Feb 20 2013

colpo su colpo 20 02 2013

Published by at 9:51 am under cronaca nazionale

COLPO SU COLPO
Noi della destra, cambia nulla se Roma o Cremona, e pure Arcore, fossimo pugili saremmo specialisti nel parare tutti i colpi. Con la faccia.
Adesso è ormai confermato: l’Italia è allo stremo dopo vent’anni di berlusconismo. Ecco i tempi di B: sei mesi tribolatissimi nel 1994, cinque anni dal 2001 al 2006, tre e mezzo dal 2008 a novembre 2011. Totale nove anni.
Negli altri undici ho governato io.
Non voglio negare l’evidenza, partito con ottimi propositi di risanare la macchina dello Stato, Berlusconi ha fatto sosta a tutte le stazioni, per cedere ora all’uno ora all’altro Casini di turno. Inutile negarlo, la colpa è gravissima, doveva imporsi, o si fa come abbiamo promesso agli italiani o tutti a casa: io in Parlamento ci torno, voi non so.
Però oggi la crisi è dilatata enormemente dal debito pubblico, sulla cui formazione i sinistri, loro i pugni mica li parano con la faccia, stanno ben zitti. Chi domenica va a votare contro Berlusconi, si sforzi di ricordare quali partiti mandavano la gente in piazza a suon di scioperi per la pensione a 53 anni, tanto per ricordare la più grossa spesa senza soldi.

Cremona 20 02 2013 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “colpo su colpo 20 02 2013”

  1. danielaon 20 Feb 2013 at 3:13 pm

    Da un volantino di Vendola che mi è arrivato a casa prendo solo alcuni punti:
    1) “e tutti avranno una casa”: se si riferisce alle case popolari suppongo si debba intendere “tutti gli immigrati avranno una casa popolare” e gli italiani stiano pure indietro nella graduatoria. Se dovesse vincere la destra, si potrà cambiare una roba del genere in modo che per un italiano non sia così difficile averne una, nonostante la presenza degli immigrati? Se dovesse vincere la destra si potrà togliere la cavolata attuale che prevede che se uno viene sfrattato ottiene più punti per la graduatoria?
    2) “dobbiamo pensare alla Lombardia come regione multi-etnica”: e non lo è già (purtroppo, ndr)? Mi rifiuto di pensarla anche più multi-etnica di così.
    3) riguardo al lavoro, anche Vendola punta all’inclusione di donne e giovani: anche lui, evidentemente, non prende in considerazione i disoccupati di sesso maschile dai 30 anni in su. Inoltre credo sia ora di piantarla di dire “includiamo le donne”, come se le donne ora non lavorassero; in alcuni annunci di lavoro si legge “cercasi cameriera oppure cercasi impiegata oppure cercasi commessa, ecc. Solo al femminile. Qui, le solite femministe che invocano le pari opportunità guarda caso stanno zitte…
    4) “la Lombardia sarà senza mafia”: è risaputo, ora la mafia è anche al nord, Vendola però si occupi della sua Puglia, dove la criminalità organizzata si chiama “Sacra Corona Unita”…

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.