Set 16 2012

accontentarsi dell’esistente 16 09 2012

Published by at 9:04 am under cronaca cremonese,Giudici

ACCONTENTARSI DELL’ESISTENTE
Incidenti stradali gravi, gli eccessi: nella maggior parte dei casi l’omicida se la cava con la sospensione provvisoria della patente, il resto va in condizionale, i danni li paga l’assicurazione; ogni tanto capita il Tribunale che voglia dare “la lezione”, come all’albanese che l’anno scorso, contromano in autostrada, uccise quattro giovani francesi: 21 anni di galera.
Io ho scritto più volte, non c’è bisogno di leggi nuove, basta applicare esattamente quelle in vigore: l’omicidio, che a volte è solo “cosiddetto” colposo, a 200 all’ora? Pieni di alcol? Pieni di droga? Al codice attuale paga da sei mesi a cinque anni.
Non bastano?
Mi fa piacere che sul Piccolo di sabato lo ricordi, assieme ad altro, l’ex Procuratore di Crema Benito Melchionna.

Cremona 16 09 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “accontentarsi dell’esistente 16 09 2012”

  1. danielaon 16 Set 2012 at 2:39 pm

    La legge prevede fino a 15 anni di carcere per chi guida ubriaco e/o drogato, però non mette la pena minima del tipo “dai 5 anni ai 15 anni”; se anche si trova un giudice che la applica e dà 10 anni, poi i magistrati del 2° grado di giudizio la riducono della metà (è già capitato).
    Maroni aveva voluto che fosse introdotto il reato di omicidio stradale, mi pare poco prima delle dimissioni di Berlusconi: rimasta in sospeso fino a quando la Severino l’ha cassata.
    Gli Italiani ricordino questo: la Severino, ministro non politico di un governo tecnico, ha tolto una legge che avrebbe potuto dare giustizia ai familiari delle vittime, ammazzate da drogati e/o ubriachi.

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.