Giu 25 2012

garantisce zanolli 25 06 2012

Published by at 8:32 am under cronaca cremonese,Striscia La Provincia

GARANTISCE ZANOLLI

“E non si può dubitare dell’onestà di soggetti come l’Arpa o l’Azienda sanitaria locale. Tocca alla magistratura intervenire per tacitare voci e dissipare sospetti che incrinano il rapporto tra l’azienda e i cittadini e creano malessere nei lavoratori.”
Non è l’ultimo Breznev, che non spediva direttamente in Siberia i dissidenti a lingua lunga, prima li faceva processare, e solo dopo la sentenza li accomodava, è Zanolli Vittoriano, direttore della Provincia, quotidiano unico di Cremona per adesso, nel Punto di ieri:
“L’Arpa, agenzia regionale per l’ambiente, ha ufficialmente smentito la presenza della diossina nei fumi dell’Acciaieria Arvedi oltre i limiti di legge e per bocca del suo responsabile provinciale ha definito un atto criminale la diffusione di simili falsità.”
Esclusi gli abitanti della Cava e di Spinadesco, immagino le migliaia di cremonesi a spanciarsi dalle risa.
Ouverture: sono le voci e i sospetti che incrinano i rapporti tra l’azienda e i cittadini!
Centro: su invito dei poteri espliciti e sgangherati, la Procura compia il suo dovere!
Gran finale: prove? ma non basta la storia recente dei garanti, Asl e Arpa?
Lo Zanolli è penna delicata: accenna ma non affonda la garanzia Asl e Arpa e mill’altri poteri nel pasticcio Tamoil, ancora da provare. Meglio ripetere. Tamoil si rende conto di non poter continuare a far finta di nulla, e nel 2001 confessa al Comune la propria incapacità a riportare l’inquinamento nei limiti consentiti dalla legge; i poteri espliciti e sgangherati sorridono alla battuta e secretano la confessione fino al 2007, quando i giornali cominciano a scriverne.
Bene, che cazzo di controlli facevano Asl e Arpa dal 2001 al 2007?
La Procura di Cremona, impegnata a tutto campo tra il rutilante calcio scommesse e il piccione ucciso dal ragazzino, ha controllato i controlli di Asl e Arpa dal 2001 al 2007? per rimediare, mica imbavaglierà i dissidenti, come suggerisce Zanolli?
Cari lettori, per oggi chiudo così:
cittadini della Cava e Spinadesco, più colpiti di noi dalla crisi, oggi la vostra casa non ha valore commerciale, non esiste, potrei scrivere se scrivessi alla Zanolli, perché nessuna persona informata ve la compra, non perdetevi in diossina et similia, la misurano solo loro e, non bastasse, provvederebbe una legge tempestiva;
combattete sul certo, che nessun misuratore ufficiale potrà mai contraddire, rumori, odori, immissione di vapori, questi ultimi in nessuna percentuale ammessi dalla legge;
dal semplice. Non tutte, sette otto notti al mese muri e vetri delle vostre case tremano? sia chiaro, non per cattiveria o indifferenza, per non farvi sentire soli, ma non prendetevela, non cercate un sonno che non arriva. Persa la notte, cercate di rallegrarla in compagnia, piombate in centro, non nei soliti luoghi della movida, troppo confusi, via Mercatello potrebbe andar bene: e lì finitela, tra suoni e canti, che potrebbero dar fastidio a chi vuol dormire, ma sempre meno che alla Cava e uniti…..

Cremona 25 06 2012 www.flaminiocozzaglio.info

No responses yet

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.