Archive for the 'Politica nazionale' Category

gen 11 2018

l’erba voglio 11 01 2018

L’ERBA VOGLIO
non esiste nemmeno nel giardino del re, ma da far indigestione nel blog del Maestro, che qui parla con la voce dell’allievo prediletto, il Di Maio Luigi; che non essendo ancora riuscito a laurearsi non sa che le leggi inutili, fastidiose, dannose, son ben altro che 400…….
—Il MoVimento 5 Stelle abolirà nel più breve tempo possibile 400 leggi inutili, spesometro e studi di settore. Liberando le imprese dalla burocrazia che si è accumulata negli anni vogliamo metterle nella condizione di esprimersi al massimo delle loro possibilità, pagando ciò che è giusto. Un sistema fiscale snello ed equo porterà i suoi frutti anche in termini di minore evasione e maggior produttività.

Cremona 11 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 11 2018

a ciascuno i propri rifiuti 11 01 2018

A CIASCUNO I PROPRI RIFIUTI
E’ Arturo Diaconale su L’Opinione delle Libertà; mi sembra un ottimo esempio: dai tanti passaggi smarcanti dal blog del Maestro, ai memorabili gol degli allievi……
—Nessuno, ovviamente, può pensare di scaricare solo su Virginia Raggi e sul Movimento Cinque Stelle la responsabilità del degrado non solo etico e morale ma anche fisico di una Capitale maleodorante. Tutti sanno che queste responsabilità ricadono su alcune generazioni di amministratori capitolini. Ma la gestione grillina del Campidoglio dura ormai da troppo tempo senza che nulla sia stato concretamente realizzato per affrontare il problema. E, anzi, proprio su questa questione Virginia Raggi e la sua giunta hanno ribadito la loro scelta ideologica di puntare solo su una irrealizzabile raccolta differenziata respingendo ogni ipotesi di creazione di impianti industriali per il trattamento dei rifiuti.

Cremona 11 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 10 2018

al passo coi tempi 10 01 2018

AL PASSO COI TEMPI Dal blog del Maestro; ogni Paese ha le proprie tradizioni e le difende; l’Italia ha quella del posto fisso, nel resto del mondo civile tutti i contratti di lavoro sono a tempo determinato. –Ogni mese il Partito Democratico manipola i dati Istat per coprire il massacro del lavoro portato avanti a colpi di Jobs Act e precariato. La realtà, però, è sempre la stessa: Istat conferma che a crescere sono ormai solo i posti di lavoro a termine: nell’ultimo anno, da novembre 2016 a novembre 2017, il 90,5% dei nuovi occupati è stato assunto con un contratto precario. L’obiettivo del Pd era eliminare la stabilità del posto del lavoro e ci sono riusciti.
Cremona 10 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 08 2018

testamento politico 08 01 2018

Published by under costume,Politica nazionale

TESTAMENTO POLITICO
Maroni lascia la Regione Lombardia all’amico Attilio Fontana, lui corre a Roma per fare almeno il ministro.

Cremona 08 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 07 2018

di maio sulle barricate 07 01 2017

DI MAIO SULLE BARRICATE E’ il quasi premier, dal blog del Maestro. Va bene, il 4 marzo vincono perché tutti i migliori candidati italiani, senza eccezione veruna, vogliono lottare sotto le loro bandiere. Resta solo un problemino da risolvere, la lingua con cui si parleranno, da un lato, quello che conta, Grillo Di Maio Casaleggio eccetera, dall’altra i migliori italiani: l’antica fiaba della Torre di Babele dice nulla al Di Maio e compagni di vittoria? —Fossi in loro io aspetterei a cantare vittoria perché in questo momento noi abbiamo il centrodestra che negli uninominali candida Mastella, Cirino Pomicino, Micciché e tutti questi personaggi impresentabili o improponibili, e dall’altra parte ci siamo noi che stiamo avendo un sacco di disponibilità sui territori da parte di persone del mondo universitario, del mondo industriale, delle imprese, del mondo delle associazioni, giovani laureati, persone che sul territorio hanno condotto delle battaglie importanti per l’ambiente, per la sanità, per la salute. Tutte queste persone ci onorano con la loro disponibilità e si giocheranno la loro partita nel collegio uninominale e sarà anche grazie a loro che vinceremo le elezioni politiche e andremo al governo. Quindi vi invito a diffidare da queste proiezioni perché non tengono conto dei nomi che metteremo in campo. A me in questo momento sembra di vivere lo stesso clima del referendum costituzionale, vedo un certo establishment che si sta compattando tutto su Berlusconi, addirittura l’Economist che disse che Berlusconi era inadatto a governare ora ha cambiato idea e non lo ha fatto perché ora Berlusconi ha un’altra qualità di gestione del Paese, dicono “adesso è l’unico che può battere i Cinquestelle”.
Cremona 07 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 07 2018

acqua calda e sapone 07 01 2018

ACQUA CALDA E SAPONE
Repubblica, assemblea nazionale Liberi e Uguali: —Tutti i leader in arrivo all’hotel Ergife rinviano le discussioni su possibili alleanze a dopo il voto, pur non chiudendo né al Partito Democratico né al Movimento 5 stelle. “Parleremo con tutti, tranne con la destra ma per una questione di igiene mentale”, ha detto Bersani, eccetera.

Cremona 07 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

gen 03 2018

quattro temi essenziali 03 01 2017

Published by under costume,Politica nazionale

QUATTRO TEMI ESSENZIALI Antonio Tajani a L’Opinione delle Libertà; il Tajani è fin didattico, aggiustasse i numeri capirebbe finalmente perché noi si va tanto malvolentieri al voto; i temi della campagna elettorale, per come li raccontano, non si fermano a quattro, arrivano a 44; ma dal 5 marzo in avanti noi elettori immaginiamo facilmente la metamorfosi: tasse per noi e privilegi per loro. E gli amici. Si chiedono mai, il Tajani e soci, perché Grillo e compagnia ridente siano accreditati di un facile 30% nonostante un blog che fa vedere cosa combineranno, vincessero? —“La disaffezione verso il voto, che in Italia non è un dato fisiologico ma un segno di malcontento diffuso, lascia spazio all’avanzata del populismo e mette a rischio la stabilità del Paese. Ma per combatterla c’è un solo modo: riportare il dibattito politico sui temi concreti confrontandosi in questa campagna elettorale su proposte, realistiche e non fantasmagoriche, su almeno quattro temi essenziali: lavoro e sviluppo, immigrazione, terrorismo ed Europa”. Lo afferma Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, in un’intervista al Corriere della Sera. “Siamo solo all’inizio della corsa, ma è bene essere chiari: da presidente della massima istituzione europea mi sento di fare un appello a tutti perché non si assista ad una rissa, ma a un confronto sui programmi”.
Cremona 03 01 2018 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

dic 31 2017

è ora di pensare in grande 31 12 2017

E’ ORA DI PENSARE IN GRANDE
Titolo di una specie di “qui si fa l’Italia o si muore” apparso stamattina sul blog del Maestro, a firma Di Maio Luigi, e io mi ripeto sempre la stessa domanda: che faccia ha quel 30% di italiani che li vota? Un estratto: —Per poterci presentare alle elezioni ci siamo dovuti dotare di un nuovo Statuto e di un nuovo Codice Etico. Il Garante resta Beppe Grillo, come sancito dalle votazioni online di settembre, io ho accettato la carica di Capo Politico con tutte le responsabilità che ne derivano: la presentazione delle liste, del simbolo e del programma e la definizione della squadra di governo. Ci saranno il Comitato di Garanzia e il Collegio dei Probiviri. I componenti del primo sono Giancarlo Cancelleri, Vito Crimi e Roberta Lombardi, quelli del secondo Paola Carinelli, Nunzia Catalfo e Riccardo Fraccaro—
La sera, il discorso di fine anno di Beppe Grillo in persona: ma chi lo vota, lo legge? Come può non reagire di fronte a un avviso tanto chiaro: “ o mi voti o ti cambio?”
—A noi non c’è niente che ci può spaventare dopo che abbiamo fatto cinque anni di politica in questo paese. Non c’è più niente che ci possa spaventare. Andremo avanti e se non saremo eletti questa volta allora dovremo pensare a delle elezioni per eleggere un popolo nuovo. Auguri! Vi abbraccio in una maniera strepitosa questa volta! Lo dovete sentire fisicamente. E io ci sono! Sarò un po’ defilato, un po’ lì, ma io sono sopra perché io sono l’Elevato. BUON 2018 A TUTTI!—
Cremona 31 12 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

dic 30 2017

poche idee, ma confusissime 30 12 2017

POCHE IDEE, MA CONFUSISSIME
Anche per il MoVimento fidarsi è bene ma eccetera, secondo il Corriere; unico lieve ostacolo al progetto, il 67 della Costituzione, che fa: “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”
—Arriva l’ armageddon finale per i futuri dissidenti: una multa da 100 mila euro per chi non è linea e cambia gruppo. Multa che i parlamentari si dovranno impegnare a pagare con il nuovo codice di comportamento (anche se la validità giuridica dell’ obbligo è molto dubbia). Modello capestro imposto già alla sindaca Virginia Raggi (ma non a Chiara Appendino, che si è rifiutata).

Cremona 30 12 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

dic 19 2017

poche idee ma confuse 19 12 2017

Published by under costume,Politica nazionale

POCHE IDEE MA CONFUSE
Finalmente il candidato premier Di Maio Luigi è sceso a più miti consigli: non superasse il 40% farebbe anche il governo col Pd, purché il Pd accettasse di uscire dall’Euro!

Cremona 19 12 2017 www.flaminiocozzaglio.info flcozzaglio@gmail.com

No responses yet

Next »