Lug 07 2012

precisare 07 07 2012

Published by at 7:27 am under cronaca nazionale

PRECISARE

Senz’altro ci sono lavori più difficili, ma la scrittura ha una caratteristica particolare: l’errore è sempre in agguato, anche per il più bravo di noi….
Titolo del Corriere on line: “Province, 61 a rischio chiusura”
I criteri: popolazione sotto i 350mila abitanti ed estensione inferiore ai 3mila km quadrati. Dov’è il rischio? Basta misurare.

Cremona 07 07 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “precisare 07 07 2012”

  1. danielaon 07 Lug 2012 at 2:03 pm

    Leggo da Cremonaoggi che tra i tagli ci potrebbe essere anche quello della linea Cremona-Brescia (uno dei pochi treni diretti, cioè senza dover prendere coincidenze); l’aumento del biglietto (per me) ci può stare, ridurre alcune corse nelle fasce non protette (per me) ci può stare, il taglio totale di una linea (per me) no.
    Cremona così verrà tagliata fuori quasi totalmente dal punto di vista ferroviario; che strano, però: i soldi per ampliare la Paullese sono saltati fuori…
    Tagli nella sanità: ho già scritto che qui non ce ne dovrebbero essere o almeno, non dovrebbero tagliare posti letto, farmaci, macchinari o cose simili; tra l’altro il 60% dei tagli riguarderà le cliniche private…in Lombardia ce ne sono di eccellenti…si rendono conto di quello che vogliono fare? Per forza poi quando sento parlare di un taglio minimo dei parlamentari mi incavolo di brutto!
    Tanto, quanti parlamentari occorrono per approvare o meno qualcosa per alzata di mano? Per me decisamente meno di 200!
    Taglio delle Province: perché fare le cose a metà? Le taglino tutte! Anche Brescia e Milano! (Cremonaoggi scrive “salvata con un decreto ad hoc”: ma guarda…)
    Tribunale: quello di Crema dovrebbe essere accorpato a Cremona, il Presidente del Tribunale fa sapere che nel nostro non ci sono spazi sufficienti…a chi tocca la rogna di dover trovare loro un posto? Al Comune di Cremona.
    Se ci sono degli uffici finanziari di proprietà dell’amministrazione provinciale che questa intende vendere, perché non le vende ai magistrati e personale civile che vengono da Crema? Sempre se questo è fattibile.
    Altra idea per me molto più fattibile: si sfrattano gli autonomi da entrambi i centri sociali (Dordoni e Kavarna) e si sistemano i 50 cremaschi in quelle sedi: è vero che non sono proprio in zona Tribunale, ma i cremaschi vedano di accontentarsi.
    Altra ipotesi per me ugualmente fattibile a quella appena esposta: se i 50 cremaschi riuscissero a stare tutti in un’unica sede si possono magari mandare in quella di via Mantova (il Dordoni) che tra l’altro è più “vicino” al Tribunale e quella in via Cascinetto (il Kavarna) darla a qualche associazione in cerca di una sede…tempo fa non c’era l’Associazione Marinai che ne cercava una? Se non l’ha ancora trovata non sarà il caso di aiutare di più loro piuttosto che lasciare le sedi (tra l’altro a basso prezzo) a degli individui, vedi gli autonomi dei centri sociali, che non meritano nulla, sempre pronti a fare danni e ad aggredire alcune “categorie” di persone tipo Forze Armate e Forze dell’Ordine?

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.