Archive for the 'Striscia La Provincia' Category

Mag 20 2019

qui cremona-duecentottantotto 20 05 2019

QUI CREMONA – duecentottantotto

Stamattina ha fatto un colpo la Provincia fin che c’è, ha scoperto d’avere un lettore di rango e l’ha fotografato mettendogli l’aureola: si tratta del direttore dell’associazione industriali Massimiliano Falanga e, trattandosi di gente di mondo la verità esce subito, la legge per dovere professionale!

Altro divertimento; per via dei colpi bassi che la destra cremonese infliggerebbe alla sinistra, ecco di rimando il colpo sottoterra dal sito del Galimba:

—Parcheggiare in centro a Cremona costa, dal 2013, 1,70 euro. Ma non sempre ad incassare è il Comune. Per un accordo capestro della precedente amministrazione legato al parcheggio di piazza Marconi (chiuso con 2 piani anziché 4) molti stalli centrali di Aem sono stati trasferiti alla società Saba. Così a Cremona la presenza dei due gestori dei parcheggi, Saba, privato, e Aem, pubblico, non consente di fare politiche della sosta omogenee sulla città. L’obiettivo è dunque quello di avere un unico gestore, di aumentare servizi ed efficienza e di ridurre la tariffa oraria—

Basta dar le informazioni a metà e perfino Stalin visse e operò da galantuomo; l’idea del parcheggio e del successivo buco di piazza Marconi risale addirittura alla Giunta Bodini, che concordava con Saba 4 piani quando ancor oggi, dopo dieci anni, i due sono in genere semivuoti; la Giunta Perri riduceva il danno limitandosi a costruirne 2, ma in cambio doveva cedere al contraente Saba altri parcheggi di proprietà del Comune. E oggi arriva un Galimberti a ripetere la manfrina dell’inceneritore spento in tre anni: la colpa di 1,70 euro l’ora è della Giunta Perri! Complimenti per la chiarezza! Uno dei tantissimi motivi che ci costringono a ripetere: per un voto corretto noi segniamo Carletto! Carlo Malvezzi che non perde tempo in polemiche suicide e mal costruite, e oggi riceve:

—Questa mattina Giancarlo Giorgetti, vicesegretario federale della Lega, è passato a trovarci nel nostro comitato in via Monteverdi. Un’altra carica importante che ha deciso di mostrare il suo sostegno alla nostra coalizione, insieme faremo grandi cose per la nostra città—

Lagne rituali sinistre contro Alessandro Zagni reo di filmare i migranti ai remi delle slot, in primis Fare Stantia la Città, non un fiato contro Aldo Protti continuamente oltraggiato perché a vent’anni era dall’altra parte; che fare? Seccherò qualcuno ripetendo: per un voto corretto io sogno Carletto!

Francoforte 20 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 18 2019

ancora un maestro! 18 05 2019

ANCORA UN MAESTRO!

L’ex ministro compagno Berlinguer Luigi a Cremona, due righe di www.cremonaoggi.it, un panegirico della Provincia on line:

—«Voi avete Stradivari, fatelo fruttare. È un marchio unico, sfruttatelo con iniziative di qualità che attirino il mondo. Fatelo nel nome della musica e della pratica musicale». È l’invito che ha lanciato, vibrante e con stile da oratore dell’era predigitale, Luigi Berlinguer, ex ministro dell’Istruzione e presidente del Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica—

Forse Berlinguer ha tratto da noi cremonesi l’impressione di un:

—Stradivari! Chi era costui?

Francoforte 18 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 17 2019

qui cremona-duecentottantacinque 17 05 2019

QUI CREMONA – duecentottantacinque

Disperazione. Perfino Gilberto Bazoli, abilissimo a districarsi nei fatti e nel descriverli, non sa che pesci catturare in difesa di Galimberti: comincia col prendersela con la destra diffamatoria di Cremona e conclude con un mezzo elogio a Carlo Malvezzi, per cui a maggior ragione: per un voto corretto io segno Carletto! Dal www.gianlucagalimberti.it:

—Si avvicina l’ora X del voto e il centrodestra sta sferrando un colpo basso dopo l’altro. Paura di perdere? Prima la polemica pretestuosa sui bambini in tenuta anti sommossa dai carabinieri, poi l’attacco sul presunto uso improprio della pagina Facebook dell’Infopoint—

La polemica pretestuosa l’ha creata la Provincia coi cavalli da battaglia Morandi e Gualandris, la destra, nello smarrimento silenzioso della Giunta Cilecca, s’è limitata a cavalcare la polemica; sul presunto uso improprio Infopoint resto sgomento, un ufficio del Comune che fa propaganda elettorale per il sindaco in carica……. ma andiamo avanti, musica maestro!

#Cremona città della musica! Benvenuto a Lodovico Guenzi che, insieme a musicisti professionisti cremonesi, aiuta i giovani delle nostre scuole a crescere nel fare musica! Evviva “Back to school”, i nostri giovani, la scuola, la musica! Back to School 2019 con Lodo Guenzi de ‘Lo Stato Sociale’

Il Titanic Cilecca affonda e come nel naufragio vero l’orchestra continua a suonare! Attacca anche la Provincia con un titolo di prima:

—La pagina social dell’infopoint del Comune condivide quella del sindaco uscente: il centrodestra attacca—

In attesa che la Procura attacchi un fascicolo. Per via dei colpi bassi, ecco Virgilio Andrea, sempre sulla Provincia, sul candidato Lega, il patteggiante Cesare Di Giovanna:

—Mi piacerebbe chiedere a Zagni da che parte sta? Dalla parte dell’ordine pubblico o da quella del suo candidato in lista con la Lega?—

beccandosi sul grugno l’ovvia risposta di Zagni:

—Dalla parte delle regole, come sempre—

Carlo Malvezzi ignora le polemiche, sempre intento al suo fare, fare, fare:

—Riqualificare l’intera via Dante è una priorità del centrodestra. Vogliamo che sia una strada moderna, bella, ordinata, decorosa e funzionale, in grado di valorizzare immobili e attività. Restituire alla città una strada accessibile, comoda e adeguata alle esigenze di chi ci passa, ci vive e ci lavora. Via Dante deve tornare ad ospitare nuove attività commerciali garantendo nel contempo una qualità della vita sostenibile per i residenti. La rivitalizzazione dei tessuti urbani porta anche alla valorizzazione degli immobili e alla loro maggiore appetibilità commerciale, artigianale e residenziale. Insieme faremo grandi cose, il 26 maggio è vicino, cambiamo la nostra città! #unitipercremona #malvezzisindaco

E insieme all’amico architetto Federico Fasani eccolo presentare piantine e disegni, sul posto; perciò come sempre concludo: per un voto corretto io segno Carletto!

Cremona 17 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 16 2019

qui cremona-duecentottantaquattro 16 05 2019

QUI CREMONA – duecentottantaquattro

A scriver&parlar male della destra ci pensa la sinistra, come è esatto sia! quindi mi limito a mettere in evidenza la solita goffaggine della Provincia sul caso Di Giovanna: arriva, tanto per cambiare, dopo www.cremonaoggi.it, sarebbe un po’ metter in gara me contro Usain Bolt sui 100 metri, ma toglie dalla sua versione il nome del collega; eccoli a confronto, i due:

—La notizia apparsa oggi sul quotidiano online ‘Cremonaoggi’ di un coinvolgimento del sottoscritto nell’ambito del procedimento penale inerente una presunta azione di sabotaggio ai danni del locale ‘La Centrale del Latte’ di via Nazario Sauro mi vede costretto a rinunciare alla candidatura presentata nelle file della Lega per le prossime elezioni amministrative al Comune di Cremona, non volendo danneggiare in alcun modo il progetto e la proposta politica in cui fermamente credo.

—Un mio coinvolgimento nell’ambito del procedimento penale inerente una presunta azione di sabotaggio ai danni del locale La Centrale del Latte di Via Nazario Sauro mi vede costretto a rinunciare alla candidatura presentata nelle file della Lega per le prossime elezioni amministrative al Comune di Cremona, non volendo danneggiare in alcun modo il progetto e la proposta politica in cui fermamente credo—-

A farsi male da solo ci pensa Gianluca Galimberti:

—Era uno dei problemi più sentiti dai quartieri: “Le strade sono buie!” In questi anni abbiamo sostituito 9188 vecchie luci con nuovi led a basso impatto ambientale e basso consumo, mettendo in sicurezza pali e riqualificando la rete. Continuiamo a lavorare per completare gli interventi e dare a tutta la città nuova luce!—

Le strade non erano buie, in compenso quando salta una luce il nuovo fornitore Citelum provvede a cambiarla entro un mese. Le idee chiare al potere; i marciapiedi del centro son sconnessi? Pronto il rimedio:

—Avevamo detto che, dopo la palizzata, avremmo sostituito anche i ponticelli e così sta avvenendo. Ne abbiamo già posizionato uno. Gli altri nei prossimi giorni, tempo permettendo. Continua, anche in sinergia con il privato (che ringrazio) la riqualificazione dell’anello ciclabile e in generale del comparto Po. E continuiamo a lavorare in questa direzione. Il prossimo obiettivo nel programma è trasformare il lungo Po in un vero e proprio lungo mare!—

Novità giornaliere per consentirmi di ripetere: per un voto corretto io segno Carletto!

Carlo Malvezzi, sempre concreto al punto temo ce l’abbia con le nuvole; ma non fraintendermi, lettore caro, non gli mancano le idee generali:

—Ottima serata quella proposta dagli amici di Fratelli d’Italia ieri al Teatro Monteverdi per la presentazione del libro “L’Italia non è più italiana” di Mario Giordano. Presenti l’autore, l’on Carlo Fidanza, il consigliere comunale Marcello Ventura, ma soprattutto tanta gente che non si è rassegnata al declino. #unitipercremona #malvezzisindaco

E mi tocca concludere: per un voto corretto io segno Carletto!

Cremona 16 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 15 2019

qui cremona-duecentottantatre 15 05 2019

QUI CREMONA – duecentottantatre

Il nuovo giornalismo della Provincia fin che c’è si rivela ogni giorno più nuovo; Morandi&Gualandris si impegnano, ieri, in carta e uniti! a far polemica inutile col Dordoni; oggi silenzio on line sull’assurda polemica di Galimberti che diffida Campagna Amica dal mettere i banchi sotto i portici del Consorzio Agrario. Il neo presidente Crotti Riccardo avrà il suo bel daffare a interrompere l’emorragia continua di copie e pubblicità: negarla inventando numeri che non ci sono serve a nulla.

Il mio amico Carletto Malvezzi non fa che ringraziare il suo apparente avversario Galimberti per gli assist continui: prima il silenzio sui bimbi dai Carabinieri, va bene, il caso non l’ha montato lui, ma dia il suo parere; poi il passaggio smarcante alla Maradona con la diffida a Campagna Amica: si rende conto o non, il Galimba, del gesto che colpisce tutti gli elettori, o deve lanciare anche qui un Preferendum? Se gli abusivi che vendono falsi continuano imperterriti, è per il tacito accordo sotto gli occhi di tutti gli elettori: due incursioni l’anno dei vigili, gli altri 363 giorni spacciate tranquilli i vostri falsi; e il Galimba si permette di diffidare Campagna Amica del suo buon diritto di vendere sotto i portici del Consorzio Agrario, diritto studiato, facile immaginare, dal servizio legale romano della potentissima Coldiretti? Campagna Amica che serve coi soci agricoltori migliaia di cittadini? Io stesso, vecchio goloso, faccio spesa ogni mercoledì, c’è di tutto per la buona tavola. Dal “Cremona si può!”

–“Si può” perché abbiamo fatto, perché abbiamo progetti da chiudere–

Campagna Amica progetto da chiudere?

Ecco invece il pensiero di Carlo Malvezzi:

—Un’Amministrazione Comunale attenta e responsabile collabora con gli imprenditori e con le loro organizzazioni perché possano svolgere al meglio le proprie attività, trovando le soluzioni migliori per dare opportunità di lavoro a tutti.
La Giunta di sinistra, al contrario, si impegna in un braccio di ferro senza fine con i nostri agricoltori e oggi arrivano i vigili urbani per sanzionare chi vende onestamente i buoni frutti della nostra terra. Il tutto mentre a distanza di pochi metri i venditori abusivi di merce continuano indisturbati la propria attività. Noi di centrodestra la nostra scelta l’abbiamo fatta: stiamo dalla parte di chi lavora, produce e genera benessere—

Per ciò e per tanto altro: per un voto corretto, io segno Carletto!

Sito Libera, finalmente han deciso di pubblicare, in un botto solo, le ultime tre newsletter!

Cremona 15 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 15 2019

la perla del giorno 15 05 2019

Published by under Striscia La Provincia

LA PERLA DEL GIORNO

Lettere alla Provincia; io, fossi il direttore, mi guarderei bene dal pubblicare un elogio del genere: “imparo l’italiano leggendo il giornale”, quando, proprio nello stesso giorno, un mio redattore scrive, nell’intervista a Francesca Berardi:

—L’idea è quella di raccontare una loro giornata nel suo snodarsi fra il lavoro e gli appuntamenti del tram tram quotidiano—

I tram a Cremona io non li ho mai visti, due poi…….

Cremona 15 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 14 2019

qui cremona-duecentottantadue 14 05 2019

GIORNALE UNICO IN ITALIA,

e ovviamente giornalisti unici, a scrivere un titolo:

—Bufera social dopo un post del Dordoni sulle ore trascorse con i carabinieri da due classi della Trento Trieste—

e poi il resto; mi son sfogliato tutti i media internet, a nominare il Dordoni è solo la Provincia fin che c’è, con la paginata della solita Morandi Francesca e il fondo del caporedattore, tale Gualandris Paolo; lo copiano spesso, stavolta no il www.cremonaoggi.it, sobrio nell’esposizione del fatto, senza cercar polemiche; e in fondo il Csa Dordoni s’era limitato a scrivere sulla pagina facebook le proprie idee, tanto simili a questa:

—Dalle foto scattate dall’Arma stessa e pubblicate da ‘CremonaOggi’ si intuisce che la campagna per la ‘formazione della cultura della legalità 2018-19′ prevede l’insegnamento del saluto militare, la simulazione di perquisizioni con mani sulla volante e un po’ di sana pratica come aspiranti celerini, con tanto di caschi, scudi e carabinieri che ‘guidano’ il plotone in erba col manganello in pugno (le foto sono all’interno dell’articolo). Il sorriso delle insegnanti immortalato durante la messa in scena completa il felice quadretto e restituisce una fotografia della deriva autoritaria di questo paese—

Deriva autoritaria di questo paese, cioè quello che scrivono ogni giorno Repubblica e gli altri media di regime: dov’è il peccato del Csa Dordoni?

Se il Gualandris parte da lontano e filosofeggia, la Morandi è più terra terra:

—gli antagonisti del centro sociale Dordoni, i primi a rovinare la festa ai bimbi— e via di questo passo. Per una volta sul filo dell’ironia la risposta del Dordoni:

—Soltanto dopo che la notizia ha fatto il giro d’Italia, qualche penna fiacca e addomesticata de ‘La Provincia’ ha pensato di scriverci un editoriale e un articolo che oggi campeggiano sulla prima pagina del quotidiano cremonese. L’articolo a firma Morandi mostra la sua pochezza a partire dal sottotitolo che recita ‘Il Csa Dordoni scatena su Fb le polemiche contro gli scolari della Trento Trieste’. Il passaggio più comico, tuttavia, resta quello in cui viene ripreso, virgolettato, un passaggio del nostro post in cui scriviamo che lo schieramento di bambini in assetto antisommossa viene ‘guidato’ dai carabinieri col manganello in pugno. La risposta sagace della giornalista è la seguente: ‘i bimbi non avevano il manganello in pugno’. Sulle idee possiamo dissentire, è normale e legittimo, ma l’italiano è italiano. Dove avremmo scritto che i bambini avevano in mano il manganello?—

Non invidio il nuovo direttore Bencivenga, da rovinarsi la salute tentar di insegnare il giornalismo a certi soggetti.

Cremona 14 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 14 2019

giornale unico in italia, 14 05 2019

GIORNALE UNICO IN ITALIA,

e ovviamente giornalisti unici, a scrivere un titolo:

—Bufera social dopo un post del Dordoni sulle ore trascorse con i carabinieri da due classi della Trento Trieste—

e poi il resto; mi son sfogliato tutti i media internet, a nominare il Dordoni è solo la Provincia fin che c’è, con la paginata della solita Morandi Francesca e il fondo del caporedattore, tale Gualandris Paolo; lo copiano spesso, stavolta no il www.cremonaoggi.it, sobrio nell’esposizione del fatto, senza cercar polemiche; e in fondo il Csa Dordoni s’era limitato a scrivere sulla pagina facebook le proprie idee, tanto simili a questa:

—Dalle foto scattate dall’Arma stessa e pubblicate da ‘CremonaOggi’ si intuisce che la campagna per la ‘formazione della cultura della legalità 2018-19′ prevede l’insegnamento del saluto militare, la simulazione di perquisizioni con mani sulla volante e un po’ di sana pratica come aspiranti celerini, con tanto di caschi, scudi e carabinieri che ‘guidano’ il plotone in erba col manganello in pugno (le foto sono all’interno dell’articolo). Il sorriso delle insegnanti immortalato durante la messa in scena completa il felice quadretto e restituisce una fotografia della deriva autoritaria di questo paese—

Deriva autoritaria di questo paese, cioè quello che scrivono ogni giorno Repubblica e gli altri media di regime: dov’è il peccato del Csa Dordoni?

Se il Gualandris parte da lontano e filosofeggia, la Morandi è più terra terra:

—gli antagonisti del centro sociale Dordoni, i primi a rovinare la festa ai bimbi— e via di questo passo. Per una volta sul filo dell’ironia la risposta del Dordoni:

—Soltanto dopo che la notizia ha fatto il giro d’Italia, qualche penna fiacca e addomesticata de ‘La Provincia’ ha pensato di scriverci un editoriale e un articolo che oggi campeggiano sulla prima pagina del quotidiano cremonese. L’articolo a firma Morandi mostra la sua pochezza a partire dal sottotitolo che recita ‘Il Csa Dordoni scatena su Fb le polemiche contro gli scolari della Trento Trieste’. Il passaggio più comico, tuttavia, resta quello in cui viene ripreso, virgolettato, un passaggio del nostro post in cui scriviamo che lo schieramento di bambini in assetto antisommossa viene ‘guidato’ dai carabinieri col manganello in pugno. La risposta sagace della giornalista è la seguente: ‘i bimbi non avevano il manganello in pugno’. Sulle idee possiamo dissentire, è normale e legittimo, ma l’italiano è italiano. Dove avremmo scritto che i bambini avevano in mano il manganello?—

Non invidio il nuovo direttore Bencivenga, da rovinarsi la salute tentar di insegnare il giornalismo a certi soggetti.

Cremona 14 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 14 2019

devo correggermi 14 05 2019

DEVO CORREGGERMI

Dopo le critiche facebook, ragionevoli e garbate, di insigni giornalisti che hanno raccolto adesioni che non mi permetto distinguere tra reali e precettate, esprimo il mio ultimo pensiero: non è vero che la Provincia carta e on line copia ogni tanto le notizie da www.cremonaoggi.it, semplicemente le medita più a lungo prima di pubblicarle!

Cremona 14 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Mag 13 2019

più tardi, con comodo, 13 05 2019

PIU’ TARDI, CON COMODO, la riflessione della Provincia on line, nei prossimi giorni, in carta; per adesso dobbiamo accontentarci del solito anticipatore di notizie: www.cremonaoggi.it

—-13 maggio 2019 ore 12 54 A Cremona il 35% degli spostamenti sono a zero emissioni. Oltre la metà in auto

Il 35% degli spostamenti a Cremona sono “a zero emissioni” (ossia con mezzi elettrici, in bici o a piedi), mentre oltre la metà (il 54%) ancora vengono effettuati in auto. Questo il dato che emerge dal rapporto ‘Le città elettriche’, stilato da Legambiente in collaborazione con MotusE per analizzare la mobilità elettrica in Italia. Il report analizza la situazione dei capoluoghi di provincia italiani, andando ad analizzare i dati relativi ad alcuni indicatori strategici: il tasso di inquinamento e quello di motorizzazione, la disponibilità di mezzi elettrici, la presenza di piste ciclabili, il modal share. Eccetera.

Cremona 13 05 2019 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Next »