Archive for the 'religioni' Category

ott 14 2018

il numero perfetto 13 10 2018

IL NUMERO PERFETTO
Dall’Osservatore Romano; capisco gli scrupoli del Papa, l’otto non vale certo il sette, ma a quando il santo che annega cercando di arrivare in Sicilia?
—Papa Francesco proclama sette nuovi santi domenica mattina, 14 ottobre, in piazza San Pietro: insieme a Paolo VI e all’arcivescovo Romero, il Pontefice eleva agli onori degli altari anche due preti, Francesco Spinelli e Vincenzo Romano, due suore, Maria Caterina Kasper e Nazaria Ignazia di santa Teresa di Gesù March Mesa e il giovane operaio Nunzio Sulprizio.

Francoforte 13 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ott 10 2018

anche dio cambia parere, 10 10 2018

Published by under barzellette,religioni

ANCHE DIO CAMBIA PARERE,
e di conseguenza, i successori di Pietro; dall’Avvenire, il giornale dei Vescovi italiani:
–Dio è amante della vita. L’ha scandito, su invito di papa Francesco, tutta piazza San Pietro affollata di fedeli per l’udienza generale del mercoledì. Dedicata stamani al quinto dei Dieci Comandamenti: «Non uccidere».

Cremona 10 10 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

set 15 2018

le cupole degli altri 15 09 2018

LE CUPOLE DEGLI ALTRI
Ser Francesco Papa: non si può credere in Dio ed esser preti pedofili.

Cremona 15 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

set 14 2018

ma le suore no 14 09 2018

MA LE SUORE NO E’ possibile importarne un tanto al kg da ogni parte del mondo; poi suore pedofile non ne hanno ancora trovate; dall’Osservatore Romano. —«Una particolare attenzione al clero e ai seminari» è stata raccomandata dal Papa ai presuli di recente nomina che partecipano a un corso promosso dalle Congregazioni per i vescovi e per le Chiese orientali. Ricevendoli in udienza nella mattina di giovedì 13 settembre, nella Sala del Concistoro, il Pontefice ha parlato con toni preoccupati della «voragine spirituale che, in non pochi casi, ha permesso scandalose debolezze» e ha esortato a rispondere a questa sfida anche attraverso l’aggiornamento dei «processi di selezione, accompagnamento, valutazione» dei candidati al sacerdozio. «Ognuno di noi — ha esortato — deve umilmente entrare nel profondo di sé e domandarsi che cosa può fare per rendere più santo il volto della Chiesa».
Cremona 14 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

set 13 2018

allora satana ha battuto il padre fino a ieri 13 09 2018

ALLORA SATANA HA BATTUTO IL PADRE FINO A IERI
Papa Francesco, l’Osservatore Romano; capisco, anche un Papa deve far politica, ben prima della religione, ma la Storia della Chiesa Cattolica è tanto conosciuta……..
—Secondo la logica del mondo «amare i nemici» è una «pazzia». Ma è proprio la «pazzia della croce» che deve guidare il comportamento di ogni cristiano, perché se vogliamo vivere «da figli» dobbiamo essere «misericordiosi come il Padre» e non farci guidare dalla «logica di satana», il grande accusatore che cerca sempre di «fare il male all’altro».
È lo «stile del cristiano» il centro della meditazione che Papa Francesco ha sviluppato durante la messa celebrata a Santa Marta la mattina di giovedì 13 settembre. Eccetera eccetera.

Cremona 13 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

set 10 2018

il credente che provoca 10 09 2018

IL CREDENTE CHE PROVOCA, se di altra religione; se di Comunione e Liberazione, invece, testimonia! La Moschea, a Crema, è quasi luogo di banditi: se i mussulmani insistono per averla, tra un po’ gli chiedono i danni; dall’Inviato Quotidiano dei fratelli Salini. —Un legittimo momento di preghiera, ma svolto con modalità quantomeno discutibili. L’episodio si è verificato in piazza Duomo a Crema, nel pomeriggio di domenica 9 settembre: alcuni cittadini hanno segnalato, documentando anche fotograficamente, la presenza di un fedele musulmano che attuava uno dei momenti di preghiera obbligatoria per la sua fede proprio sul sagrato del Duomo, a pochi passi dall’ingresso, con la faccia praticamente attaccata al muro esterno della cattedrale. Un episodio che lascia qualche perplessità. Al di là della palese teatralità della scelta, quel che stupisce è che il gesto sia stato eseguito senza tener conto del fatto che il sagrato della chiesa è anch’esso parte consacrata, e che di certo non era proprio necessario mettersi attaccati al muro di un luogo di culto di un’altra religione per eseguire la propria preghiera. Per altro la volontà di toccare quasi con la testa le mura della cattedrale ha fatto perdere di vista allo zelante fedele musulmano il corretto direzionamento verso la Mecca, che è più a sud, come mostra l’immagine allegata in fondo all’articolo, ricavata da un sito per musulmani che aiuta appunto a trovare la corretta posizione per la preghiera. I passanti hanno guardato perplessi, e qualcuno ha scattato la fotografia che proponiamo. Ribadendo che non vi è certo nulla di grave, ma che un po’ più di discrezionalità avrebbe reso il gesto di devozione forse più autentico e meno esteriore, oltre che lievemente provocatorio
Cremona 10 09 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 29 2018

ipocrisie dall’altare 29 08 2018

IPOCRISIE DALL’ALTARE
Matteo Salvini ha un pregio, quello che dice lo pensa e, potendo, lo farebbe!
Dall’Avvenire, il giornale dei Vescovi italiani: —Auspico che si allarghino gli spazi per la presenza e l’attività delle donne, tanto nell’ambito ecclesiale quanto in quello civile e delle professioni, così che possano manifestarsi a pieno le doti di delicatezza e tenerezza di cui è ricco l’animo femminile. È quanto afferma Papa Francesco nel messaggio inviato ai giovani partecipanti alla tendopoli di san Gabriele, promossa, dal 21 al 25 agosto, dai padri passionisti presso il santuario di San Gabriele dell’addolorata a Isola del Gran Sasso, in provincia di Teramo. Significativo il tema scelto per questa trentottesima edizione: La donna sacra o schiava?—
La via di mezzo, permetterle, non dico il Papa, di fare almeno il prete Dall’Osservatore Romano:
—Il sogno di Dio – ha detto il Papa – è l’armonia e la pace nelle famiglie e nel mondo, frutto del perdono e della riconciliazione che ci ha donato in Cristo». Il Pontefice ha esortato le famiglie a partecipare a questo sogno e fare del mondo una casa dove nessuno sia solo, nessuno sia non voluto, nessuno sia escluso. La Chiesa, ha aggiunto, è famiglia delle famiglie e, come un corpo, sostiene queste sue cellule nello sviluppo di una società fraterna e solidale— Dio sogna e, se vero, spesso ha gli incubi, specie durante la veglia leggesse la Storia della Chiesa, almeno fino al 1870, quando il Vaticano era un regno e non proprio dei più liberali.

Ceriana 29 08 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 08 2018

così sia! 08 08 2018

COSI’ SIA!
Dall’Osservatore Romano; lui non voleva, ma i cardinali l’han fatto Papa egualmente, per togliersi loro l’occasione di peccare …..
–Successo, potere e denaro: sono i grandi idoli, le tentazioni di sempre, da cui il Papa ha messo in guardia all’udienza generale di mercoledì 8 agosto, nell’Aula Paolo VI.

Ceriana 08 08 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

ago 03 2018

quanto è difficile comunicare 03 08 2018

QUANTO E’ DIFFICILE COMUNICARE
Perfino Dio ci ha messo 2mila anni per farsi intendere dal suo rappresentante in Terra; l’Avvenire, il giornale dei Vescovi italiani; e l’Osservatore Romano conferma.
—Papa Francesco ha modificato un articolo del Catechismo della Chiesa cattolica (n.2267), affermando, alla luce del Vangelo, «l’inammissibilità della pena di morte perché attenta all’inviolabilità e dignità della persona». È una definizione chiara e decisa che impegna la Chiesa e i cattolici ovunque nel mondo perché si difenda sempre e comunque la intangibilità della vita anche attraverso l’eliminazione di questa pena disumana.

Ceriana 03 08 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

lug 26 2018

matteo 19, 13-15 26 07 2018

MATTEO 19, 13-15
–In quel tempo furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li sgridavano. Gesù però disse loro: lasciate che i bimbi vengano a me perché di essi è il regno dei cieli–
Si tratta del Vangelo, ricorda l’ultima copertina di Famiglia Cristiana, quella del “Vade retro Salvini”; che dimentica quanto spesso i bimbi, in attesa di Gesù nel regno dei cieli, siano il godimento in terra dei…… alla prossima copertina!

Ceriana 26 07 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Next »