Mag 24 2020

la legge del più forte-milleseicentocinque 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – milleseicentocinque

Il Dubbio; il ministro adatto si propone per la riforma adatta; io invece avrei dato l’incarico della riforma a Palamara, a oggi l’unico innocente nel terremoto che ha provocato!

—“Il vero e proprio terremoto che sta investendo la magistratura italiana dopo il c.d. “Caso Palamara” impone una risposta tempestiva delle istituzioni. Ne va della credibilità della magistratura, a cui il nostro Stato di diritto non può rinunciare”. Lo scrive su Facebook il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede dopo il terremoto che ha investito la giunta dell’Anm in seguito alle ultime intercettazioni legate al “caso Palamara”. “Nel mio discorso al Senato di mercoledì, tra i progetti da cui ripartire nel settore della giustizia, ho fatto riferimento alla riforma del Consiglio Superiore della Magistratura: adesso non si può più attendere. Questa settimana porterò all’attenzione della maggioranza il progetto di riforma, su cui tra l’altro avevamo già trovato un’ottima convergenza poco prima che scoppiasse la pandemia”, ha aggiunto il ministro della Giustizia. “Al centro del progetto – aggiunge Bonafede – ci sono: un nuovo sistema elettorale sottratto alle degenerazioni del correntismo; l’individuazione di meccanismi che garantiscano che i criteri con cui si procede nelle nomine siano ispirati soltanto al merito; la netta separazione tra politica e magistratura con il blocco delle c.d. ‘porte girevoli’”. “Si tratta di leggi di cui si parla da decenni – sottolinea il Guardasigilli – innovazioni non rinviabili su cui le istituzioni non devono dividersi ma, al contrario, devono compattarsi. Anche perché non sono norme ‘contro’ la magistratura ma a tutela della stragrande maggioranza di magistrati che ogni giorno, con passione e professionalità, lavorano per la tutela dei diritti di tutti i cittadini. Sono quei magistrati che non meritano di essere trascinati in un vortice di polemiche che mira a fare di tutta l’erba un fascio”.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

qui cremona-seicentoquarantadue 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

QUI CREMONA – seicentoquarantadue

Riflessioni molto interessanti su Welfare Cremona: Agostino Melega i giochi di una volta, Marco Pezzoni l’enciclica Laudato Sì di Papa Francesco.

La movida in piazza conquista più fedeli di quella in Chiesa, suggerisce la Provincia:

—Organizzazione perfetta ma affluenza dei fedeli inferiore alle aspettative al campo sportivo dell’oratorio di Cicognara, dove ieri sera alle 19 il parroco don Andrea Spreafico ha celebrato la messa unitaria delle tre parrocchie dell’Unità pastorale Beata Vergine delle Grazie (le mantovane Cicognara e Cogozzo e la casalasca Roncadello): dei 500 posti a sedere ne sono stati occupati circa duecento, ben distanziati tra loro come prevede la normativa—

L’assessore informale al traffico, la Fiab, propone alcuni miglioramenti alla Giunta

su www.cremonoggi.it:

—La Fiab di Cremona ha presentato alla Giunta Comunale le proposte per una ripartenza all’insegna della bicicletta, mezzo pulito che, si legge nella lettera inviata qualche giorno fa a tutti gli assessori, “consente di mantenere il distanziamento sociale, è economica, è un’attività aerobica utile a rafforzare le difese immunitarie, non inquina perché non consuma carburanti fossili: considerando che abbiamo davanti almeno 5 mesi di bella stagione, la bicicletta è il mezzo d’elezione per la mobilità d’emergenza! Una grande sperimentazione estiva per testare la fattibilità e l’efficacia di questa misura e prendere così lo slancio per l’autunno”—

Il Giorno riprende il tema fascicoli delle Procure:

—“Ricostruzione rigorosa dei fatti segnalati, mantenendo un approccio prudente in considerazione dell’eccezionalità della situazione e di una serie di difficoltà nella contestualizzazione delle accuse”. Così, per voce del pg Guido Rispoli che ieri ha tracciato un bilancio dell’attività investigativa a tema Covid, si stanno muovendo le Procure di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova sulla presunta malagestione dell’emergenza. Gli uffici requirenti del Distretto da quando è esplosa l’epidemia sono alle prese con centinaia di indagini – il numero più alto a Brescia e Bergamo – tutte curate da pool ad hoc, avviate sulla scorta di esposti.

Nessuna nuova sui casi Cauzzi e Voltini.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

e l’ingestibile napoli…… 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

E L’INGESTIBILE NAPOLI……..

Bar pizzerie ristoranti furiosi contro il governatore Vincenzo De Luca per la chiusura anticipata dei locali: non hai capito un cazzo!

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

quasi due per arma 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

QUASI DUE PER ARMA

Dal Giorno la conferma di una gran movida a Milano; sette multe complessive tra Polizia Carabinieri Guardia di finanza Polizia locale!

—Da via Lecco a via Teodosio, da piazza XXV Aprile, corso Como e corso Garibaldi fino alle Colonne di San Lorenzo, il venerdì sera ha visto riaffacciarsi la movida milanese con assembramenti fuori dai locali e pochissime mascherine, molte tenute sotto il mento per poter sorseggiare drink o fumare sigarette. “In barba al distanziamento e al rispetto delle norme anti contagio”, tuonano diversi residenti. Ma qualche sanzione c’è stata. Sette quelle comminate dalla polizia locale, spesso intervenuta insieme a polizia, carabinieri e Guardia di Finanza.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

prima le idee 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

PRIMA LE IDEE

poi la discussione quindi i fatti. Così chiude l’intervista a Sussurrandom condotta da Stefano Mauri il politico a tempo sprecato Antonio Grassi, sindaco di Casale Cremasco dalla scrittura nitida e brillante, vista l’abitudine quotidiana; Stendhal ricordava: ho perso dieci anni aspettando il colpo di genio, alla fine ho capito che bisogna cominciare scrivendo due ore, tutti i giorni!

—Tempo fa, l’europarlamentare cremasco Massimiliano Salini, fresco come una rosa, dalla sua astronave, dato che in Europa è vicepresidente del settore strategico “Sky and Space”, è sceso dicendo che coi soldi del Mes si potrebbe costruire un nuovo ospedale a Cremona. E il tutto è passato in carrozza, senza nessun politico nostrano a controbattere, replicare, commentare o applaudire le dichiarazioni di Salini. E quello di lasciar cadere certe situazioni, di non promuovere dibattiti costruttivi lungimiranti è un po’ il nostro limite cronico. E per quanto mi riguarda, rispetto alla proposta di Massimiliano Salini, più che allestire nuovi ospedali ribadisco che occorrerebbe rivedere la medicina di territorio.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

sempre più magno 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

SEMPRE PIU’ MAGNO

lo Scalfari Eugenio che ammaestra le genti da Repubblica; se non ha investito male i 50 miliardi in lire che gli passò Carlo De Benedetti per comprargli le azioni del giornale, il benessere per sé e i discendenti è più che al sicuro.

—il benessere c’è ancora ma è molto meno diffuso di un tempo o almeno così sembra a chi osserva non solo su se stesso ma anche su quello che si definisce il prossimo.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

la storia continuano a scriverla 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

LA STORIA CONTINUANO A SCRIVERLA

i vincitori, lamentano i negri, i poveri, e soprattutto gli indiani targati Usa, che nei film sono regolarmente nella parte dei malvagi!

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

il silenzio degli innocenti, 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI, se non capiscono che sta succedendo son davvero tanto innocenti……. su AdnKronos. —“È il silenzio degli indecenti”. Usa una frase forte il leader della Lega Matteo Salvini per bollare il comportamento dei media sulla vicenda delle intercettazioni dalle quali è emerso un attacco alla sua persona da parte di alcuni magistrati, tra i quali l’ex presidente dell’Anm Luca Palamara. “Più delle frasi di Palamara – afferma – mi ha impressionato il silenzio vergognoso e complice dei media italiani. Timidi trafiletti sui giornali, qualche secondo dei telegiornali. Se le stesse parole (“Ha ragione, siamo indifendibili, ma il ministro va attaccato” è il senso, ndr) fossero state indirizzate a un ministro del Pd o del M5s oggi ci sarebbero processi, indignazione, speciali dei tg, caschi blu. Trovo che sia una complicità silenziosa. È una vergogna, ma ci sono abituato”. Per il leader della Lega “il problema non è Salvini, ma il cittadino italiano. Che da oggi ha il diritto di pensare che non sarà giudicato in base alla legge ma in base alle simpatie e al colore politico. Ringrazio La Verità per lo scoop a nome dei 20.000 innocenti passati per il carcere, anche se quell’incapace del ministro Bonafede sostiene che in galera vanno solo i colpevoli. La giustizia va riformata e quando torniamo al governo ci concentriamo su questo”.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 24 2020

pomodoro, il sigillo di campagna amica 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

I Sigilli di Campagna Amica – La biodiversità contadina

Pomodoro, il Sigillo di Campagna Amica

Ultima tappa del nostro “viaggio” alla scoperta di questo prodotto straordinario

Veniamo all’ultima tappa del nostro viaggio all’insegna del re dell’orto: il pomodoro. Stiamo presentando i pomodori più particolari della tradizione agricola italiana e nel nostro giro d’Italia, passando per la Sicilia, non si può non nominare il pomodoro Pizzutello di Paceco. Da mezzo secolo colora le campagne dell’omonimo comune. Si presenta allungato o tondo con un classico pizzetto. Il colore è rosso vivo. Questa varietà è perfetta in insalata e per la preparazione del pesto alla trapanese. Gaspare Pilato è il custode di questa varietà e la propone in vendita ai visitatori del Mercato di Campagna Amica di Trapani. Con un bel salto arriviamo in Toscana dove la solerzia di alcuni agricoltori di San Miniato, sin dal primo dopoguerra, ha consentito di salvare il seme del pomodoro grinzoso Sanminiatese. Perfetto per i sughi e il condimento, questo pomodoro presenta una forma piatta ed è caratterizzato dall’essere grinzoso. Francesco Lai è uno di questi eroici agricoltori che nel suo punto vendita aziendale consente al pubblico di acquistare un prodotto tanto raro. Sempre nella meravigliosa Toscana troviamo il pomodoro Pisanello, coltivato tra Pisa e Livorno. Costoluto, rosso brillante, dal sapore dolciastro e acidulo. Perfetto in insalata. Giampaolo e Giancarlo Meazzini di Crespina Lorenzana e Paola Martini sono i custodi della varietà. I punti vendita aziendali delle omonime aziende espongono questo pomodoro. Infine andiamo in Veneto e incontriamo il pomodoro del Cavallino. Divenne il protagonista delle coltivazioni della zona di Cavallino a seguito di un evento disastroso: l’alluvione del 1966, quando le coltivazioni da frutto furono devastate. A quel punto gli agricoltori virarono sulla produzione di questa bellissima varietà che, crescendo in terreni salini, acquisisce un sapore unico. Moreno Tortato, Giuliano Bozzato e Debora Fabbro proteggono il genoma e vendono il pomodoro nei mercati di Campagna Amica di Portogruaro e Venezia. Giunti al termine di questo viaggio, non possiamo che essere stupiti ancora una volta dalla tanta ricchezza che anima il Bel Paese.

No responses yet

Mag 24 2020

il politico alla fine 24 05 2020

Published by under Pubblica Amm.ne

IL POLITICO ALLA FINE

se la cava quasi sempre, tranne i Formigoni, i Mannino e una lunga serie di altri; anche i personaggi famosi alla Tortora, Sabani, Cagliari, Moroni eccetera che al massimo muoiono prima del tempo; ma sono gli sconosciuti a soffrire nel silenzio, al massimo i giornali scrivono al tempo dei processi, e li dimentica anche Sallusti, direttore del Giornale, che intitola il pezzo di oggi: “Non nominate Falcone invano”

—Ieri era l’anniversario della strage di Capaci, in cui 28 anni fa persero la vita Giovanni Falcone, la moglie e tre uomini della scorta. Mai come quest’anno le celebrazioni del giudice-eroe stridono con la realtà di una giustizia infettata e ipocrita. Il velo che si sta alzando sul complotto dei magistrati per incastrare ingiustamente Matteo Salvini sul caso sbarchi di clandestini («ingiustamente» lo dicono proprio loro, in conversazioni che dovevano restare riservate) la dice lunga sulla giustizia a fini politici e quindi anche sul trattamento ricevuto in questi anni da Silvio Berlusconi.

Francoforte 24 05 2020 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »