Ago 09 2012

ladri di biciclette 09 08 2012

Published by at 12:38 pm under cronaca cremonese

LADRI DI BICICLETTE
“Ha solo 14 anni, ma alle spalle ha già una sfilza di precedenti penali. E’ specializzato nei furti di biciclette, ma è stato spesso beccato per altri reati contro il patrimonio e per problemi di stupefacenti. Adesso il giovanissimo……si trova rinchiuso nel carcere minorile Beccaria di Milano.” Da www.cremonaoggi.it.
Potrei iniziare il commento con una battuta, a volte certi ricchi banchieri danno del bamboccione ai giovani che non se la cavano col lavoro, questo addirittura è già specializzato, ma la sintesi brutale dell’articolo mi fa venire i brividi: la società ha come primo dovere il difendersi, ma questo, anche se può fare danni enormi, di questo passo, uccidere, è un bambino!
E se vogliamo distinguerci dal terzo mondo, anche dal primissimo, come gli Usa, cerchiamo le cause per tentare una guarigione, famiglia, amici (si fa per dire), povertà eccetera, ma a quattordici anni il luogo di cura non deve essere un carcere, che vuol solo dire, se non muore prima, a vent’anni è un killer. La selezione, che è sia in natura che in società, va fatta, ma con la pazienza di aspettare che i devianti siano adulti.

Cremona 09 08 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “ladri di biciclette 09 08 2012”

  1. danielaon 09 Ago 2012 at 2:29 pm

    Chissà che finendo in galera il ladro di biciclette non impari prima la lezione…
    Forse avrebbe dovuto finirci già da tempo: sembra che abbia un bel po’ di precedenti penali.
    Per me hanno fatto bene a metterlo in galera (spero che i giudici non lo facciano scarcerare); continuare a “perdonarlo” e lasciarlo libero perché molto giovane sarebbe stato il modo migliore per “recuperarlo”? Io credo di no.
    A voler sempre recuperare i giovani che sbagliano per me può essere che degli assassini lo diventeranno davvero perché magari ragioneranno in questo modo: “stupriamo una ragazza e ci affidano ai servizi sociali, diamo fuoco a un barbone perché ci annoiamo e ci affidano ai servizi sociali, ammazziamo una ragazzina perché questa non ci sta e dopo un breve periodo in galera ci affidano ai servizi sociali, ammazziamo una madre e un bambino e ci danno una pena che è una barzelletta”…
    Ovvio che poi pensano di poter fare tutto quello che vogliono!
    Meno male che il suddetto ladruncolo non ha meno di 14 anni, altrimenti l’avrebbero lasciato libero perché non imputabile.
    Il fatto che sempre più ragazzini giovani facciano danni (non mi riferisco solo al furto), per me, è la conseguenza dell’eccessivo buonismo verso di loro.
    Famiglia: se il ladruncolo ha ricevuto un cattivo esempio perché viene da una famiglia di balordi perché non è stato allontanato dai genitori? Se invece il ladruncolo viene da una famiglia “perbene” e in apparenza sembra un ragazzino educato e rispettoso verso genitori e insegnanti, come fanno i genitori a sapere cosa combina il loro “figlioletto” fuori casa? Per forza poi, quando li avvisano, vengono giù dal pero e non vogliono credere che il loro “figliolo” abbia fatto qualcosa di brutto!
    Amici: visti i danni che sono capaci di fare alcuni giovani quando sono in compagnia dei loro amici, mi viene da pensare che a quell’età quasi sia meglio non averne, di amici…ragazzi che quando sono da soli magari si comportano bene, diverse volte quando sono in gruppo, non si sa perché, cambiano e diventano, nella migliore delle ipotesi, degli arroganti che insultano e minacciano persone se queste li riprendono per qualche motivo.
    Il discorso fatto su famiglia e amici è in senso generale, non riguarda solo il ladro in questione.

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.