Set 17 2019

trip trip 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

TRIP TRIP

TripAdvisor ha bloccato più di 1 milione di recensioni false che non hanno quindi mai raggiunto la piattaforma, scrive la Stampa, e adesso vediamo quanti milioni di censori incompetenti, spero io….

Cremona 17 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 17 2019

vittime e provocatori 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

VITTIME E PROVOCATORI Abituati a far le vittime, a Repubblica, in nome del vero giornalismo, ma, evidentemente, non sono l’unico a sospettare il travestimento; l’Opinione delle Libertà. —Una provocazione perfetta, studiata a tavolino, quella organizzata da Repubblica in occasione del raduno leghista di Pontida. Come far emergere il carattere razzista e fascista della Lega di Matteo Salvini? Semplice: mandando a passeggiare tra i militanti il prode Gad Lerner, ebreo sempre critico con Israele ma sempre pronto ad usare la sua ebraicità a proprio beneficio, e militante da sempre di un giornalismo dell’ultrasinistra che ha fatto dell’odio antileghista ed anti-salvinianio la propria ultima e più marcata caratteristica. La provocazione avrebbe avuto un esito perfetto se qualcuno avesse preso a sganassoni il provocatore. Ma c’è stato solo qualche insulto. L’epiteto di “ebreo”, che ha comunque permesso di denunciare la natura razzista dei leghisti di Salvini. E quello di “pezzo di merda”, che ha consentito a Dario Franceschini ed a tutti i sepolcri imbiancati della sinistra di stracciarsi le vesti per la vile aggressione fascista. La sberla, però, non è partita. Così lo sdegno, la condanna e l’esecrazione sono state meno eclatanti e rumorose del previsto. La lezione della vicenda ad uso dei leghisti è, dunque, semplice. Niente sberle e neppure insulti ai provocatori. Ma neppure indifferenza, bensì cori ripetuti di pernacchie. Che, come insegnano i napoletani, non falliscono mai con i palloni gonfiati.

Cremona 17 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 17 2019

al filo! al filo! 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

AL FILO! AL FILO!

MER 18 SETTEMBRE – ORE 21.00
BIGLIETTO UNICO 6 EURO
SCOPRI IL FILM

LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO
Regia di Karim Aïnouz.Un film con Carol Duarte, Júlia Stockler, Gregório Duvivier, Barbara Santos, Flávia Gusmão.Drammatico – Brasile, 2019, durata 139 minuti.? WINNER UN CERTAIN REGARD – MIGLIOR FILMFESTIVAL DI CANNES 2019? FILM DELLA CRITICA – Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici Italiani?????“Un sogno ad occhi aperti, ricco di suoni, musica e colori“ – VARIETY?????“Un film poderoso, raffinato e ammaliante“ – MYMOVIES.IT?????“Magnifico” – THE HOLLYWOOD REPORTER?????“Una perla cinematografica” – MOVIEPLAYER.IT

“Uno dei film più belli e intensi del Festival di Cannes” – LA REPUBBLICA XL?????“Magistrale. Toglie il fiato” – MARIE CLAIRE

Rio de Janeiro, 1950. Eurídice e Guida sono due sorelle inseparabili che vivono con i loro genitori dagli ideali conservatori. Immerse in una vita tradizionale, nutrono entrambe dei sogni: Eurídice vuole diventare una rinomata pianista, mentre Guida è in cerca del vero amore. Le loro scelte porteranno alla drastica decisione del padre di separarle. Le due sorelle prenderanno due strade diverse senza mai perdere la speranza di potersi ritrovare…

SPETTACOLI

GIO 19 SET – ORE 21.00VEN 20 SET – ORE 21.00SAB 21 SET – ORE 18.30 / 21.00DOM 22 SET – ORE 18.30 / 21.00

No responses yet

Set 17 2019

chi tocca i fili 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

CHI TOCCA I FILI della verità muore, anche sul Dubbio; Di Matteo, invadente che sia, mai ha detto che le correnti siano mafia, ma che si ispirano a concetti mafiosi: o sei con noi o la carriera la sogni; “affermazioni che colpiscono l’immagine di tutta la magistratura”, sentenzia la Guglielmi: nessuno tra i giudici sapeva come venissero assegnate le cariche direttive? Azione disciplinare per aver ripetuto la verità nota…… —Ora, il fatto un po’ spiazzante è che l’assoluta contrarietà al sorteggio è il solo punto di convergenza fra i gruppi associativi tradizionali e il protagonista indiscusso del fine settimana, Nino Di Matteo. Il quale l’ha toccata piano, come si dice in gergo tecnico: «L’appartenenza a correnti o a cordate è diventata l’unica possibilità di sviluppo di carriera, e questo è un criterio molto vicino alla mentalità e al metodo mafiosi». La segretaria di Md, Mariarosaria Guglielmi, tra le figure più apprezzate dell’associazionismo giudiziario, ha rispedito la bordata al mittente: si tratta di «affermazioni», ha detto ieri, «che colpiscono l’immagine di tutta la magistratura». Secondo la leader del gruppo più spiccatamente progressista, Di Matteo rischia di «proporre all’opinione pubblica una inaccettabile equiparazione fra la scelta di appartenenza dei singoli magistrati ai gruppi associativi dell’Anm e l’affiliazione a organizzazioni criminali mafiose». Difficile darle torto. Così come non sorprende che proprio da un ex componente laico del Csm, Pierantonio Zanettin, ora deputato di FI, sia arrivata subito un’interrogazione a Bonafede affinché verifichi «la sussistenza dei presupposti per l’azione disciplinare nei confronti di Di Matteo». Il pm antimafia ha parlato col fervore e lo sconcerto di chi, al di là di tutto, ha a cuore le sorti della toga che indossa. Ma ha chiaramente esagerato. E soprattutto: come può mai uscire rafforzata una magistratura che ondeggia fra i tentativi di mediazione proposti dall’Anm e le invettive a uso interno lanciate dal sostituto della Dna?

Cremona 17 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 17 2019

un nuovo partito 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

UN NUOVO PARTITO

Anche Renzi se ne va; dall’ultimo capitolo dei Ricordi di egotismo, scritto 200 anni or sono da uno che ci amava e conosceva bene:

—Fui colpito dal loro buon senso, dalla loro intelligenza e soprattutto dal fine tatto del padrone di casa che, senza parere, dirigeva la discussione in modo che non parlassero mai tre o quattro alla volta né mai si piombasse in penosi momenti di silenzio……. Gli italiani avrebbero dissertato, ognuno avrebbe continuato a parlare per venti minuti e sarebbe poi rimasto acerrimo nemico del suo antagonista nella discussione. Alla terza seduta avrebbero fatto dei sonetti satirici, uno contro l’altro.

Cremona 17 09 2019 www.flaminicozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 17 2019

e allora? 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

E ALLORA?

Titolo di Repubblica:

-La bambina portata sul palco di Pontida da Salvini non è di Bibbiano-

E allora, ripeto? Tutto va bene per seminare odio contro Salvini, come racconta il titolo appena sotto:

-In effetti il leader della Lega aveva solo parlato di una bambina “strappata alla famiglia”. In mezzo a un comizio dove non si faceva altro che parlare di Bibbiano-

Solo di Bibbiano…….

Cremona 17 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 17 2019

volontari mura 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

Mentre si sta lavorando per l’organizzazione della nuova edizione della maratona gastronomica ‘Fasulin de l’òc cun le cudeghe’ (ultimo fine settimana di Ottobre e primo di Novembre), è quasi ultimato l’intervento di restauro conservativo e di messa in sicurezza del muro di controscarpa del Rivellino, un cantiere che si estende lungo 50 metri per una superficie complessiva di 200 metri quadrati.
L’opera, del costo di circa 30mila euro, è finanziata dal Gruppo Volontari Mura con i proventi dei ‘Fasulin 2018’.

Ringraziando per l’attenzione,
Ufficio stampa, Cristina Viciguerra

INTERVENTO URGENTE DI CONSOLIDAMENTO DELLA
CONTROSCARPA DEL FOSSATO FORTILIZIO DELLE MURA
Comunicato Stampa, 17 Settembre 2019
Sta arrivando alle battute conclusive l’intervento di somma urgenza per il
consolidamento e il restauro conservativo del muro della controscarpa esterna del
fossato fortilizio, in corrispondenza del Rivellino e delle Casematte delle Mura di via
Boneschi, il cui progetto, autorizzato dalla Soprintendenza, è stato realizzato dallo
studio ArcheoEd di Padova dell’architetto Massimiliano D’Ambra ed appaltato alla
ditta specializzata Edilpronto di Guardamiglio (Lo) con direttore dei lavori lo studio
architetto Frigoli di Maleo (Lo).
L’opera ha un valore di 32 mila euro ed è interamente finanziata dal Gruppo Volontari
Mura con i proventi dell’edizione 2018 della maratona gastronomica ‘Fasulin de l’òc cun le cudeghe’.
Il cantiere si era aperto in Luglio e riguarda il muro di controscarpa per una
lunghezza di cinquanta metri lineari e un totale di 200 metri quadrati.
Tra le cause del degrado, che hanno in parte provocato il crollo di alcune porzioni di
muratura e di parti sommitali, le pessime condizioni di conservazione sia della
muratura che del paramento, derivanti da infiltrazioni d’acqua piovana sulla sommità
dello spalto ma anche gli apparati radicali di alcune essenze arboree, penetrati nella
mura disgregando il manufatto.
Dopo la sistemazione della Torre del Rivellino (sempre nel fossato fortilizio in
corrispondenza della difesa esterna del Rivellino), il Gruppo Volontari Mura ha
finanziato una nuova opera che permetterà di riportare in sicurezza la porzione
muraria interessata, evitando di comprometterla ulteriormente. I lavori di restauro
conservativo prevedono infatti pulizia, consolidamento e messa in sicurezza della
muratura, originariamente realizzata nel XVI secolo
Allegato: Foto cantiere
Info: Gruppo Volontari Mura Pizzighettone onlus, www.gvmpizzighettone.it
Ufficio stampa, Cristina Viciguerra
Piazza d’Armi – 26026 PIZZIGHETTONE (CR)
Tel . 0372 730333 Cell. 339 5278336 Fax 0372 731658 C.F: 93024640190
Mail: info@gvmpizzighettone.it – Sito web – www.gvmpizzighettone.it
info@fasulin.com www.fasulin.com

No responses yet

Set 17 2019

oggi a iori, domani a te 17 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

OGGI A IORI, DOMANI A TE
In Italia i carcerati sono 60mila, uno ogni mille abitanti: è per questo che gli altri 999 non ci badano, convinti che a loro non toccherà mai. Ho concluso il libretto sul caso Iori, all’ergastolo definitivo con dimostrazioni alla sfera di cristallo et similia, per un omicidio impossibile da commettere a chiunque, con le cause di morte accertate; per un fine: raccontare come sia facile a qualsiasi dei 999 diventare l’uno.
Border Nights-You Tube, una piccola emittente toscana, facilmente rintracciabile su internet, riporta la mia intervista del 21 ottobre 2016 sul caso Iori; qualche difetto, all’inizio manca l’audio (!), a volte le voci non sono perfette, ma credo d’esser riuscito a condensare bene ciò che scrivo da anni.

No responses yet

Set 16 2019

la legge del più forte-milletrecentosessantasei 16 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – MILLETRECENTOSESSANTASEI Dal Dubbio, tratto da un articolo di Valter Vecellio: —“Cinico mercante di morte”, definisce Enzo Tortora il Pubblico Ministero Diego Marmo; e aggiunge: “Più cercavamo le prove della sua innocenza, più emergevano elementi di colpevolezza”. Le “prove” erano la parola di Giovanni Pandico, un camorrista schizofrenico, sedicente braccio destro di Cutolo: lo ascoltano diciotto volte, solo al quinto interrogatorio si ricorda che Tortora è un camorrista. Pasquale Barra detto “o nimale”: in carcere uccide il gangster Francis Turatello e ne mangia l’intestino… Con le loro dichiarazioni, Pandico e Barra danno il via a una valanga di altre accuse da parte di altri quindici sedicenti “pentiti”: curiosamente, si ricordano di Tortora solo dopo che la notizia del suo arresto è diffusa da televisioni e giornali— Le prove dei processi Iori; non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, quindi non appare nella motivazione di primo grado, le due successive han toccato nulla, l’affermazione del perito della Difesa che il Dna resta nel 10% dei casi, che i colleghi di Accusa e Parte civile si son ben guardati dal contestare; passi ancora Iori potrebbe esser sospettato d’aver fatto davvero pulizia, ma su nove oggetti dimentica un tappo (!) e strofina, per toglier le sue tracce, lo sportello in plastica, come se non frequentasse la casa da due anni: a questa stregua, per cancellare ogni traccia della sua presenza in quella casa, avrebbe dovuto fermarsi non le tre ore che gli addebitano, ma un mese! Pagine 57 e 58: —Premesso quanto sopra come chiave di lettura, vanno ora apprezzati i “concreti” dati negativi degli accertamenti scientifici soprariportati. Poichè sono stati tolti tutti i quattro tappi dalle quattro bombole dovrebbero esserci, ma non ci sono, tracce biologiche di Claudia ( o di Iori) anche sui tre tappi per i quali le analisi hanno avuto esito negativo. Sulle quattro bombolette di gas, aventi involucri in metallo liscio e verniciato, e quindi substrato ideale al deposito d’impronte e di materiale biologico non ci sono, ma dovrebbero esserci, tracce delle impronte o tracce biologiche di Claudia Ornesi e dello stesso Iori, tenendo presente che le bombolette venivano vendute, come accertato, prive di alcun tipo di confezione. Lo sportello in plastica posto a copertura del quadro elettrico dell’appartamento, sito nel ripostiglio, è stata parimenti sottoposto ad analisi per la ricerca di DNA e impronte con esito negativo. Va precisato, per capire il perchè della ricerca, che detto sportello venne rinvenuto (cfr.foto 103) sul piano del fasciatoio, che stava anch’esso nello sgabuzzino, e che qualcuno lo spostò forse con troppa forza per poter poi premere l’interruttore, con la conseguenza dell’uscita dal suo alloggiamento .Quel “qualcuno” o era Claudia o l’imputato : invero nessuna delle persone intervenute in loco, a partire da Ornesi Gianstefano, ha riferito di aver tolto la luce premendo l’apposito interruttore e tutti hanno dichiarato di aver constatato che al loro arrivo la luce già non era in funzione. Il c.t. dr.Giuffrida ha sottolineato in udienza che la superficie dello sportello è particolarmente “idonea per la ricerca delle impronte latenti” ma ciò nonostante non sono state trovate nè impronte né altra traccia riferibile alla Ornesi o ad altra persona che ha spostato lo sportello per togliere la luce.

Cremona 16 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Set 16 2019

qui cremona-quattrocentosette 16 09 2019

Published by under Pubblica Amm.ne

QUI CREMONA – quattrocentosette

Finalmente, dopo aver tentato lo sbarco in diversi porti, e sempre respinti, han trovato la quiete i migranti di Forza Italia, già padroni fino all’arrivo del commissario Salini; “Lampedusa” è la nuova formazione politica di Giovanni Toti, ci informa www.cremonaoggi.it:

—Anche a Cremona sta crescendo l’interesse per il progetto politico del governatore della Liguria Giovanni Toti, per un centrodestra che vada oltre l’era berlusconiana per legarsi strettamente a Lega Nord e Fratelli d’Italia. Principale referente locale di Toti è Mino Jotta, che al presidente della regione Liguria è legato da amicizia di lunga data—

In attesa degli sviluppi e delle possibilità concrete gli altri, tra cui Fabio Bertusi.

Anche Welfare Cremona scrive dei martedì di Campagna Amica sotto i portici del Consorzio Agrario:

—#facciamocosebuone. E’ uno slogan ed è un impegno che le aziende agricole della Coldiretti prendono con i cittadini cremonesi, nel dare avvio ai “martedì al Mercato di Campagna Amica”, tutte le settimane presso il portico del Consorzio Agrario in via Monteverdi—

Adesso manca solo la Provincia fin che c’è, diretta da Benivenga fin che appare; oggi preferisce occuparsi del disinfettante negli occhi di due cagnolini, vicino di casa a processo……

Cremona 16 09 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »