baciargli la mano…
    Non lo conoscevo come politico, per cui di Andreotti posso solo dire che quello che ho apprezzato di lui è il fatto che:
    1) era stato proprio lui a chiedere l’autorizzazione a procedere, riguardo all’indagine che lo vedeva indagato;
    2) era rimasto ad affrontare il processo che lo vedeva indagato, invece di fuggire all’estero come aveva fatto Craxi.
    Se anche gli altri lettori di questo sito (soprattutto quelli che hanno più anni di me e che quindi l’hanno visto “all’opera”) volessero lasciare il loro ricordo su Andreotti…

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.