Archive for the 'Pubblica Amm.ne' Category

Gen 21 2021

la diplomazia consiglia 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

LA DIPLOMAZIA CONSIGLIA

di raccontare balle omeriche perfino al Papa, che, nel far gli auguri a Joe Biden, dimentica negri e indiani; dall’Avvenire.

—Sotto la sua guida – scrive il Papa – possa il popolo americano continuare a trarre forza dagli elevati valori politici, etici e religiosi che hanno ispirato la nazione sin dalla sua fondazione.

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 21 2021

perchè gratteri 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

PERCHE’ GRATTERI fa quasi solo maxinchieste? titoli del Dubbio. —Gratteri inguaia l’Udc. Lorenzo Cesa indagato per concorso esterno Una maxioperazione della procura di Catanzaro, con perquisizioni e arresti in tutta Italia, scuote l’Udc. E Cesa si dimette da segretario

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 21 2021

per uscire di casa 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

PER USCIRE DI CASA

indispensabile leggere l’ultimo Dpcm e soprattutto capirlo!

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 21 2021

titoli e inchieste 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

TITOLI E INCHIESTE del Corriere. —DATAROOM
Bill Gates, Jeff Bezos e George Soros: filantropi o predatori? L’altra faccia dei miliardari

di Milena Gabanelli e Francesco Tortora

Crescono le donazioni dei super-ricchi per finanziare iniziative sociali e sanitarie, ma la beneficenza è diventata anche un affare che di nobile ha molto poco

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 21 2021

permette? 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

PERMETTE? Completo, serio, eventuale bocciatura; titolo della Stampa. —Maturità 2021, Azzolina: “Sarà un esame completo, serio”. Si va verso il maxi orale e si potrà bocciare

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 21 2021

spero resti 21 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

SPERO RESTI in Italia! articolo del Giorno. —“Da 13 anni mi occupo di intelligenza artificiale a supporto delle imprese. Adesso ne ho 25 e sono finito sulla copertina di Forbes, una bella soddisfazione”. Ha scritto il suo primo algoritmo a 13 anni e fondato la prima società a 17, si chiama Michele Grazioli, è di Soncino e ha cominciato in casa, nel senso che la famiglia aveva una piccola impresa e lui ha deciso di contribuire inventando tecnologie che andassero a risolvere alcuni problemi. “Ebbi un’intuizione capendo che mio papà era preoccupato per la scarsa capacità di prevedere cosa sarebbe successo nelle settimane e nei mesi a seguire. Ho creato un algoritmo che fosse in grado di leggere i dati generati dall’attività di mio papà, comprendendo le relazioni di causa-effetto tra di loro e permettendo di prevedere l’impatto che le decisioni prese avrebbero avuto sui risultati”. Liceo Scientifico e università Bocconi, poi l’esordio con una sua società che in breve annovera una ventina di collaboratori. Si chiama Vedrai e, incrociando migliaia di variabili, può arrivare a prevedere quali saranno le reazioni a una determinata azione, riuscendo così a evitare errori di valutazione e cercando di prendere le decisioni migliori. “Porto la mia tecnologia e le mie valutazioni a supporto delle medie e piccole imprese, che in Italia sono moltissime. Mi ha fatto piacere che Forbes mi abbia dedicato la copertina di gennaio, anche se sono dell’idea che bisogna lavorare in silenzio e lasciar parlare i risultati. Come dico ai ragazzi miei collaboratori, piedi per terra e continuiamo nel nostro lavoro”.

Francoforte 21 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 20 2021

la legge del più forte-milleottocentocinquantuno 20 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

LA LEGGE DEL PIU’ FORTE – milleottocentocinquantuno

https://www.errorigiudiziari.com/innocenti/vita-carriera-rovinate-risarcito-55-mila-euro/

Uno dei ritornelli dei giudici contro gli avvocati, ripreso ogni tanto anche dal sito Anm, che vi invito a leggere per capire chi li rappresenta, è che ricorrono sempre per allontanare i tempi dell’eventuale condanna; le Procure invece ricorrono molto spesso, evidentemente non si fidano delle sentenze dei Tribunali…..

—Quattro ordinanze di custodia cautelare e ben ottantatré giorni di carcere. E un’odissea giudiziaria durata dieci anni, con l’assoluzione emessa dal Tribunale di Teramo nel 2006 successivamente confermata in tutti i gradi di giudizio. Una vicenda umana e giudiziaria, quella dell’ex assessore all’urbanistica del Comune di Martinsicuro Antonio Lattanzi, che per la Corte d’Appello vale 55 mila euro. A tanto, infatti, ammonta l’indennizzo per ingiusta detenzione liquidato a Lattanzi dal tribunale dell’Aquila. Una cifra che per il diretto interessato ha il sapore della beffa. Perché se nessuna somma avrebbe mai potuto risarcirlo del dolore e dei danni subiti, quei 55mila euro danno a Lattanzi la misura di quanto valga per lo Stato la vita di un uomo ingiustamente arrestato per reati infamanti per un amministratore quali la concussione e l’abuso d’ufficio.

“E’ come se fossi stato raggiunto da una nuova ordinanza di custodia cautelare – commenta l’ex assessore del Comune di Martinsicuro, che in giudizio è sempre stato difeso dall’avvocato Lino Nisii -. Adesso valuterò insieme ai miei avvocati se fare ricorso in Cassazione ma questa cifra ridicola è il segno di quanto valga la vita di un uomo ingiustamente arrestato. E che le quattro ordinanze di custodia cautelare a mio carico siano state un errore giudiziario non l’ho detto io, ma il Tribunale del riesame che le ha sempre annullate. Una verità giudiziaria confermata in tutti i gradi di giudizio”.

Nel corso dell’intero procedimento giudiziario, dalla fase delle indagini preliminari all’assoluzione emessa dal Tribunale di primo grado e confermata fino in Cassazione, Lattanzi ha sempre mantenuto un estremo riserbo. E dimostrato un profondo rispetto delle istituzioni e della magistratura. Non ha mai avuto parole di accusa verso la Procura, ha sempre espresso al massima fiducia nella magistratura. E quando ha parlato, dopo che la sentenza di assoluzione è divenuta definitiva, lo ha fatto essenzialmente per raccontare la sua vicenda umana. E per esprimere l’amarezza di un uomo travolto da una vicenda giudiziaria che ne ha interrotto la carriera politica. E non perché qualcuno, all’interno del suo partito (all’epoca era An) gli abbia chiesto di fare un passo indietro. Ma perché Lattanzi ha scelto consapevolmente di dedicare tutte le sue forze per difendersi, per dimostrare la sua innocenza.

“Nessuna somma potrà mai risarcirmi per il dramma che ho vissuto – dice Antonio Lattanzi -. Sia chiaro, non ho mai voluto arricchirmi con questa storia. Non avrei mai voluto vivere un’esperienza del genere. Ma avrei voluto almeno recuperare quello che ho speso in questi anni. Questa storia ha portato con sè un carico di problemi psicologici, affettivi, d’immagine. Problemi per me, per la mia famiglia. E quello che mi ha colpito di più è che per l’avvocatura dello Stato l’assoluzione mi avrebbe risarcito di tutto”. Parole, quelle dell’ex assessore, che danno conto dell’amarezza di un uomo. Un’amarezza che non passa in secondo piano nemmeno di fronte all’assoluzione. Un’assoluzione che non potrà mai restituirgli tutto quello che ha perso.

“Sono profondamente amareggiato – conclude Antonio Lattanzi -. Anche perché io ho le spalle grosse, ho sempre lottato con i miei avvocati per dimostrare la mia estraneità ai fatti. Anche quando sotto il peso della pressione sarebbe stato più facile ed umano confessare anche colpe inesistenti. Ma ricordo che il sindaco di Roccaraso Camillo Valentini, dopo essere stato arrestato, si è suicidato in carcere”.

A breve, in ogni caso, Lattanzi racconterà la sua storia in un libro pubblicandola, atti alla mano, anche su Facebook.

La vicenda giudiziaria di Antonio Lattanzi è finita in “Non voltarti indietro“, il primo docufilm sugli errori giudiziari mai girato in Italia, insieme ad altre quattro storie emblematiche di innocenti finiti vittime di ingiusta detenzione.

Francoforte 20 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 20 2021

qui cremona-ottocentottantuno 20 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

QUI CREMONA – ottocentottantuno

La battutaccia del presidente sull’on line di Lombardi:

—Vaccinazioni nei padiglioni della fiera (leggi qui l’anticipazione: Sopralluogo in Fiera come hub per le vaccinazioni. Ats in cerca di spazi anche nei paesi) il presidente dà l’ok. L’intervista a Roberto Biloni: ‘Useremo una parte del padiglione 1, poi vedremo i tempi necessari, che però non dovrebbero compromettere le eventuali manifestazioni”—

Eventuali manifestazioni……………

Francoforte 20 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 20 2021

il riposo del guerriero 20 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

IL RIPOSO DEL GUERRIERO

Donald Trump ha finalmente lasciato la Casa Bianca, promettendo: conto di ritornare fra quattro anni!

Francoforte 20 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Gen 20 2021

pensierino su conte 20 01 2021

Published by under Pubblica Amm.ne

PENSIERINO SU CONTE

di Claudio Martelli, direttore dell’Avanti; pubblico su assist di Enrico Pirondini.

—Renzi è un politico inviso e aver aperto la crisi di Governo non accrescerà la sua popolarità. Tuttavia, contestare a Conte l’accentramento di poteri e l’immobilismo, gli errori nella gestione della pandemia e dell’economia è giusto. Il PD che pur condivideva le ragioni di Renzi lo ha mollato e adesso lo addita come un irresponsabile.
E subito al suo posto ecco materializzarsi i “responsabili”, ovvero i parlamentari voltagabbana arruolati da Conte per sostituire i voti di Renzi e salvare il governo.
Finalmente anche il PD si mobilita, con zelo gregario cerca voti per Conte il trasformista e, manco a guidarlo fossero D’Alema e Arcuri, minaccia “o Conte o le urne”, spingendo Conte a fare un suo partito.
E questo proprio non si capisce; un partito Conte ce l’ha già: il PD.

Francoforte 20 01 2021 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

« Prev - Next »