Lug 19 2012

bossi presidente affettivo 19 07 2012

Published by at 7:23 am under Politica nazionale

BOSSI PRESIDENTE AFFETTIVO

E’ il nuovo organigramma della Lega: Bossi come George Napolitain, ma deve stare attento a ciò che dice, tutti i poteri al Barbaro Sognante. Di fare presidente Bossi….
Di questo ridono gli altri barbari e barbarini. Che non vogliono vedere come la Lega abbia provveduto in pochi mesi a separare il grano dal loglio. Pronta a ripartire, movimento di popolo.

Cremona 19 07 2012 www.flaminiocozzaglio.info

2 responses so far

2 Responses to “bossi presidente affettivo 19 07 2012”

  1. danielaon 19 Lug 2012 at 3:10 pm

    Almeno nella Lega c’è stata da subito la volontà di fare pulizia.
    Leggo dal giornale locale che alla festa della Lega a Trescore Cremasco Bossi avrebbe detto “abbiamo fatto l’accordo: è nata l’Euroregione padana-alpina, la scorsa settimana a San Gallo, in Svizzera, alla firma c’erano i Presidenti di Piemonte, Lombardia, Svizzera, Baviera, regioni austriache e Slovenia. Questa è una cosa nata tanti anni fa, dopo la dichiarazione di indipendenza della Padania a Venezia”. E ancora “l’accordo tra i popoli europei ci dà la forza per battere Roma”…
    Una curiosità: dopo queste dichiarazioni qualcuno aveva fatto la prova del palloncino a Bossi? Non è che aveva bevuto un po’ troppi alcolici?
    Di un accordo del genere non ne hanno mai parlato in nessun tg e su nessun giornale ma non credo l’abbiano fatto per “tutelare” Bossi (nel senso di non fargli fare figure barbine), dato che per me i cronisti non lo vedono di buon occhio (tranne, suppongo, quelli de La Padania) e se appena possono ne parlano male…io ho dei dubbi sull’esistenza del suddetto accordo.
    “C’erano i Presidenti di Piemonte, Lombardia, Svizzera, Baviera, regioni austriache e Slovenia”…e il Veneto? Possibile che ci fosse Formigoni (mi sembrerebbe comunque strano), ma non ci fosse Zaia? Non è che Bossi si è sbagliato e ha indicato la Lombardia al posto del Veneto?
    Altra curiosità: in questa “euroregione padana-alpina” (un misto tra Italia, Germania, Svizzera, Austria e Slovenia) quale lingua si parlerebbe? Bossi crede di cavarsela con il dialetto piemontese, veneto, cremonese, bresciano, milanese, ecc.?
    Voglio precisare che non ho nulla contro i dialetti locali, la mia intenzione è solo fare ironia su Bossi che parla di “dialetti locali” e poi fa stampare sulle magliette “Padania in not Italy” (traduzione: “La Padania non è Italia”)…almeno l’avesse fatta stampare nei varie dialetti! Del tipo in dialetto cremonese sulle maglie dei militanti cremonesi, in dialetto bergamasco sulle maglie dei militanti bergamaschi, in dialetto veneto sulle maglie dei militanti veneti, ecc.
    Parla di “dialetti locali” e non si rende conto che va bene cercare di salvare i vari dialetti (in tutta Italia, non solo al Nord) ma, con la globalizzazione che c’è, anche la lingua italiana rischia di scomparire: non accadrà, suppongo, da un anno con l’altro, avverrà lentamente ma temo avverrà…quando saranno diventati adulti quei giovani che adesso conoscono più l’inglese della grammatica italiana, quando quei bambini che ora già dalle elementari (spero non dall’asilo) fanno inglese in classe saranno diventati adolescenti, ecc.
    Ma la Slovenia non fa parte della ex Jugoslavia? Bossi farebbe accordi con dei cittadini slavi?
    “La dichiarazione di indipendenza della Padania a Venezia”…ma se la Padania, sulla carta, non esiste, che dichiarazione c’è stata? Che accordo sarebbe nato a suo tempo?
    “L’accordo tra i popoli europei ci dà la forza per battere Roma”…e quando arrivano in Italia gli immigrati? Gli altri europei di questa eventuale euroregione padana-alpina ci aiuterebbero in modo concreto prendendosene un po’ o ce li lascerebbero tutti a noi come sta facendo l’unione europea?

  2. danielaon 19 Lug 2012 at 11:26 pm

    Errata corrige: vari dialetti, non varie dialetti.

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.