Giu 21 2012

la gogna 21 06 2012

Published by at 6:29 am under costume,cronaca nazionale

LA GOGNA

Se Piazzale Loreto poteva avere un significato, da selvaggi, l’arresto di Luigi Lusi, tesoriere manolesta della Margherita, è il simbolo di tutto ciò che non deve essere.
Non fugge, gli è impossibile ripetere il reato che inquinare le prove, per legge non deve essere incarcerato, eppure è a Rebibbia un’ora dopo il voto dei colleghi.
Dagli amici mi guardi Iddio…..
E il coro finge di non vedere che Lusi non poteva da solo rubare 50 milioni, non interessa, i Procuratori si sentono importanti, il Senato mostra al popolo di detestare i ladri, il popolo con qualcuno deve prendersela…..

Cremona 21 06 2012 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “la gogna 21 06 2012”

  1. danielaon 21 Giu 2012 at 2:29 pm

    Se Lusi non ha rubato da solo i 50 milioni, mi aspetto che faccia nomi e cognomi degli altri, fregandosene delle eventuali minacce di querele da parte dei “suoi”, così anche altri del suo partito finiranno a Rebibbia a fargli compagnia, dopo che i parlamentari avranno magari votato sì all’arresto.
    A proposito di “ladri”: Monti, durante la cerimonia per l’anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, avrebbe detto ai Finanzieri “siate intransigenti con i forti e comprensivi con i deboli”…alcune considerazioni mie:
    1) non ha specificato chi siano i forti e chi i deboli;
    2) dato che siamo in Italia…a forza di essere comprensivi con i deboli, non c’è il rischio che questi cosiddetti “deboli” poi diventino “forti” (dato che potrebbero approfittarne)?
    3) va benissimo essere intransigenti verso quei furbastri degli evasori fiscali se questi sono in malafede, ma perché solo verso di loro? Perché quelli che governano hanno accettato il decreto svuotacarceri della Severino che si dimostra tenero verso chi fa di peggio che non pagare le tasse?
    Un ministro del governo, Riccardi (o forse Terzi) ha detto “non faremo respingimenti di immigrati”…e quelli che arrivano dove pensa di metterli? Li porta a casa sua?
    Magari era una frase di circostanza visto che oggi pare sia la giornata del rifugiato, ma non è detto: non era Riccardi che tempo fa aveva detto, dopo un fatto di cronaca nera in cui a rimetterci erano stati degli immigrati, “bisogna dare sicurezza agli immigrati”?
    Va bé che è ministro dell’integrazione, ma com’è che quando è un italiano ad avere la peggio non dice “bisogna dare sicurezza agli italiani”?
    Ancora Riccardi: “anche una sola vita persa in mare, o nel deserto, è una sconfitta per tutti, che non può e non deve lasciare indifferenti”…a parte che “la vita persa in mare” potrebbe essere a causa degli scafisti che gettano in mare gli immigrati, a Riccardi non viene in mente che accogliere in modo indiscriminato gente che poi dimostra di non voler rispettare le regole e di comportarsi come cavolo vogliono non porta a nulla se non a una maggiore esasperazione da parte dei cittadini italiani? Sapere che l’Italia ha accolto in modo indiscriminato degli immigrati che poi si sono rivelati pericolosi dato che volevano (e vogliono, ndr) colpire con attentati il Paese che li ha ospitati non è una “sconfitta”?
    Mi è piaciuta molto la risposta di Gasparri: “Il ministro Riccardi farebbe bene ad evitare dichiarazioni inopportune. Un Paese ha pieno diritto a bloccare e scoraggiare il fenomeno degli sbarchi clandestini, che specie nel periodo estivo subiscono un deciso aumento. Tra gli obblighi del governo c’è proprio quello di garantire la difesa delle proprie coste. Perciò non si vede il motivo di mettere da parte lo strumento dei respingimenti, quando serve a colpire quegli stranieri che illegalmente tentano di introdursi nel nostro Paese. Su questo punto il governo non abbia alcun dilemma”…bravo Gasparri! Qui vedo l’ex AN che forse è ancora in lui!
    A proposito di Guardia di Finanza, leggo da Cremonaoggi che per l’anniversario della fondazione del loro Corpo i Finanzieri organizzano una cerimonia con la deposizione di una corona di fiori al cimitero: “In considerazione dell’attuale congiuntura e dei recenti eventi che hanno colpito la popolazione emiliana quest’anno le celebrazioni non avranno luogo nella pubblica piazza come consuetudine, ma si limiteranno a una cerimonia commemorativa in onore ai Caduti delle Fiamme Gialle, che si terrà sabato 23 giugno 2012, con inizio alle ore 10.30, presso il Cimitero Monumentale di Cremona e alla quale sono state invitate solo le Autorità provinciali”…letta così io temo di non aver capito bene: come sarebbe “invitate solo le Autorità provinciali”?
    Vuol dire che ci saranno meno Autorità a premiare i Finanzieri o vuol dire che la cittadinanza stavolta non può seguire la cerimonia?

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.