Mar 23 2019

la legge del più forte-millecentottantanove 23 03 2019

Published by under costume,cronaca nazionale,Giudici

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – MILLECENTOTTANTANOVE Dal Dubbio; io son del parere che i test psicologici vadano fatti, e con molta cura, solo dopo certe sentenze, perché i test picologici invadono l’intimo; ma piuttosto del niente, m’accontento del piuttosto! —Un test psicologico per chi abbia intenzione di diventare magistrato. L’argomento non è certamente nuovo. A riproporlo nelle ultime settimane è stato il ministro della Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno. In precedenza si era cimentato sul tema Roberto Castelli, un altro leghista, ministro della Giustizia durante il governo Berlusconi II. “Urge riformare il tradizionale metodo di selezione”, ha dichiarato Bongiorno intervenendo alla Scuola di formazione politica della Lega. “I magistrati – ha aggiunto – sono troppo legati ad un sapere nozionistico, spesso lontano dalle concrete complessità della carriera in magistratura”. In tale ottica, “i test psicologici dovrebbero essere funzionali a verificare la stabilità emotiva, l’empatia ed il senso di responsabilità, caratteristiche imprescindibili della professione”, ha precisato. La proposta però, come era accaduto in precedenza per il collega Castelli, non ha raccolto molti consensi da parte dei diretti interessati. L’Associazione nazionale dei magistrati, infatti, è da sempre critica ad ogni valutazione di questo genere. Solo i vertici del gruppo moderato di Magistratura indipendente, il segretario Antonello Rancanelli ed il presidente Giovanna Napoletano, hanno dichiarato di essere d’accordo con la necessità di riformare le modalità di accesso alla magistratura. I test psicoattitudinali vengono da sempre considerati un tabù per le toghe. Forse perché fra i più convinti sostenitori del loro impiego vi era Silvio Berlusconi. Ed è noto che fra il Cav e le toghe non sia mai corso buon sangue. Previsti per moltissime categorie lavorative, dalle Forze di polizia ai piloti d’aereo, sono visti dai magistrati come “un’offesa” e non come il riconoscimento della delicatezza del ruolo svolto, per il quale empatia e stabilità mentale sono fondamentali. In Europa, invece, l’attenzione all’equilibrio psicologico di chi amministra la giustizia è molto forte. In Francia, ad esempio, sono andati oltre la semplice somministrazioni di test psicoattitudinali e di colloqui con lo psicologo. Le prove d’esame per l’aspirante magistrato, che in Italia si limitano a delle verifiche scritte ed orali, prevedono lo svolgimento di un caso pratico in cui è prevista la partecipazione dello psicologo. Quest’ultimo analizza le reazioni da parte del candidato, valutando in particolar modo come reagisce alle situazioni di stress a cui viene sottoposto dagli esaminatori. Altre simulazioni vengono poi organizzate dalla Scuola superiore della magistratura. Non solo la Francia ma anche i Paesi bassi hanno sistemi di selezioni analoghi. In Germania, addirittura, le valutazioni psicologiche sono periodiche ed entrano nella progressione di carriera degli operatori del comparto giustizia. In conclusione, dovrebbe essere evidente anche ai detrattori dei test psicoattitudinali che non basta un ottimo scritto ed un ottimo orale per essere un buon magistrato.

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

qui cremona-duecentotrenta 23 03 2019

QUI CREMONA – duecentotrenta

Il Filodrammatici del presidente Giorgio Mantovani in moto perpetuo: lunedì 25 marzo alle 21 il Gruppo teatrale Primadonne presenta un testo di Dacia Maraini, “Due donne di provincia”; continua la recita della Commedia di Alberto Baldrighi, martedì 26 marzo alle 21 il XXIV dell’Inferno.

Altre recite in Libera, che si concluderanno col voto dell’11 aprile, a schieramenti decisi: il partito dei tre commissari Crotti Biloni Filippini forte del successo dei suoi big che, tutti e tre! han portato al commissariamento le rispettive associazioni, cui si è unito Bettoni e la coppia Wanda Nara&Icardi; il partito degli agricoltori veri condotto da Cesare Baldrighi che, avendo l’azienda sul cremasco, scompagina i fedeli dell’orto di Crotti; chiunque vinca, ma i tre commissari non riescono a nascondere la preoccupazione di perdere, risolva in fretta la grana del giornale!

Che continua a cavalcare alla Bencivenga, esecutore il Cabrini, il toto sindaco del centrodestra: e quando Lega e Forza Italia finiscono di dare spettacolo? Prima del 26 aprile un candidato dovranno pur sceglierlo……

Il Piccolo e www.cremonaoggi.it si limitano a dar notizie che somiglino alle notizie, non è un impegno tanto arduo!

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

repubblica ben oltre il grottesco 23 03 2019

Published by under Striscia Repubblica

REPUBBLICA BEN OLTRE IL GROTTESCO

Tutti gli italiani soggetti ai giudici con una sola eccezione: Saviano Roberto!

—Libertà d’artista #iostoconsaviano: “la sua lotta è la stessa di tutti gli scrittori”

Da tutto il mondo solidarietà allo scrittore già minacciato dalla camorra e ora querelato da Matteo Salvini—

Non cambierebbe molto il senso che vuol dare Repubblica: “già querelato dalla camorra e ora minacciato da Matteo Salvini”; per avergli dato del ministro della Mala Vita, buffone e bugiardo; provasse Salvini a dare a Scalfari Eugenio Magno del giornalista della Mala Vita, buffone e bugiardo……..

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

appuntamento con la bontà 23 03 2019

Published by under cronaca cremonese,golosità

Domani dalle 8 alle 12,30 in largo Ragazzi del ’99 a Cremona

Appuntamento con la bontà al Quartiere 1

Con Campagna Amica, ThisAbility, i Bersaglieri e i videomaker

Omaggio alla primavera e agli alberi: colazione e mele in dono per gli anziani del Quartiere

L’appuntamento con la bontà scatta domani, domenica 24 marzo, alle ore 8 in Largo Ragazzi del ’99 a Cremona. Con il consueto ‘carico’ di sapori genuini, di passione per il territorio e di allegria, gli agricoltori di Campagna Amica tornano al Quartiere 1, per una mattinata di festa dedicata alla primavera. Tanti i protagonisti dell’iniziativa. Ci saranno i buongustai, che dalle ore 8 alle 12.30 potranno fare la spesa direttamente dagli agricoltori, nel segno della stagionalità e dell’origine garantita. Ci saranno i bersaglieri, che intorno alle ore 10 regaleranno le note dell’Inno Nazionale, tanto caro agli agricoltori italiani e a tutti i cittadini. Ci saranno i ragazzi di ThisAbility, che nel corso della mattinata, insieme a Donne Impresa Coldiretti, saranno i preziosissimi aiutanti di Campagna Amica: a loro il compito di allestire la ‘colazione made in Italy’ offerta dagli agricoltori, ma anche di gestire l’area-doni (con oltre 500 mele in attesa di essere donate agli anziani del Quartiere, ma anche a tutti gli amici che faranno la spesa). Ci saranno i bambini, chiamati ad essere gli “assistenti della primavera”: coloreranno rondini, api e fiori, da collocare poi tra gli stand degli agricoltori. Ci saranno anche i film-maker, al fianco di ThisAbility, che riprenderanno e racconteranno una domenica mattina tutta nel segno della bontà.

Così si presenterà domani l’iniziativa “Benvenuta Primavera”, che riconduce il mercato di Campagna Amica al Quartiere 1 di Cremona, svelando un poker di domenica di festa, nel segno della stagionalità, da vivere in Largo Ragazzi del ’99 a Cremona. Il 24 marzo si parte con un omaggio alla bella stagione e agli alberi, per proseguire domenica 23 giugno con “W l’estate”, quindi domenica 22 settembre con “L’autunno bussa alla porta”, per coronare il percorso domenica 15 dicembre con “Aspettando l’inverno”.

Per Coldiretti anche questo appuntamento è occasione per rafforzare l’impegno a difesa del vero Made in Italy, con la raccolta firme “Eat Original – StopCiboAnonimo”, l’Iniziativa dei Cittadini Europei che vuole rendere obbligatoria l’indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’Unione Europea. Una battaglia nel segno della trasparenza, della difesa della salute dei cittadini e del loro diritto di conoscere con certezza l’origine del cibo che portano in tavola.

No responses yet

Mar 23 2019

non c’era bisogno della conferma 23 03 2019

Published by under costume,cronaca nazionale,Giudici

NON C’ERA BISOGNO DELLA CONFERMA

dell’artista Maurizio Crozza, il giudice italiano arresta chi gli pare, e senza bacioni; dal Fatto Quotidiano.

—Nel corso della puntata di Fratelli di Crozza – in onda il venerdì in prima serata sul Nove – un nuovo monologo di Maurizio Crozza dedicato all’attualità del nostro paese: “Siamo un paese che trasuda criminalità. Vuoi chiudere i porti? Ma chiudi i pori, non i porti“. L’artista genovese poi aggiunge: “Erroneamente si crede che gli articoli della Costituzione italiana siano 139. Sono 140. Articolo 140, comma 1: Se il ministro Salvini invece che da poliziotto si veste da giudice può arrestare chi gli pare. Comma 2: Bacioni!”

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

mai disturbare l’ospite, 23 03 2019

MAI DISTURBARE L’OSPITE, specie se di peso, quindi i diritti umani in coda, con Xi disposto a trattare con l’Unione Europea, purché li uniformi alla Cina; dall’Agenzia Ansa. —“Cinesi e italiani sono ideali compagni di viaggio. Ci accomuna l’appartenenza a due civiltà laboriose, creative e ingegnose. Due civiltà dotate di immensi patrimoni culturali, attente alla qualità e alla bellezza. Due sistemi economici, produttivi e manifatturieri complementari, chiamati a generare sinergie sempre più stimolanti”. Lo sottolinea il presidente Sergio Mattarella nel brindisi della cena di Stato al Quirinale in onore del presidente Xi Jinping. “Va continuato l’intenso sforzo di questi decenni per un incremento continuo della reciproca comprensione e autentica conoscenza, in modo da evitare involontari travisamenti e sconsigliabili rallentamenti nella crescita della considerazione vicendevole” ha aggiunto il capo dello Stato. “Cina e Italia, con l’Unione Europea, sono anche chiamate a lavorare insieme per rafforzare un modello di sviluppo globale, ordinato e aperto, del commercio internazionale, basato su una sempre maggiore adesione ai valori del multilateralismo e di uno scambio libero, equo e onesto” ha anche detto il presidente della Repubblica. In mattinata, venerdì, c’era stato il colloquio al Quirinale tra Mattarella e Xi Jinping. “La cooperazione tra Italia e Cina sarà rafforzata con intese commerciali”, ha detto Mattarella al Quirinale dopo il colloquio con il leader cinese Xi Jinping. “La firma del Memorandum è cornice ideale per imprese italiane e cinesi” e, ha aggiunto il presidente italiano, la Via della Seta “è una strada a doppio senso”. “Il 2020 sarà l’anno culturale e del turismo tra Italia e Cina”, ha annunciato il capo dello Stato. Mattarella ha ribadito il desiderio italiano di “rimuovere le barriere per i prodotti italiani”. Mattarella ha anche detto di auspicare un dialogo Ue-Cina sui diritti umani. Il presidente cinese ha anche confermato la disponibilità a dialogare con l’Ue sul tema dei diritti umani.

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

gli chef comprano dai contadini 23 03 2019

Published by under costume,golosità

Cucina, gli chef comprano dai contadini Gli agricoltori diventano il primo canale di fornitura dei ristoranti, con il 39% dei locali che si rivolge prevalentemente alle aziende agricole contro un 34% che si rifornisce da grossisti e un 21% che va nei mercati. Extravergine, vino, frutta e verdura i prodotti più richiesti

La domanda di genuinità e trasparenza su quello che si porta in tavola cambia la ristorazione e spinge gli chef ad acquistare direttamente dagli agricoltori che diventano il primo canale di fornitura dei ristoranti, con il 39% dei locali che si rivolge prevalentemente alle aziende agricole contro un 34% che si rifornisce da grossisti e un 21% che va nei mercati. E’ quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Censis presentata alla prima giornata della cucina contadina nell’ambito dell’Assemblea nazionale di Terranostra, l’Associazione Agrituristica di Campagna Amica con iniziative nel primo weekend di primavera in tutta Italia con i menu della tradizione contadina.

I prodotti più acquistati presso gli agricoltori sono l’olio extravergine di oliva, comprato dal 70% dagli chef, seguito dal vino acquistato in cantina dal 68% e la frutta e verdura con il 62% per le maggiori caratteristiche di freschezza e genuinità che garantiscono i prodotti a chilometri zero ma anche per le preoccupazioni sul rischio frodi che il rapporto diretto con i prodotti tende ad azzerare.

Non mancano tuttavia i casi di chi preferisce produrre direttamente gli alimenti da utilizzare in cucina coltivando il proprio orto o addirittura gestendo una vigna o una vera azienda agricola. Una tendenza spinta dalla possibilità di garantirsi la qualità della materia prima utilizzata in cucina che assicura la garanzia di variare i menu secondo la stagione e rassicura i clienti che possono conoscere direttamente la provenienza del cibo a loro offerto. Il fenomeno si è diffuso anche all’estero dove spesso però le condizioni climatiche non offrono la possibilità di disporre durante l’anno di una ampia varietà di frutta e verdura coltivate localmente, come invece avviene in Italia.

Cresce dunque la sensibilità di ristoratori e clienti verso un modello di consumo che, garantendo la freschezza, tagliando le intermediazioni e riducendo le distanze che devono percorrere gli alimenti con mezzi spesso inquinanti prima di giungere a tavola, ha effetti positivi sul piano economico, salutistico e ambientale. Si stima infatti che ogni pasto percorra in media quasi duemila chilometri con aerei, navi o camion che possono essere evitati consumando prodotti locali, di stagione e a chilometri zero.

E il trend verso una maggiore sostenibilità non sembra destinato ad esaurirsi visto che quasi un ristoratore su 2 (43%) ritiene che l’interesse per i prodotti del territorio nel proprio locale sia destinato addirittura ad aumentare nei prossimi anni, mentre un altro 43% pensa che rimarrà comunque costante e appena il 4% crede che andrà a scemare.

Un fenomeno legato al fatto che la qualità riconosciuta delle materie prime e la loro tracciabile provenienza tricolore sono diventati ormai un fattore strategico di successo per il settore. Il requisito più richiesto è infatti l’italianità del prodotto alimentare, indicato dal 44% dei cittadini come la caratteristica più importante al momento della scelta dei cibi, mentre Il 35,2% indica la tracciabilità che consente di verificare il rispetto di sicurezza, genuinità e salubrità dei prodotti.

DA CHI FANNO LA SPESA GLI CHEF: I FORNITORI PRINCIPALI

Tipologia di fornitore principale e percentuale chef che indica il canale come fornitore principale

Agricoltori 39%

Grossisti 34%

Mercati rionali 21%

Fonte: Coldiretti/Censis

No responses yet

Mar 23 2019

galbani vuol dire fiducia! 23 03 2019

GALBANI VUOL DIRE FIDUCIA!

Dal sito elettorale www.gianlucagalimberti.it:

—Nuovi pannelli turistici in città!

Più di 80 nuovi pannelli turistici in città con mappe aggiornate, descrizioni bilingue italiano e inglese dei monumenti e QR code di collegamento con portale dedicato ai turisti cinesi. Per una Cremona sempre più accogliente, internazionale e turistica!

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

basta un sondaggio 23 03 2019

BASTA UN SONDAGGIO

per ringalluzzire i moribondi; Zingaretti vola con le parole a mo’ di ali dopo la conquista della segreteria, i sondaggi dicono il Pd in lieve vantaggio sui 5 Stelle in discesa libera, pista nera, Enrico Letta il giovane vede a breve elezioni anticipate per tornare al governo, il grande vecchio Prodi Romano incoraggia: non siamo più il partito dei ricchi!

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mar 23 2019

cremona, si può! 23 03 2019

Published by under costume,cronaca cremonese

CREMONA, SI PUO’!

Da www.cremonaoggi.it, il primissimo on line della città: —Proprio nella giornata dell’inaugurazione dei nuovi cartelli turistici collocati nel centro storico della città, con l’indicazione degli itinerari multilingue (anche cinese attraverso QR Code) arrivano i soliti odiosi segnali di inciviltà, con l’imbrattamento di due pannelli collocati tra via Palestro e via Ugolani Dati—

Gli incivili sono incivili ed esistono in tutto il mondo, però a Francoforte sul Meno, città di 700mila abitanti che visito spesso, muri e cartelli brillano per pulizia, non vedi una scritta nemmeno se piangi in cinese, anche se, come a Cremona, hai la completa libertà di farla, sui muri e cartelli degli altri, beninteso; gli è che, se ti beccano, e a Francoforte puoi togliere il “se”, muri e cartelli degli altri li pulisci con la tua lingua.

Cremona 23 03 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »