Nov 08 2011

l’importanza di chiamarsi silvio 08 11 2011

Published by at 7:14 am under barzellette,Berlusconi

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI SILVIO

Tutto il mondo, spiega Repubblica ai suoi fedeli credenti, chiede a Berlusconi di dimettersi. Di Prodi o D’Alema se n’è sempre sbattuto le palle, il mondo….

Cremona 08 11 2011 www.flaminiocozzaglio.info

One response so far

One Response to “l’importanza di chiamarsi silvio 08 11 2011”

  1. danielaon 08 Nov 2011 at 2:51 pm

    Persino il capo di governo greco, Papandreou, si è dimesso nonostante fino a non molto tempo fa non sembrava intenzionato a farlo.
    Non so se si può andare avanti così, a fare la conta in parlamento una volta al mese però, se cadesse il Governo, un po’ mi dispiacerebbe perché secondo me ci sono dei Ministri parecchio validi e che hanno lavorato bene e perché, in caso di elezioni, non voglio tornare sotto la sinistra (temo, infatti, che vincerebbero i sinistri, chiunque propongano come capo di governo).
    Per il tipo che è Berlusconi, per me non si dimetterà mai perché lo chiedono gli altri, che siano parlamentari della maggioranza o dell’opposizione, ma lo farà solo quando lo vorrà lui.
    Se cade il Governo e decidono di fare un governo tecnico che duri il tempo necessario per farci uscire dalla crisi va bé, ma chi è che decide chi sarà il capo?
    Il capo per me dovrebbe essere un esperto del settore e, possibilmente, superpartes: hanno fatto anche il nome di Giuliano Amato…ma Amato non era il ministro dell’interno sotto l’ultimo governo Prodi-comunisti? Non è proprio super-partes!
    Anche la Germania ha subìto la crisi, ma ne è già uscita…e chiedere alla Merkel come ha fatto…no? Magari se si seguono i consigli dei tedeschi, ce la facciamo anche noi.
    Anche in Germania c’è stata una forte crisi, eppure non mi risulta ci siano state manifestazioni di protesta in strada…
    Financial times ha chiesto a B di andarsene…ma il financial times non è “tutto il mondo”!
    Molto probabilmente israeliani e palestinesi hanno altro a cui pensare, idem i giapponesi, idem chiunque viva ancora sotto una dittatura (vera, ndr); penso proprio che anche gli Italiani delle 5 terre, dell’Isola d’Elba, di Genova, di Massa, ecc. abbiano altro a cui pensare…

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.